Archivi tag: testimoni di geova

Qualsiasi ambito relazionale può diventare una setta

Oltre 300.000 colpiti da culti in Spagna

Professionisti, familiari ed ex membri discutono di questo fenomeno che non è solo religioso

El psicólogo Miguel Perlado junto a Christopher, Enric y Juan en...Lo psicologo Miguel Perlado con Christopher, Enric e John a Barcellona

 

Il fenomeno delle sette mantiene una vecchia problematica, ma con un volto nuovo. Queste organizzazioni non sono più associate solo ad una componente religiosa, ma negli ultimi anni ci sono state sette legate alla pseudoterapia o al supporto pseudospirituale. “Il loro comportamento è simile: attraggono mediante un’esca” dice lo psicologo Miguel Perlado, presidente della Associazione Americana per la Ricerca sul maltrattamento psicologico (AIIAP) che in questi giorni ha organizzato la Prima Conferenza Nazionale per Professionisti, Famiglie ed ex membri di culti a Barcellona.

Questa è la prima volta che si tenta di discutere in modo plurale su come le sette influenzano le persone e il loro ambiente e quale aiuto questi ultimi possono ricevere dal loro ambiente. Perlado si rammarica che il governo “ha trascurato” questo problema quando in altri paesi europei come la Francia, ci sono leggi specifiche. “In Spagna il fenomeno è sminuito“, spiega lo psicologo, che ricorda che ci sono “gruppi religiosi legati al potere“.

A dispetto di questo, il principale ostacolo delle persone che hanno problemi con le sette è abituarsi ad essere se stessi, poiché lo soffrono come “un stigma” e “si vergognano per essere stati manipolati“, pur avendo istruzione o formazione, secondo quanto riferiscono due vittime, John e Christopher, che hanno portato la loro testimonianza diretta in questa conferenza. Hanno anche spiegato che alcune vittime mostrano “riluttanza ad andare da un terapeuta“, non solo a causa delle difficoltà di spiegare il proprio caso, ma anche perché molti [terapeuti, ndt] non sono ben formati su questi problemi.

In questo senso, la conferenza, cui hanno partecipato circa 130 persone, ha cercato di stabilire criteri comuni per la cura delle persone colpite, discutere di sette, creare una rete per “unire le forze” e migliorare la prevenzione verso i  giovani, in quanto questi sono i più esposti ad “essere catturati“, come spiega  Perlado e quindi “possono perdere il controllo della loro vita e finire isolati“. Un’altra sfida della conferenza è “rompere gli stereotipi delle sette“, perché non solo possono influenzare mediante le questioni religiose, ma anche tramite gruppi di terapie alternative o di crescita spirituale.

Le vittime concordano sul fatto che in questi circoli si procede lentamente per andare a cancellare la propria volontà, si viene incoraggiati a non pensare e a lavorare per il bene del gruppo. “Quando si rendono conto di avere il controllo assoluto su di voi, demonizzano tutto al di fuori, anche la tua famiglia“, spiega Enric, un altro ex membro di una setta. “Qualsiasi ambito può diventare una setta“, dice Perlado, riferendosi alle pratiche di alcune istituzioni o aziende per mantenere dentro i propri membri. Una caratteristica è la possibilità di isolare la persona. Più spesso entrano in conflitto con la famiglia colpita o con ambienti non strutturati, mediante una presenza dominante che tende ad ossessionare il controllo e annullare il resto.

Dei 200 gruppi settari che sono presenti in Spagna si stima che la metà è in Catalogna. L’AIIAP stima che il problema delle sette colpisce 0,8% della popolazione, il che significa più di 55.000 in Catalogna e 300.000 in Spagna.

John spiega di essere cresciuto nell’ambiente dei Testimoni di Geova e che dopo 28 anni ha avuto una “crisi di coscienza” quando vide un bambino morire a Barcellona dopo che i  membri di questo gruppo avevano impedito che ricevesse una trasfusione, perché contraria al loro credo. Spiega che ha sofferto molto perché era da solo al di fuori della sua famiglia e non avrebbe avuto nessuna congregazione.

Christopher ha trascorso cinque anni in un gruppo di kinesiologia fino a che non è uscito grazie alla sua famiglia e ad un aiuto professionale. Da parte sua, Enric entrò attraverso un parente in una setta gnostica distruttiva e dopo 14 anni riuscì ad allontanarsi discretamente. Spiega che in quello tempo ebbe molti dubbi benché soffrisse, “una specie di inquisitore interno“, e li reprimeva per il bene della comunità, così come gli avevano insegnato.

Fonte: http://www.elmundo.es/cataluna/2015/03/06/54fa0a1dca4741ae6c8b4571.html

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

I Testimoni di Geova hanno occultato i casi di abusi sessuali sui minori?

watch?v=J-w3smjZUgM

A San Francisco una donna ha citato in giudizio i Testimoni di Geova per non averla protetta da un pedofilo conosciuto quando era una bambina. Il Center for Investigative Report ha fatto luce sulle accuse secondo cui i leader religiosi hanno occultato gli abusi sessuali su minori. L’inviato speciale, Trey Bundy del CIR’s Reveal racconta di come l’Organizzazione stia utilizzando il primo emendamento per difendersi da queste accuse.

SEGUE TRASCRIZIONE DEI CONTENUTI DEL FILMATO:

Gwen Ifill: Il prossimo [servizio]: un’indagine sugli abusi sessuali tra i Testimoni di Geova e sulle accuse che i leader religiosi li avrebbero occultati all’interno di alcune delle 14.000 congregazioni degli Stati Uniti.

I nostri colleghi del Center for Investigative Report hanno ottenuto un  memo confidenziale che fa nuova luce sulle rivelazioni.

L’inviato speciale Trey Bundy ha una storia dal Reveal, un nuovo sito Web, radiofonico, e un podcast gestito dalla centrale.

TREY BUNDY: Ad un convegno dei Testimoni di Geova in California, i nuovi membri si stanno battezzando.

UOMO: Al tuo battesimo, dici di sì.

TREY BUNDY: Vi aderiscono più di otto milioni di membri in tutto il mondo.

Ai credenti viene insegnato a rinunciare alla società laica, perché essa è controllata da Satana, e di non  socializzare troppo con gli esterni. Ma l’accusa di abusi sessuali ha portato questa comunità insulare sotto una maggiore attenzione. Ed ora, in questo tribunale di San Francisco, il primo caso di abusi sui minori contro i Testimoni di Geova è a processo.

Candace Conti ha citato in giudizio l’organizzazione per non aver proteggerla da un pedofilo conosciuto quando aveva 9 anni.

CANDACE CONTI, querelante: Se dovessi riassumere i nostri obiettivi in questo caso, erano di attaccare le politiche e le procedure che mantengono all’interno un molestatore seriale, il quale continua a molestare i bambini.

TREY BUNDY: l’avvocato di Conti afferma che le istruzioni dei leader dei Testimoni di Geova hanno favorito i molestatori di bambini.

UOMO: Le istruzioni erano di mantenere questi pedofili nel segreto.

TREY BUNDY: Il caso si impernia sulle lettere da parte dei leader dei Testimoni di Geova ai capi delle congregazioni locali. Per quasi 20 anni, essi hanno ordinato loro di inviare i rapporti come questo per ogni pedofilo noto, per nascondere questi casi alle loro congregazioni, e per non collaborare con le forze dell’ordine o con i giudici.

Essi hanno rifiutato gli ordini dei giudici di consegnare queste segnalazioni di abuso, quindi non si sa quanti casi come quello di Conti ci sono là dentro.

JAMES McCabe, avvocato dei Testimoni di Geova: I Testimoni di Geova aborriscono la pedofilia in qualsiasi forma.

TREY BUNDY: I Testimoni di Geova insistono di rispettare le leggi. E i loro avvocati sostengono che il primo emendamento dà loro il diritto di impostare una policy sugli abusi sui minori come meglio credono.

JAMES MCCABE: le convinzioni religiose e gli standard dei Testimoni di Geova sono in gioco in questo caso, dall’inizio alla fine.

TREY BUNDY: Le credenze religiose provengono dalla Watchtower Bible and Tract Society di Brooklyn, che ha spesso usato il Primo Emendamento per difendere le sue politiche di separazione.

Nel 1943 hanno anche vinto una causa della Corte Suprema sostenendo che gli aderenti non dovrebbero essere costretti a giurare fedeltà alla bandiera.

TREY BUNDY: gli avvocati della Torre di Guardia, che si sono rifiutati di parlare con noi, stanno ancora sostenendo il Primo Emendamento come difesa per mantenere segreti nelle congregazioni gli abusi sui minori.

JAMES MCCABE: Agli anziani  in quella lettera viene consigliato di prestare speciale attenzione  al consiglio di non rivelare il discorso confidenziale di un altro, citando dalla Bibbia il libro dei Proverbi, capitolo 25, versetto 9.

TREY BUNDY: Candace Conti faceva parte della congregazione dei Testimoni di Geova di Fremont, in California. Ella spesso si è recata in gruppi di adulti per andare a bussare alle porte,  tra loro c’era anche quest’uomo, Jonathan Kendrick.

CANDACE CONTI: Era molto dominante, molto prepotente, molto – ha imposto la sua presenza.

TREY BUNDY: Lei dice che Kendrick avrebbe approfittato dell’attività di  predicazione per trovare il modo di rimanere solo con lei.

CANDACE CONTI: Jonathan Kendrick mi ha molestato da bambina. Ho ingoiato tutto e ho cercato di non pensarci su, più che potevo.

TREY BUNDY: Quello che nessuno nella famiglia di Conti sapeva era che Jonathan Kendrick aveva ammesso di aver molestato una bambina un anno prima.

A Michael Clarke, un anziano della congregazione, è stato chiesto qualcosa a questo proposito in questa deposizione.

UOMO: Si ricorda di essere venuto a conoscenza di un abuso sessuale su un minore da parte di Jonathan Kendrick?

MICHAEL CLARKE, Anziano della Congregazione del North Fremont: Sì.

UOMO: Quando è venuto a conoscenza di tale relazione?

MICHAEL CLARKE: Egli ci aveva chiamato a casa sua per discutere qualcosa – o per confessare di un incidente con la sua figliastra.

TREY BUNDY: Clarke non ha chiamato la polizia. Ha seguito il protocollo della Torre di Guardia. Ha scritto al quartier generale di New York, chiedendo come trattare  la confessione di Kendrick. Gli hanno risposto di non approfondire la questione.

Invece hanno detto, “forniscigli  forti consigli scritturali per evitare il ripetersi di tale grave reato”.

MICHAEL CLARKE: noi non rendiamo questo pubblico alla congregazione. E’ cosa riservata.

TREY BUNDY: Gli anziani non avvertono gli altri membri che uno di loro è un pedofilo.

UOMO: Queste sono la politica e la prassi dei Testimoni di Geova che si apprendono come  anziano, giusto?

MICHAEL CLARKE: Sì.

TREY BUNDY: Clarke dice che gli anziani hanno suggerito di non lasciare Kendrick solo con i bambini. Ma a lui era ancora permesso di partecipare alle attività della congregazione dove c’erano anche i minori. Un anno dopo, uno di quei minori era Candace Conti.

CANDACE CONTI: E io non credo che abbia mai smesso. So che con me non ha smesso. Sai, è sempre lì. Ed era solo probabilmente uno di quei giorni che io avevo sentito.

TREY BUNDY: Conti ha taciuto sugli abusi, solo anni dopo, quando ha scoperto su un registro di  reato sessuali che egli aveva molestato un’altra giovane ragazza. Ella ha così deciso di citare in giudizio la Torre di Guardia.

CANDACE CONTI: Penso che, dopo averlo scoperto, ho avuto questo senso di colpa. E se ho fatto qualcosa io? E se io non fossi stata una codarda? E se io avessi fatto qualcosa per proteggere forse quest’altra bambina? Sapevo di cosa era capace, ma non ho fatto niente. E poi ora guarda cosa è successo.

TREY BUNDY: ho guidato fino a Oakley, California, dove Kendrick si era trasferito quando ha lasciato la congregazione di Conti. Ho incontrato la ragazza che Conti ha trovato. Ella ha accettato di parlare con noi, a patto che non mostriamo il suo viso.

DONNA: Quando ero una bambina, probabilmente a circa 6 o 7, Jonathan Kendrick ha abusato di me.

TREY BUNDY: Ella incolpa la Torre di Guardia che ha consentito, col suo segreto, di aver fatto entrare nella sua famiglia Kendrick  e di essere diventata il suo bersaglio. La famiglia ha citato in giudizio i Testimoni di Geova.

DONNA: Si sapeva che aveva un passato, e non l’hanno detto a  noi.

TREY BUNDY: Quando Kendrick si trasferì alla congregazione di Oakley, a nessuno è stato detto che era un molestatore di bambini, nemmeno a Roger Bentley, che ha servito come  anziano lì per 30 anni. Ha rivisto la lettera di presentazione dalla vecchia congregazione di Kendrick.

ROGER BENTLEY, ex anziano, della Congregazone di Oakley: Non c’è alcuna indicazione per tutti sul fatto che lui è colpevole di abusi sui minori.

TREY BUNDY: Quindi non si parla di abusi sui minori, ma nessuna menzione di bambini?

ROGER BENTLEY: Beh, se la si legge, si dice che è un individuo molto interessante, che ha preso il comando con alcuni giovani della congregazione e li ha riabilitati da strade sbagliate.

Questo non è un pedofilo. Questa è una raccomandazione. Questa è una raccomandazione molto specifica: Oh, calma. Lui è bravo con i bambini.

TREY BUNDY: ho passato mesi cercando di intervistare i leader della Torre di Guardia, ma non parlano con me. Invece, hanno inviato una dichiarazione, dicendo che rispettano le regole sulle segnalazioni, che non proteggono coloro che abusano in applicazione alla legge, e che si impegnano a prevenire gli abusi sui minori.

E in una delle decine di cause legali che si sono aperte, al supervisore della Watchtower, Richard Ashe, è stato chiesto se l’organizzazione ha delle responsabilità nel proteggere i bambini dagli abusi.

RICHARD ASHE, Supervisore della Watchtower: Beh, nella congregazione la nostra è una protezione spirituale. Quando si parla di protezione fisica, essa è compito delle autorità secolari.

TREY BUNDY: Gli è stato chiesto se esistono direttive bibliche della Torre di Guardia per mantenere i casi di abusi sui minori riservati.

UOMO: Si afferma, al paragrafo tre, che c’è un tempo per tacere, quando le tue parole possono dimostrare di essere insufficienti.

Vedete questo?

RICHARD ASHE: Sì.

UOMO: Ho intenzione di oppormi a questo. Si tratta di una violazione del Primo Emendamento, la libertà di religione, la libertà di associazione.

TREY BUNDY: I tribunali continuano a confrontarsi con la domanda: In caso di libertà di religione prevalere la responsabilità di proteggere i bambini?

Nel caso di Candace Conti, la giuria escludeva il Primo Emendamento e ha deciso che la Torre di Guardia e la congregazione del North Fremont erano state negligenti e non l’hanno adeguatamente protetta dagli abusi.

Kendrick sostiene di non averla mai molestata. Lei, in attesa di appello, ha ricevuto più di 15 milioni di dollari di risarcimento per danni. E’ la prima volta che una giuria ha ordinato alla Torre di Guardia di pagare per le sue politiche sugli abusi sui minori.

Ma per un’altra vittima di Kendrick, la sua causa contro la Torre di Guardia è stata archiviata. Anche se Kendrick ha confessato l’abuso in questa deposizione ed è stato condannato a  circa otto mesi di carcere, il giudice ha affermato che le politiche della Torre di Guardia erano vincolate dal Primo Emendamento. Non era responsabile perché l’abuso si  verificato a casa e non nel corso delle attività religiose. La Torre di Guardia non aveva alcun obbligo di avvertire la famiglia sul passato di Kendrick.

Kendrick è ora libero ed è ancora un membro attivo della congregazione di Oakley.

CANDACE CONTI: Il fatto che Jonathan Kendrick sia ancora un membro in buona condizione è assolutamente ridicolo. E’ spaventoso. Il fatto che egli abbia ancora l’accesso ai bambini – e, in realtà, i miei genitori non avevano il potere di sapere che Jonathan Kendrick era un pedofilo.

Diamo ai genitori il potere di essere in grado di proteggere i loro figli. Ed è quello che queste organizzazioni impediscono.

TREY BUNDY: Nonostante l’enorme verdetto contro la Torre di Guardia, l’organizzazione si attiene alle sue politiche. In realtà, è appena uscito un memo confidenziale che ricorda agli anziani di tacere sugli abusi sui minori.

Così Trey Bundy dal Riveal per la NewsHour.

Fonte: http://www.pbs.org/newshour/bb/leaders-jehovahs-witnesses-cover-child-sex-abuse/

 

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

La Psicoterapia e il Cliente Fondamentalista: gli obiettivi e le sfide del trattamento dei testimoni di Geova.

Author information

  • 1Derner Institute of Advanced Psychological Studies, Adelphi University, Garden City, NY, USA, meredithfriedson@yahoo.com.

Abstract

I Testimoni di Geova sono un gruppo religioso cristiano fondamentalista, ben noti per il loro proselitismo porta a porta. Come risultato della loro fede nella diffusione della Parola di Dio e della conversione di altri, i Testimoni di Geova sono in crescita in tutto il mondo. Un elemento primario della dottrina dei Testimoni di Geova e di altri gruppi fondamentalisti è la regola di non intrattenere relazioni con persone al di fuori della loro religione. Come risultato di questo isolamento, molti fondamentalisti che soffrono di stress psicologico possono esitare a ottenere aiuto da parte della comunità della salute mentale. Il loro sistema di credenze e di valori culturali, compresa la pratica di “scomunica” o di evitamento dei membri, influenzano i tipi di problemi che i Testimoni di Geova e altri fondamentalisti presentano nella terapia e rappresentano ostacoli al trattamento e complicazioni che possono sorgere all’interno della relazione terapeutica.

FONTE: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25261980

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Sette e santoni crescono, le istituzioni tacciono

Il mondo dell’occulto è più vicino di quanto si possa immaginare. Le lobby settarie sono molto attive, specie nei palazzi di potere. Ma lo Stato è assente: in Italia non esiste il reato di manipolazione mentale. Ogni tentativo è miseramente fallito. Un aiuto enorme per i guru che, così, vivono felicemente impuniti

di Carmine Gazzanni
“Queste organizzazioni funzionano con la stessa logica della mafia. Se tu parli, critichi, attacchi e hai il coraggio di esporti, ti bastonano fino a farti zittire. La mafia ti mette nell’acido, questi ti rovinano la reputazione per sempre”.
Il parallelo della dottoressa Lorita Tinelli del Cesap (Centro Studi Abusi Psicologici) è di quelli che lasciano quanto meno spiazzati. Eppure il mondo – poco conosciuto – delle sette religiose è un mondo inquietante. Fatto di vite distrutte e di abusi di ogni tipo. E, purtroppo, di uno Stato assente grazie al quale tanti santoni e “guru” del mondo occulto rimangono felicemente impuniti. Il motivo risiede nel fatto che in Italia non esiste il reato di manipolazione mentale. Un inspiegabile vuoto normativo grazie al quale il mondo dell’occulto prospera.“LA MIA VITA COL MOSTRO”
Paola vive nella zona di Cesenatico. A distanza di anni è riuscita a rifarsi una vita. Ma, come lei stessa racconta, “molte cose ti restano. Per sempre”. Tutto comincia quando Paola ha solo 15 anni. La madre comincia a frequentare un santone che dice di parlare con la Madonna. “Vivevamo  un momento di difficoltà in quel periodo e tanto è bastato affinché mia madre, e di conseguenza anche io e mia sorella, ci legassimo sempre di più a lui”. Presto la vita di Paola comincia a cambiare radicalmente: “Nel giro di tre mesi mia madre si è letteralmente trasformata: casa divenne piena di quadri della Madonna e di crocifissi, la sera sempre il rosario, due giorni a settimana o digiuno o pane ed acqua. Bisognava seguirlo in tutto e chi non lo seguiva era in mano a Satana”. La musica era di Satana (“conta che io non potevo ascoltare musica se non canti religiosi o Radio Maria. Ho cominciato ad ascoltare musica a 26 anni”), la televisione era di Satana. E così l’oro, i dolci, la cioccolata. Per non parlare poi di discoteche, alcol, locali.

Con il tempo, gli abusi e le richieste cominciarono a diventare sempre più pressanti. “Pian piano mia madre era presa, sempre più presa. Tanto che il santone le disse: ‘Tu avrai grandi prove del fatto che la Madonna ti vuole davvero bene’. Ma affinché questo accadesse, diceva lui, erano necessarie prove. Una di queste prove era quella di non essere attaccata al denaro”.

Il processo, graduale, portò la madre di Paola a comprare al santone qualcosa come venti auto. “Nel giro di dieci anni tutto quello che lui chiedeva, mia madre comprava. Così facendo sono finiti tutti i nostri risparmi, poi ci siamo ridotti a fare debiti, finché non abbiamo dovuto vendere anche la nostra casa”. Ma non basta.
Agli abusi economici si aggiunsero anche quelli sessuali. Il racconto è sconvolgente: “Sia io che mia sorella abbiamo avuto il nostro primo rapporto sessuale con lui. Senza che noi, essendo piccole, ce ne rendessimo nemmeno conto”. Prima semplici discorsi, poi carezze sempre più spinte. “Una ragazza che è cresciuta praticamente fuori dal mondo come è capitato a me, non si rende conto di nulla”. E alla fine, complice una madre completamente annichilita, ecco l’abuso. E non una volta sola. Basti questo: oggi Paola è madre di quattro figli. Tutti avuti dal “mostro”, come oggi lei lo chiama.

Ed è proprio dopo il quarto figlio (e grazie all’aiuto di un sacerdote) che Paola rinsavisce e si allontana per sempre dal santone. Va dai carabinieri per denunciare tutto. Ma la risposta è raggelante: “Quando ho detto che mi costringeva ad avere rapporti con lui, loro mi dicevano: ‘tu eri maggiorenne in quel periodo. Ora non è più dimostrabile nulla, né un abuso né nulla’”. E oggi il “mostro” vive tranquillamente. In libertà. Nonostante, dice Paola, “da quello che so, la stessa cosa è successa anche ad altre cinque ragazze”.

UNA REALTÀ COMUNE  
Di storie come quella di Paola, il mondo occulto è pieno. Sono storie di abusi di ogni genere. È la storia di Giacomo Sotgia, ex adepto di Scientology, che nel suo memoriale del 10 agosto 2010, allegato alla denuncia presentata alla Procura di Pordenone, ricorda che “negli otto anni di affiliazione ritengo di aver versato, a vario titolo, circa novantamila euro”. È la storia di Franco, ex membro della Federazione di Damanhur nel torinese, che uscito dalla setta dopo venti anni, si è trovato senza risparmi e senza alcun contributo versato dato che nella Federazione esiste una moneta propria (il Credito) ovviamente non riconosciuta dallo Stato italiano.

È la storia, ancora, di famiglie spezzate. Come nel caso di Greta il cui ex compagno è fuggito con ben 150mila euro da donare ancora alla Federazione di Damanhur. Soldi che entrambi i genitori avevano racimolato per un solo obiettivo: pagare le spese universitarie per la figlia. È, ancora, il caso di un uomo di Bergamo, sposato con una testimone di Geova. Dopo vari tentativi di farlo convertire, lei decide di mollarlo, di punto in bianco. Portandosi con sé la figlia. E impedendole qualsiasi tipo di contatto con il padre. Oggi è la figlia stessa, plagiata, che non vuole più vedere il padre perché, dice, “se non ti converti, se non diventi un fratello, morirai”.

VUOTO ISTITUZIONALE  
Lo Stato, però, preferisce non intervenire. Nonostante il fenomeno sia in evidente espansione (un recente studio del Codacons parla di un fatturato dell’occulto che è arrivato nell’ultimo anno a oltre 8 miliardi, con 13 milioni di italiani nella rete), non abbiamo dei dati certi e ufficiali sul numero delle organizzazioni settarie presenti nel nostro territorio. L’ultimo rapporto che possediamo, realizzato dal Viminale, risale addirittura al 1998. Eppure, già allora si parlava di 76 movimenti religiosi per un totale di 78.500 affiliati. Il numero, però, col tempo è cresciuto a dismisura. “In quel periodo –  spiega la dottoressa Tinelli – il Ministero degli interni si occupò esclusivamente dei movimenti magico-esoterici che non sono la totalità dei gruppi esistenti oggi a livello nazionale. Attualmente riteniamo che ci siano all’incirca circa 500 gruppi organizzati”. Insomma, un aumento approssimativo di oltre il 500% nel giro di 16 anni.

Verrebbe da chiedersi, a questo punto, come sia possibile che non ci sia il benché minimo controllo di tale fenomeno. Semplice: l’Italia non ha una legge ad hoc. “Tanti santoni, guru o capisetta – dice Maurizio Alessandrini, presidente della Favis (Associazione Familiari delle Vittime delle Sette) – possono tranquillamente fare quello che fanno perché in Italia non esiste a riguardo una tutela”. “Bisognerebbe reintrodurre – chiosa la dottoressa Tinelli – il reato di manipolazione mentale”. Già, reintrodurre. Perché in Italia c’era. L’articolo 603 del codice penale, infatti, prevedeva che chi sottoponeva “una persona al proprio potere in modo da ridurla in totale stato di soggezione” poteva essere condannato fino a 15 anni di reclusione. Tuttavia dopo il caso Braibanti (nel 1967 un intellettuale di sinistra, aveva avuto rapporti omosessuali con due giovani. Uno dei due, però, spinto dai genitori, denunciò il tentativo di Braibanti di “introdursi nella sua mente”), la Consulta ha dichiarato il reato incostituzionale perché “reato d’opinione”. Da allora tutti i tentativi fatti per reintrodurlo sono miseramente falliti.  ”E’ chiaro – puntualizza Alessandrini – che non è nostro scopo resuscitare il vecchio reato di plagio, che la Consulta definì opportunamente una mina vagante nel nostro ordinamento giuridico. Auspichiamo però che lo Stato italiano possa adottare idonee misure legislative che prevengano e contrastino il condizionamento psicologico degli individui”.

Anche a causa delle pressioni delle lobby settarie, molto attive in Parlamento. L’ultimo tentativo di peso si è avuto nel 2005, quando un ddl sull’introduzione del reato di plagio è stato approvato dalla commissione Giustizia. Arrivato però in Aula a Palazzo Madama, dopo vari rinvii, è stato congelato, fino a scomparire dall’agenda politica. Anche in questa legislatura qualcuno ci ha riprovato. Come Pino Pisicchio che, il 15 marzo 2013, ha presentato una nuova proposta di legge sull’introduzione del reato di manipolazione mentale. Il ddl, però, non è mai stato nemmeno calendarizzato in commissione.

SANTI IN PARADISO
La domanda, allora, nasce spontanea: perché, nonostante il problema sia sotto la luce del sole, dopo anni e anni l’Italia non è stata in grado di attuare una legge che possa contrastare il mondo settario? “Dietro tutto questo c’è qualcosa di molto più grande”, dice Rocco Politi, ex testimone di Geova. Interessi, lobby, legami politici. Tesi che trova conferma con quanto raccontato nel libro-inchiesta “Occulto Italia” agli autori Gianni Del Vecchio e Stefano Pitrelli dal senatore Antonino Caruso: “Già nel 2005, da presidente della commissione Giustizia, misi all’ordine del giorno la discussione di un ddl sulla manipolazione mentale. Pochi giorni e arrivò nelle mani di tutti i senatori della commissione un costoso libro di Scientology in cui si raccoglievano tutte le fantastiche opere dell’organizzazione. Non credo sia stato un caso”.

Probabilmente, però, non c’è affatto da stupirsi. Tutte le sette religiose cercano legami. E le maggiori riescono anche facilmente ad attrarre uomini politici che, a loro volta, sanno di andare incontro ad un ricco bacino di voti. Un esempio su tutti: prima che il transfugo Domenico Scilipoti abbandonasse l’Idv, fu incaricato dallo stesso Antonio Di Pietro di dar vita al primo Forum nazionale antiplagio e al cosiddetto Osservatorio nazionale sulle sette abusanti. Peccato però che non si giunse mai a nulla di concreto dato che, tra le altre cose, lo stesso Scilipoti ha dato vita, poco tempo dopo, al Movimento Olistico, vicino alla Federazione Damanhuriana. Coincidenze? Forse. Certo è che sono tante.

ASSOCIAZIONI ABBANDONATE
Il risultato di questo quadro è che gli unici a lottare contro il mondo settario e ad offrire aiuto ai fuoriusciti spaesati sono le associazioni attive sul territorio, spesso fondate dagli stessi ex fuoriusciti,  come nel caso di Rocco Politi che ha fondato “Quo vadis”, proprio “per l’aiuto alle vittime dell’ostracismo dei movimenti religiosi alternativi devianti”. Senza un aiuto istituzionale, però, tali associazioni sono totalmente abbandonate, vittime di intimidazioni, anche pesanti. È il caso di Lorita Tinelli, la psicologa da sempre attiva nel contrasto al mondo delle sette con il Cesap (Centro Studi Abusi Psicologici) e che ormai vive una situazione di costanti pressioni.

La dottoressa, una studiosa impegnata nella tutela delle vittime di Arkeon, organizzazione pugliese sconquassata da pesanti inchieste giudiziarie che hanno portato ad una condanna definitiva per abusi sessuali di un maestro, mentre altri sono stati condannati in primo grado per associazione a delinquere. “Eravamo in tre in prima linea – ci dice – Ci hanno bersagliato e infamato in tutti i modi. Uno di noi tre, un altro psicologo, dopo pesantissime ingiurie si è suicidato nel 2010”. Le intimidazioni sono di ogni genere possibile: non solo l’attacco giuridico (“ci riempiono di denunce per diffamazione che ovviamente non hanno mai vinto”), ma anche continue  accuse infamanti tramite blog anonimi. “Addirittura – dice Tinelli – sono entrati nei computer, sono entrati nella nostra posta, l’hanno pubblicata arbitrariamente su un sito anonimo dimostrando, secondo loro, che noi avremmo congegnato un complotto”. Insomma, l’assurdo. Che sguazza in un imbarazzante vuoto normativo.

Torre di Guardia: I Testimoni di Geova minacciano i bambini che non prestano attenzione in sala con la morte


15 Feb 2015 at 12:18 ET

Screen capture (JW.org)

Un video animato realizzato dai Testimoni di Geova informa i bambini che se non  prestano attenzione in Sala, lo fanno a loro rischio e pericolo.

Nel video vi sono due bambini che partecipano ad una riunione in Sala con i loro genitori. Un predicatore ronza incomprensibile sullo sfondo, una ragazza viene rimproverata perchè sta quasi per addormentarsi, mentre un ragazzo è punito per aver tentato di giocare con la sua macchinina.

Quando la famiglia arriva a casa, tutti  si siedono a tavola. La madre chiede che cosa i due figlia hanno imparato in Sala oggi, e la ragazza risponde: “non dormire durante la riunione” mentre il ragazzo risponde, “non giocare nel corso della riunione“.

Il padre poi chiede ai bambini di immaginare “cosa sarebbe successo se nessuno avesse ascoltato Geova quando ha spiegato a Noè come costruire l’Arca“.

Il narratore mostra poi Noè e i suoi bambini che giocano su dispositivi di gioco portatili, a caccia di farfalle, che parlano, e durante il sonno, presumibilmente, Dio sta spiegando loro come costruire l’Arca. Il cielo si oscura, tutti corrono in un edificio rettangolare progettato che cade in parte quando la prima goccia di pioggia lo colpisce.

Lo schermo poi si riempie di acqua, e il dispositivo palmare con cui Noè stava giocando in precedenza galleggia vicino con la parola “GAME OVER” su di esso.

Non è quello che è successo, papà», dice il figlio.

È veroNoè ha prestato attenzione e ha salvato la sua vita. Prestando attenzione alle riunioni può contribuire a salvare anche  la tua vita“.

Il video poi taglia di nuovo sulla famiglia nel corso della riunione della Sala, ed entrambi i bambini sono diligentemente a prendere appunti mentre il predicatore – la cui voce è ora cristallina – spiega come Dio ha insegnato a Noè come costruire l’Arca.

Guarda il video intero via JW.org su YouTube qui sotto.

watch?v=eYOxGGgiZbo

 

Fonte: http://www.rawstory.com/rs/2015/02/watch-jehovahs-witnesses-threaten-kids-who-dont-pay-attention-in-church-with-death/#.VOImfqGxZYk.facebook

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

Osservazioni sulla trasmissione del Le Iene sui Testimoni di Geova

I Testimoni di Geova e le trasfusioni

 

Scomunicati dai Testimoni di Geova

 

Recentemente ci sono stati due servizi delle Iene sul caso ” Testimoni di Geova “, so che l’argomento non appassiona o interessa i piu’, ma per me e’ diverso perche sono stato uno di loro per circa 11 anni, e questo il motivo per cui negli ultimi giorni ho postato abbastanza sul tema nella mia bakeka di Facebook.

Il giudizio comune su di loro, che nasce da una scarsa informazione, e’ generalmente bonario, sono considerati zelanti se non ammirevoli ( “noi cattolici dovremmo prendere la nostra religione piu’ seriamente come fanno loro “, sento a volte dire ), un po strampalati ma gentili e ben vestiti, danno un’immagine di gruppo unito e ordinato, e con i loro diffusi banchetti pieni di riviste ormai li consideriamo quasi parte del paesaggio.
Insomma il loro marketing funziona, se non nel proselitismo (dove in Italia , e non solo, hanno pessimi risultati), nell’immagine pubblica che danno si se. Ma tutti noi sappiamo che se nella pubblicita il detersivo lava bianco piu’ bianco e spariscono anche le macchie impossibili, e  con Mastrolindo li vuol lavare lui, nella vita vera la conduzione domestica e’ un tantino differente.

Ecco , uscendo dall’immagine pubblicitaria pubblica, dove tutti gli aspetti sgradevoli sono accuratamente occultati, la realta’ dei Testimoni e’ triste per molti e drammatica per altri, anche per i motivi che i servizi delle Iene hanno sottolineato, una realta’ dove i meccanismi settari fatti di controllo dei comportamenti e del pensiero, in un sistema gerarchico molto sottolineato, producono divisione e lacerazione in molte famiglie oltre che rischio della vita soprattutto nei casi in cui necessita una trasfusione di sangue.

Chiusi nel loro fortino di certezze ( “lo dice la Bibbia” dicono loro, in realta’ lo dice il loro gruppo dirigente, che interpreta la loro Bibbia, sconfessata da tutti gli studiosi di ebraico e greco del mondo, in modo da farle dire cose che in realta’ il testo biblico non dice )… si difendono chiudendosi a riccio e utilizzando queste critiche come “dimostrazione” di persecuzione satanica nei loro confronti che li conferma come unico popolo eletto da Dio.

Come hanno reagito i Testimoni di Geova a questi servizi delle Iene?

1) L’ex Testimone di Geova, che ha segnalato alle Iene l’argomento, con la sua esperienza in cui raccontava di essere stato espulso perche’ ha acconsentito a trasfondere un minore in pericolo di vita, secondo il dirigente dei Testimoni Giorgio Caminiti ” e’stato espulso per reati in campo finanziario… e la bambina e’ morta in seguito alle trasfusioni “. Ovviamente, senza nessuna prova a sostegno di tali affermazioni, i Testimoni di Geova credono all’unisono su quanto detto perche’ lo ha detto Giorgio Caminiti e questo basta e avanza (ai tempi in cui ero Testimone, lo ammetto, sarebbe bastato anche a me). Curioso che il dirigente Stefano Papazian, in evidente difficolta’quando intervistato, non abbia avuto il coraggio di dire le stesse cose davanti alle telecamere, facendo chiarezza una volta per tutte. Forse che lanciare accuse davanti a un pubblico plaudente e’ piu’ facile? Chissa’ …

2) Le persone intervistate in questi servizi non sono veri Testimoni ma verosimilmente attori, da cui si deduce che Pelazza, il giornalista, e’ un disonesto che fa cattiva informazione, in combutta coi nemici di Geova ( i Testimoni di Geova amano le teorie complottiste).

3) Non manca ovviamente il costante riferimento alla “persecuzione” della loro minoranza religiosa, in uno Stato, quello italiano, che dovrebbe essere pluralista. Per i Testimoni ogni critica corrisponde a persecuzione, ma solo quando rivolta alla loro Organizzazione. Quando invece le critiche vengono dal loro interno, il malcapitato che osasse proferir parola uscendo dalle righe verrebbe subito emarginato se non processato in situazioni dove, da solo e  circondato da 4,5, o sei “anziani”,  dovrebbe ritrattare o  fare ammenda pena l’espulsione e senza un cane che funga da avvocato per difenderlo. Nel mondo normale anche i peggiori criminali hanno una difesa, ma qui non parliamo di un mondo normale.
I Testimoni inoltre diffondono milioni di riviste e pubblicazioni e sprecano fiumi d’inchiostro per (indovinate un po’?) criticare storia e comportamenti delle altre religioni. E’ veramente incredibilie come un metodo giudicato indegno quando rivolto verso di loro divenga improvvisamente lodevole quando utilizzato nei confronti di altri. Una Organizzazione religiosa che si accredita moralmente superiore rispetto alle altre e che si mette sul piedistallo come puo’ pensare di essere esclusa da uno sguardo molto attento?
Ovviamente i Testimoni di Geova non sono affatto perseguitati, che li si giudichi minoranza o meno, hanno un loro strumento giuridico, delle loro sedi autorizzate, dei ministri di culto che celebrano i matrimoni, permessi a go go per occupare marciapiedi coi loro banchetti ricchi di riviste multilingue, e possono deambulare di casa in casa senza alcun problema.
Non sono perseguitati ma come tutti non sono incriticabili, e su aspetti particolarmente delicati che toccano la salute, la stessa vita, e le famiglie, non si puo’ tacere, anche in ordine a diritti umani e sociali ormai acquisiti che fanno parte della nostra Costituzione e del nostro ordinamento giuridico e che vanno difesi come nel caso del divieto geovista delle emotrasfusioni e dell’odiosa pratica dell’ostracismo.

Questi gli argomenti geovisti, che pero’ non convincono nessuno, tranne tutti coloro gia’ sprovvisti da tempo della capacita’ di esercitare un naturale senzo critico che proprio Dio (per chi ci crede) ci ha dato.

I Testimoni di Geova non sono, purtroppo, l’unico caso di gruppi/culti discutibili che nel momento che entrano nella vita delle persone stravolgono la vita loro e di coloro che gli stanno accanto, da quando nel nostro Ordinamento e’ stato eliminato il reato di plagio, forse a ragione per come era formulato, si e’ creato un vuoto normativo che non tutela affatto le vittime di questi gruppi/culti i quali, anche forti di disponibilta’ economiche ingenti, hanno ampio spazio di manovra per prosperare con tutte le tutele di legge a loro favore ma senza eguali doveri da rispettare. E per coloro che liberamente vorrebbero uscirne, o ne escono, il percorso a differenza di quello di entrata, carico di promesse e aspettative, e’ quasi sempre doloroso e lacerante.
Uno Stato laico, pluralista, dovrebbe tutelare la liberta’ di esercitare il proprio convincimento religioso a tutti, ai vari culti, maggioranza o minoranza che siano, ma anche ai singoli che dovrebbero essere liberi di cambiare il proprio orientamento religioso senza ricevere “punizioni”  che ledono altri diritti umani socialmente riconosciuti.
Questo, purtroppo, in Italia ancora non avviene. E servizi come quelli delle Iene,  possono aiutare a rimettere al centro del dibattito il problema, nella ricerca diuno strumento legislativo migliore capace di affrontare queste situazioni.

Stefano Martella

https://www.youtube.com/watch?v=3Oit3JzKzhk – See more at: http://apocalisselaica.net/varie/contributi/testimoni-di-geova-servizi-de-la-iene#sthash.AptDpXuY.dpuf

Testimoni di Geova: Intervista radiofonica a Emidio Picariello

https://www.youtube.com/watch?v=J6qnNnrgkGE