Archivi categoria: Uncategorized

Documentario sulle Sètte

Torre di Guardia: I Testimoni di Geova minacciano i bambini che non prestano attenzione in sala con la morte


15 Feb 2015 at 12:18 ET

Screen capture (JW.org)

Un video animato realizzato dai Testimoni di Geova informa i bambini che se non  prestano attenzione in Sala, lo fanno a loro rischio e pericolo.

Nel video vi sono due bambini che partecipano ad una riunione in Sala con i loro genitori. Un predicatore ronza incomprensibile sullo sfondo, una ragazza viene rimproverata perchè sta quasi per addormentarsi, mentre un ragazzo è punito per aver tentato di giocare con la sua macchinina.

Quando la famiglia arriva a casa, tutti  si siedono a tavola. La madre chiede che cosa i due figlia hanno imparato in Sala oggi, e la ragazza risponde: “non dormire durante la riunione” mentre il ragazzo risponde, “non giocare nel corso della riunione“.

Il padre poi chiede ai bambini di immaginare “cosa sarebbe successo se nessuno avesse ascoltato Geova quando ha spiegato a Noè come costruire l’Arca“.

Il narratore mostra poi Noè e i suoi bambini che giocano su dispositivi di gioco portatili, a caccia di farfalle, che parlano, e durante il sonno, presumibilmente, Dio sta spiegando loro come costruire l’Arca. Il cielo si oscura, tutti corrono in un edificio rettangolare progettato che cade in parte quando la prima goccia di pioggia lo colpisce.

Lo schermo poi si riempie di acqua, e il dispositivo palmare con cui Noè stava giocando in precedenza galleggia vicino con la parola “GAME OVER” su di esso.

Non è quello che è successo, papà», dice il figlio.

È veroNoè ha prestato attenzione e ha salvato la sua vita. Prestando attenzione alle riunioni può contribuire a salvare anche  la tua vita“.

Il video poi taglia di nuovo sulla famiglia nel corso della riunione della Sala, ed entrambi i bambini sono diligentemente a prendere appunti mentre il predicatore – la cui voce è ora cristallina – spiega come Dio ha insegnato a Noè come costruire l’Arca.

Guarda il video intero via JW.org su YouTube qui sotto.

watch?v=eYOxGGgiZbo

 

Fonte: http://www.rawstory.com/rs/2015/02/watch-jehovahs-witnesses-threaten-kids-who-dont-pay-attention-in-church-with-death/#.VOImfqGxZYk.facebook

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Le sette? Guru e armi psicologiche. Intervista sulla rivista STOP

Dei troll scientologist utilizzano internet per attaccare le persone e ‘rovinare le loro carriere”

Lo sostiene il regista Oscar  Paul Haggis, ex membro della Chiesa di Scientology

Paul Haggis scientology third person

Il regista premio Oscar  ed ex Scientologist Paul Haggis ha raccontato di come i seguaci della religione controversa utilizzino Internet per attaccare le persone e ‘rovinare le loro carriere‘.
In un’intervista al The Telegraph, il 61enne Haggis ha raccontato di come è stato trollato online da scientologist, dopo esser uscito ufficialmente dall’organizzazione nel 2009.
So quello che fanno online‘ ha riferito. ‘Ho visto attaccare gli altri sotto falso nome, cercare di screditarli, rovinare la loro carrieraE ho sentito parlare di due persone che lavorano nel seminterrato degli Affari Speciali e che sono on-line per tutto il giorno davanti al computer, seguendo vari blog, per commentare la vita delle persone e le cose che fanno
Il regista, che è l’unica persona al mondo ad aver vinto l’Oscar per il miglior film per due anni di fila, ha detto che questi troll lo hanno costretto a ignorare ciò che viene scritto on-line sui suoi film.
Parlando a Hermione Hoby del Telegraph, Haggis ha sottolineato che Wikipedia aveva vietato agli scientologist di commentare.
Così, quando si commenta me o miei film, sì, c’è una parte di me che pensa,’ Beh, questo potrebbe essere assolutamente valido o  potrebbe essere uno Scientologist,‘ ha riferito.
La filmografia di Haggis comprende Million Dollar Baby 2004, Casino Royale e il dramma della criminalità Crash, così come il suo prossimo thriller romantico Terza Persona.
Ma lui è diventato quasi più famoso per il suo addio esplosivo alla Chiesa di Scientology dopo 35 anni – poi denunciata come un ‘cult’, e la discussione aperta circa l’organizzazione in una intervista del 2011 su The New Yorker.
La sua lettera di dimissioni, che è stata diffusa dalla stampa, ha denunciato il sostegno della Chiesa per la Proposition 8, che ha vietato il matrimonio tra persone dello stesso sesso in California.
Secondo il rapporto, egli ha detto che non poteva più continuare a far parte ‘di una organizzazione in cui è stata tollerata l’omofobia‘.

La Chiesa di Scientology – che conta attori di Hollywood tra i suoi membri come Tom Cruise, John Travolta e Kirstie Alley  – è stata fondata dalla scrittore di fantascienza L. Ron Hubbard nel 1953.
La religione, che si basa sull’idea che gli esseri umani sono esseri immortali che hanno dimenticato la loro vera natura, è stata al centro di una serie di polemiche.
Essa è stata spesso bollata come una setta, anche se i leader della chiesa hanno ripetutamente negato di usare il lavaggio del cervello sugli aderenti.

Haggis ha riferito al New Yorker che pochi giorni dopo aver spedito la sua lettera di dimissioni, è tornato a casa dal lavoro dove ha trovato nove o dieci membri della chiesa nel suo giardino.
Nei giorni che sono seguiti, più membri e vari funzionari hanno visitato il suo ufficio, distraendo i suoi colleghi e diventando ‘più irosi e irrazionali’ quando egli rifiutava di cambiare idea.
Ma Haggis ha detto al Telegraph che egli non sente di aver avuto coraggio nel lasciare l’organizzazione notoriamente reticente e non ha rimpianti nell’aver lasciato Scientology, quando lo ha fatto.

Ha poi aggiunto: ‘Salvo aspettare così a lungo. Essendo così stupido per così tanto tempo. Ma essa è davvero insidiosa. Sono sempre stato un outsider  – un cinico, un solitario e un outsider – e vai a vedere per quale motivo ne sono stato interessato così a lungo! Devi essere veramente e volutamente cieco, devi scegliere di essere cieco, e questo è quello che stavo facendo, e questo è quello che tutti i miei amici stavano facendo‘.
La Chiesa di Scientology non ha risposto immediatamente alla richiesta di MailOnline per un commento.

Fonte: http://www.dailymail.co.uk/news/article-2828283/Scientologist-trolls-use-internet-attack-people-ruin-careers-says-Oscar-winning-director-ex-church-member-Paul-Haggis.html

 

____________________________________________

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte


Come aiutare un membro di una setta

Pozzo dell’adepto

Rompere il legame di dipendenza con un culto non è facile. Ma ci sono alcune cose che un genitore può fare:

1 . Non ridicolizzare il culto nè respingere le credenze del proprio caro adepto. Contrariamente l’adepto si legherà ancora di più al suo culto. Mostra rispetto e interesse. Discuti del culto nel dettaglio, facendo sì che l’adepto racconti tutto. Attraverso domande bisogna aiutarlo a focalizzare la realtà di ciò che sta raccondando e a valutare  alternative al culto.

2 . Mantenere il contatto anche quando le cose sembrano andare male. Si potrebbe essere l’unica ancora di salvezza per l’adepto se tenta di uscire dalla setta. Spiegagli delicatamente perché non approvi il culto, perché ti preoccupa. Il suo scopo principale è quello di tagliare il resto del mondo, per dipingerlo come il male. Chiedi al tuo caro/adepto  di spiegarti il gergo del cult come “mondo esterno” per aiutarlo a pensare a ciò che sta dietro il gergo. La famiglia è di solito dipinta come il peggior nemico. Siate pronti a lavorare con gli amici per mantenere il contatto.

3 . Non appena un utente esprime qualche dubbio sul culto, sul suo leader, sulle sue motivazioni, sulle sue promesse, insisti sull’argomento. Discuti delicatamente se questo è quello che voleva quando ha aderito. Chiedi quale comportamento mostra il leader nel gruppo. Quali attrazioni sono reali, quali promesse sono false? Vale la pena il prezzo che si paga? Si possono ottenere i benefici altrove?

4 . Aiuta l’adepto ad accettare che commettere errori fa parte dell’essere umano, che si può decidere solo sulla base di quello che si conosce. Le decisioni non sono irreversibili.

Fonte: http://www.intervention101.com/2013/11/how-to-save-cult-member.html?spref=fb

 

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

“Non ho mai costretto nessuno e mai fatti abusi sessuali” Intervista all’ex prete santone della comunità di Montecchio Semisconosciuto in paese Alle spalle 20 anni di bufera

“Non ho mai costretto nessuno e mai fatti abusi sessuali” Intervista all’ex prete santone della comunità di Montecchio Semisconosciuto in paese Alle spalle 20 anni di bufera.

I culti prosperano nel dipartimento

"Tous les grands mouvements cités dans le rapport national de 1995 sont implantés sur notre territoire, plus ou moins discrètement. Il existe aussi des structures souterraines", indique Claude Léobon.

Tutti i grandi movimenti menzionati nella relazione nazionale per il 1995 si trovano sul nostro territorio, più o meno discretamente. Esistono anche strutture sotterranee“, ha detto Claude Léobon. (A. Torrent)

Eletta nel dicembre del 2012 come presidente della Associazione per la difesa delle famiglie e degli individui che sono vittime di sette e movimenti settari (l’ADFI che ha quaranta membri), Claude Léobon si concentra sulla prevenzione esull’appello ai volontari.

Come si diffondono le sette dai Pirenei all’Atlantico?

Il loro status prospera a causa della crisi e della ricerca di qualcosa da parte della persone. Tutti i grandi movimenti menzionati nella relazione nazionale del 1995 si trovano nel nostro territorio, più o meno discretamente. Ci sono anche strutture sotterranee. A Pau, sono stati anche segnalati casi di satanismo. Tutto questo è difficile da quantificare, ma le sette sono presenti.

Esistono aree in cui esse proliferano?

Sono state osservate  deviazioni  nel campo della salute, della medicina alternativa, del benessere, del bio, dello sviluppo della personalità e anche del tutoraggio. Queste aree attraggono ciarlatani che forniscono consulenza, offrono pillole  e altri rimedi miracolosi. Vediamo molti malati abbandonare le loro cure e indebitarsi.

Come l’ADFI  può combatterle?

Lottiamo in svantaggio. Le sette non esitano a molestarci e a perseguitare i giornali che le criticano. Hanno enormi risorse e si nutrono della miseria umana. Piuttosto noi ci muoviamo nel campo della prevenzione. Abbiamo bisogno di volontari per poter continuare la nostra missione.

Le vittime non vengono spontaneamente da voi?

Spesso sono le persone attorno che ci chiede aiuto. Vengono da noi quando hanno dubbi: su una trasformazione fisica, su nuove abitudini alimentari, sul nuovo gergo che tradisce una sospensione della mente. Nel 2012, abbiamo trattato una trentina di casi e depositato alcune denunce di cui conclusa, sulla Costa basca.  Il professionista coinvolto che reclutava i  clienti attraverso internet è stato rimosso dal Collegio dei Medici.

Quali sono le prede preferite dalle sette?

Tutto il pubblico interessato, ma soprattutto persone senza figli, anziani, disabili mentali e genitori di bambini piccoli.

Chi paga l’ADFI?

Riceviamo donazioni, sovvenzioni comunali e del Consiglio generale e  contributi attraverso la vendita della nostra rivista “Toro”.

 

 

Fondata in Francia nel 1975 da genitori i cui figli sono stati indottrinati da una setta, la ADFI è riconosciuta, all’interno dell’Unione Nazionale per la protezione delle famiglie e degli individui, rcome una struttura di pubblica utilità, approvato dal dipartimento Gioventù e dello Sport e il Ministero della Pubblica Istruzione.

Il consiglio dell’ADFI: per capire come identificare una setta bisogna conoscerla prima di unirsi; bisogna  mostrare la massima vigilanza prima di affidare i propri interessi a qualsiasi tipo di gruppo; mantenere la  libera volontà.

 La definizione di un culto, una associazione, una organizzazione, un movimento che, con pretesti religiosi, umanitari, ambientali o di altro essere, schiavizza e spersonalizzata con varie tecniche di depersonalizzazione e inganno  che hanno l’effetto di privarre l’individuo della sua libertà e del pensiero critico. Per un’autorità (guru o gerarchia), la dottrina culto si sviluppa e  si basa su un gruppo piramidale parcellizato.

 

Articolo originale qui

********************

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte