Archivio mensile:gennaio 2014

Quando la medicina può curare ma la fede obbliga a morire

Le leggi di alcuni paesi, come gli Stati Uniti, discolpano i genitori che coinvolgono i  figli in episodi di abuso o negligenza basati sulla religione.

In questo e in altri paesi, la fede nei rimedi non supportati da prove (come le preghiere, erbe, o placebi acquosi) sta uccidendo i bambini che non vengono protetti adeguatamente dai loro governi.

Spesso, gli stessi governi che permettono ai genitori di lasciare morire per motivi religiosi i loro bambini malati  morire,  sono disposti a lasciare che le madri muoiano quando la loro vita è minacciata da una gravidanza a rischio.

Il dibattito fondamentale riguarda i limiti imposti alla libertà individuale dalla libertà religiosa. Ogni individuo ha il diritto di vivere e morire secondo le proprie fede o idee, ma non far morire o far soffrire altre persone per loro.

E’ stato scritto molto sulla coesistenza tra scienza e religione. Uno degli argomenti più utilizzati dai “Moderati” è che la religione e la scienza rappresentano solo due modi diversi e complementari di accedere alla conoscenza, e che, nell’analizzare gli aspetti trascendentali della realtà, la scienza non ha nulla da dire su “le grandi domande” rivolte alla religione.

Tuttavia, ci sono almeno tre aree principali in cui la scienza e la religione entrano in conflitto aperto tra loro. In primo luogo  quando la religione sostiene dogmi che sono in contrasto con i fatti scientificamente provati. In secondo luogo ,quando la religione usa fatti, interpretazioni o un gergo pseudoscientifico per rendere gli argomenti che supportano tali dogmi (in assenza di un controllo dettagliato) più convincenti. E in terzo luogo  quando si tenta di imporre quei dogmi a tutti i cittadini, costringendoli  a diventare “de facto” adepti. Questo è il motivo per cui alcuni critici considerano la moderazione un  ” fondamentalismo con veste di pecora”.

Questo dibattito non poteva che essere dialettico, se non per le conseguenze davvero drammatiche relative ad alcune credenze ufficiali o a religioni diffuse, spesso con la complicità di una tolleranza legislativa che supera di gran lunga la legittima garanzia della libertà di culto.

Recentemente, ad esempio, è saltata agli onori della cronaca spagnola la notizia di Sarah Hershberger una ragazza di 10 anni con cancro i cui genitori “profondamente religiosi”  sono fuggiti nello stato dell’Ohio per evitare di  sottoposti alla supervisione di un tutore nominato dal tribunale per adempiere alle cure mediche, invece dei “trattamenti alternativi” della comunità Amish, cui appartenevano.

A differenza della persecuzione attiva mostrata in altri casi legali in cui i cittadini si sono sottratti alle decisioni giudiziarie, il tutore legale ha annunciato che nessuna famiglia sarebbe stata citata in giudizio per forzare l’esecuzione della sentenza, lasciando a Sarah la responsabilità di respingere probabilmente un cocktail di “terapie naturali” che, secondo alcuni delle organizzazioni che supportano questo tipo di trattamento, hanno causato la sua guarigione miracolosa in poche settimane.

Anche se alcuni media spagnoli hanno diffuso la notizia concludendo che “queste controversie legali sono rare negli Stati Uniti“, la realtà è ben diversa. L’organizzazione CHILD ( http://childrenshealthcare.org/), che si pone l’obiettivo di richiedere una modifica delle leggi che discolpano i genitori dai danni causati ai loro figli per motivi religiosi, ha riportato sul suo sito web una informazione molto inquietante. Essa riguarda un elenco di esenzioni per le misure di prevenzione e di diagnosi per i bambini i cui genitori appartengono a chiese che vietano il trattamento medico, prescrivendo invece la guarigione attraverso la preghiera, che erano principalmente il risultato di pressioni della “Chiesa Cristiana della Scienza” o “Chiesa di Cristo , Scientist” (“Christian Science Church”) .

Anche un breve riassunto di questo elenco di esenzioni per motivi religiosi negli Stati Uniti è difficile da credere: i genitori possono rifiutare la vaccinazione dei loro bambini in 48 paesi (tutti tranne il Mississippi e la West Virginia), la diagnosi di disturbi metabolici nei neonati (nella maggior parte degli stati), il trattamento profilattico di cecità nei neonati le cui madri hanno malattie veneree (in dieci stati), l’analisi dei livelli di piombo nel sangue (in sette Stati), prove di udito nei neonati (quattro stati), la fornitura di vitamina K per prevenire le emorragie spontanee nei neonati (in Oregon) e il test TB, obbligatorio per la scuola (in Ohio, dove è permesso  utilizzare “metodi riconosciuti di guarigione religiosa” per curare i bambini con tubercolosi, una malattia altamente contagiosa) .

Inoltre è  previsto, per motivi religiosi, che sei stati consentano l’esenzione per studiare le sezioni del programma che affronta la causa e il trattamento della malattia, almeno tre deroghe per consentire visite mediche, esami, trattamenti e vaccini per le emergenze sanitarie pubbliche  e due stati (Oregon e Pennsylvania) sono esenti da uso obbligatorio del casco.

Se quanto scritto sopra è preoccupante, quanto segue vi spezzerà il cuore. CHILD ha pubblicato nel suo sito web una  “pagina delle vittime“, che tratta di  alcuni casi di bambini che sono morti a causa di negligenza medica dovuta dalla religione. In essa si possono leggere casi come quello di Ian Lundman, morto di diabete all’età di 11 anni perché sua madre e il patrigno hanno consentito per lui solo il trattamento di  un “guaritore spirituale“, che hanno pagato 444 dollari per pregare per lui per due giorni, e di un ” dottore” cristiano per vigilare  il suo coma diabetico per cinque ore senza cercare assistenza medica o di fare qualsiasi cosa, ma dandogli l’acqua con una cannuccia.

Neil Beagley, 16 anni è morto dopo una terribile agonia di tre mesi per le complicazioni di una ostruzione urinaria, che i  genitori (membri della Congregazione dei seguaci di Cristo) hanno curato con preghiere e strofinamenti con l’olio d’oliva. Robin Twitchell, 2 anni, è morto di peritonite curata solo da “guaritori cristiani“.

Questi sono tre casi che sono solo una piccola parte di quello che si è verificato e che ha portato a condanne per omicidio colposo. Casi simili si sono verificati in stati americani che permettono le esenzioni religiose citate (come Amy e Andrew Wantland Hederson, morti a 7 e 12 anni per diabete in California e Florida, o  Harrison Johnson, che ha agonizzato per sette ore dopo essere stato punto per 432 volte dalle vespe, mentre i suoi genitori e gli amici si limitano a pregare per lui in Florida) finiti, tuttavia, con verdetti di non colpevolezza, che evidenziano esplicitamente le credenze religiose dei genitori una copertura della negligenza nella cura dei loro figli.

La crescente popolarità di queste procedure, insieme alla tolleranza legislativa e giudiziaria nei confronti delle sue terribili conseguenze, ha portato alcuni a parlare di “omicidio basato sulla guarigione di fede“. Nel 1998, Seth Asser e Rita Swan (fondatori di CHILD) hanno documentato in un articolo sulla rivista “Pediatrics” 172 morti  “basate sulla fede di guarigione” verificatesi nel corso di un periodo di 20 anni e in relazione a 23 diverse sette in 34 stati americani, la maggior parte dei casi con una buona prognosi sarebbero ben stati trattati con procedure mediche standard.

Un rapporto investigativo recente da KATU TV a Portland Oregon (Oregon) indica che almeno dieci bambini sono morti negli ultimi due anni a causa del rifiuto delle cure mediche da parte dei loro genitori,  membri dei seguaci di Cristo e la Chiesa del Primogenito in Idaho, dove questo comportamento è protetto dalla legge e non è perseguito in tribunale. E nella Chiesa della Scienza Cristiana è aumentata da 26 e 900 volte la mortalità delle madri e dei bambini  rispetto ai casi sotto trattamento medico.

Il disprezzo fanatico del dolore dei propri figli non è limitato agli Stati Uniti, né alle religioni ufficiali. Esempi recenti di “guarigione basate sulla fede” includono Ryan Lovett, che morì all’età di 7 anni per una infezione da streptococco facilmente trattabile con penicillina, mentre sua madre (che non l’aveva portato ad alcun controllo medico dalla nascita e l’aveva mantenuto a casa scolarizzato) l’ha curato a casa con rimedi omeopatici e fitoterapici.

Come sostiene Jerry Coyne, i parallelismi tra questo caso e quelli sopra descritti mostrano che “l’ultimo problema non è la religione, ma la fede. La fede in medicine alternative, spettacoli pseudoscientifici, gli stessi tratti della fede nella religione … in entrambi i casi  l’abuso di bambini è causato dal rifiuto della medicina moderna e dalla fede ingiustificata nei rimedi non supportati da alcuna prova, come preghiere, erbe, o placebo acquosi“. (Noi non ci riferiamo qui alle procedure o prodotti considerati “alternativi” che si sono dimostrati efficaci, compreso quelle inglobate dalla pratica medica standard, ma alla pletora di “terapie naturali” con gli effetti speciali che non sono mai stati adeguatamente valutati).

Nel caso delle vaccinazione numerose sette cristiane e credenze New Age, che si oppongono alle vaccinazioni per speculazioni religiose o pseudoscientifiche di “funzionamento naturale” e di “rafforzamento spirituale” del sistema immunitario, si sono recentemente unite al dottor Majid Katme, portavoce per l’influente Associazione Medica Islamica del Regno Unito. Come descritto nel post “Islam, vaccini e salute“, scritto nel 2011 per il Consiglio Medico Internazionale sulla vaccinazione ( IMCV ), Majid Katme si oppone a tutti i vaccini perchè sono anti-islamici. Il suo post è pieno di affermazioni pseudoscientifiche secondo cui  “gli ingredienti del vaccino includono (…) pustole di animali malati” e per rendere chiaro che la sua motivazione è la responsabilità medica della fede religiosa, inserisce  commenti come questo: “I vaccini fatti ai nostri figli  contro il cancro cervicale stimolano la fornicazione e l’adulterio“.

Le conseguenze di questo modo di pensare comprendono anche le recenti epidemie di malattie come la parotite, il morbillo e la pertosse nei paesi in cui sono state praticamente debellate, come l’Irlanda e gli Stati Uniti, costringendo il resto della popolazione ad aumentare i loro livelli di vaccinazione. Possiamo inoltre contare l’omicidio dei membri dell’equipaggio della vaccinazione antipolio delle Nazioni Unite (per lo più donne, alcune minorenni) da parte di fondamentalisti islamici in Pakistan e Nigeria.

Spesso, gli stessi governi che permettono ai genitori di lasciar morire i loro figli malati per motivi religiosi, sono anche disposti a lasciare morire le madri quando la loro vita è messa in pericolo da una gravidanza a rischio, anche se (e spesso i loro medici) non condividono la fede religiosa dei loro legislatori e giudici.

Ecco tre esempi recenti.

Recentemente, la dentista indiana Savita Halappanavar è morta mentre era alla 17esima settimana di gravidanza, perché la legge irlandese, di ispirazione esplicitamente cattolica,  ha proibito  ai medici di praticarle l’aborto del feto che, data la grave malattia della madre, non aveva alcuna possibilità di sopravvivenza. L’aborto era possibile ma i medici hanno concluso che seppur la madre fosse in pericolo di morte e non potesse terminare la gravidanza, si sono rifiutati di farlo. Quando il cuore del feto ha smesso di battere, quattro lunghi giorni dopo la diagnosi, la madre era affetta da setticemia causata dall’attesa che le ha causato la  morte. Savita è morta chiedendo che non si applicasse a lei, una indù che era  in Irlanda solo di passaggio, una legge basata su una religione che  professa  “principi morali” che lei non condivideva.

In  Salvador  Beatriz, incinta di un feto con mancanza di cervello, ha trascorso diverse settimane gravemente ammalata in attesa di un aborto terapeutico che non arrivava mai. I medici avevano fatto capire che per lei , che aveva già un figlio di 13 mesi  ed era gravemente malata di lupus e di insufficienza renale, attendere la nascita del bambino rappresentava un rischio mortale.

Pur avendo il mandato della Corte interamericana dei diritti umani, la Corte Suprema le ha negato il diritto di abortire (la motivazione del diniegno era  per “la violazione dei diritti alla salute e alla vita” del richiedente) e il Ministro della Salute ha autorizzato solo dopo aver superato il limite delle 20 settimane di gravidanza, un parto cesareo, mettendo in chiaro che l’aveva fatto in quel momento perché “l’aborto non è più un aborto ma è un travaglio indotto“.

Anche se Beatriz si è salvata, il suo caso è stato  un esempio universale di malpratica causata dall’imposizione dei dogmi della fede ai criteri medici. Autorità religiose salvadoregni sono intervenute in numerose occasioni per squalificare le valutazioni delle attrezzature mediche, banalizzare i problemi e le sofferenze della madre e per far capire che la loro principale preoccupazione era che non c’era un precedente “per legalizzare l’aborto“.

In Michigan ospedali cattolici rifiutano, per ordine diretto della Chiesa, la procedura medica standard per le donne la cui vita è in pericolo, se viene eseguito l’aborto di un feto ormai deceduto. Recentemente  una donna cui si erano rotte le acque alla 18esima settimana di gravidanza  è stato rimandata a casa per ben due volte, fino a quando è stata colta da una grave e inutile infezione  che ha messo in pericolo la sua vita mentre avrebbe dovuto essere sottoposto un aborto appropriato. Nella denuncia della ACLU sul pericolo della vita della paziente, l’arcivescovo Joseph Kurtz ha dichiarato che questa affermazione è stato un chiaro caso di “attacco alla libertà religiosa“. Tuttavia, come riportato dal New York Times nella sua rubrica “Quando i vescovi dirigono le cure mediche”, è chiaro che le loro linee guida raccomandano un processo che mette a repentaglio due vite quando  è già fattibile, causando danni evidenti per alcuni pazienti .

Tutto questo non sarebbe accaduto se non ci fosse stato nessun dogma religioso, se si considera il feto come una persona intera con un’anima si impediscono le decisioni mediche fatte razionalmente.

Nel nostro paese un ministro di governo dichiaratamente cattolico ha introdotto modifiche legislative  in cui le cure mediche sono subordinate ai dettami della fede. Anche nei casi particolarmente gravi, che sono gli unici accettati dalla nuova legge (il rischio per la madre e la gravidanza derivante da stupro), vengono introdotte procedure lunghe e complesse basate sulla sfiducia dei criteri medici che hanno in carico il paziente, ritardando l’intervento, ma aumentando inutilmente anche la sofferenza e il rischio per la sua vita. In altri casi che ricadono al di fuori della nuova legge, come ad esempio feti con gravi malformazioni, agisce direttamente contro il rispetto della dignità umana e contro criteri esplicitamente protetti dalla Corte Costituzionale.

Il dibattito sostanziale riguarda i limiti imposti alla libertà individuale di libertà religiosa. Ognuno di noi deve essere libero di vivere e morire secondo le proprie convinzioni religiose, personali o meno. Ma per rendere questo possibile, si può avere diritto di imporre inutili rischi di morte o di gravi problemi di salute per gli altri. E’ incredibile come questo è così difficile da capire.

Se pensate che tutto questo si ferma qui e che l’imposizione dei principi di una particolare fede è compatibile con il rispetto dei diritti di coloro che non professano bisogna ricordare che oggi l’ateismo è destinato a condanne a morte in 13 paesi (tutti musulmani), per “insulto alla religione” è possibile essere condannati al carcere in sei paesi occidentali (si può essere sorpresi di sapere che essi sono: Islanda, Danimarca , Nuova Zelanda , Polonia, Germania e Grecia) e in un recente sondaggio cittadini dei sei paesi europei, il 65 % dei musulmani e il 12 % dei cattolici ritiene che le norme religiose dovrebbero ignorare le leggi laiche.

È questo il tipo di società in cui vogliamo vivere? Quando vi sono dogmi imposti sulla razionalità e sul rispetto reciproco, tutti noi perdiamo.

Photo : Alcune vittime di guarigione basata sulla fede. Immagine tratta dalla pagina “delle vittime” dell’organizzazione CHILD , http://childrenshealthcare.org/ In senso orario :: Robyn , Austin , Matthew , Ian , Troy , Andrew , Amy e Dennis .

Fonte: http://www.eldiario.es/cienciacritica/sanacion_por_fe-secta-medicina-aborto_terapeutico_6_213538646.html

—————————————–

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Clamorosa indagine contro gli pseudo-psicoterapeuti

L’Ordine degli Psicologi del Quebec è inondato di richieste di aiuto a seguito della denuncia dei danni causati dagli pseudo-psicoterapeuti in un programma televisivo.

Negli ultimi due mesi 100 nuovi casi sono stati segnalati all’Ordine, tre volte più del solito, per un periodo di uguale lunghezza. Questa esplosione ha superato tutte le aspettative del Presidente dell’Ordine, Rose- Marie Charest. “L’impatto è evidente. Siamo riusciti a convincere la gente a mettere in discussione la competenza delle persone che li visitano“, ha riferito con entusiasmo.

Rose- Marie Charest

La campagna intitolata “Non permettere a nessuno di entrare nella tua testa”  presenta un uomo goffo che rompe violentemente  e con nonchalance il contenuto di scaffali pieni di porcellana.

Non si può praticare la psicoterapia senza autorizzazione, questa attività è considerata “ad alto rischio“.  Il permesso è dato solo a pochi psicologi ed altri tecnici della salute mentale opportunamente formati. Tuttavia decine di amatori e ciarlatani continuano ad esercitare impunemente.

 

Gli investigatori

Nel mese di ottobre  300 pseudo-psicoterapeuti erano nel mirino dell’Ordine. Ora sono 400, di cui dai 40 agli 80 sono casi gravi che richiedono “misure forti ” e il supporto di nuovi investigatori. “Abbiamo dovuto formarli e mostrare loro come a mimare una persona in difficoltà , per dimostrare a cosa può andare in contro una persona malata che si relaziona ad un falso terapeuta“, spiega la Dottoressa Charest.

I nostri investigatori sono scioccati nel vedere come alcuni di essi si mostrano convincenti“, ha detto. “Essi scoprono che non è tanto il denaro che motiva queste persone, quanto il potere, il desiderio di esercitare la propria influenza sugli altri “.

Le indagini sono lunghe e costose, il primo procedimento penale non sarà probabilmente aperto prima di un paio di mesi.  Già dal 2012  l’Ordine degli Psicologi e quello dei Medici si lamentano di essere sopraffatti dalle richieste di aiuto  e chiedono l’assistenza del governo del Québec.

Nel frattempo  gli investigatori danno priorità ai casi “più inquietanti“, riferisce la signora Charest. “Se un giudice non impedisce ad alcune persone di esercitare quando i nostri ricercatori riportano loro quello che essi fanno, la legge non serve. Essa deve essere applicata“, dice.

Certo, le conseguenze di cattive terapie possono essere terribili. Nella  nostra indagine su larga scala  “Guru inc.”, pubblicata nel 2012, le vittime ci hanno raccontato di  come  i ciarlatani li avevano spinti sull’orlo del precipizio. Alcuni sono stati successivamente ammoniti dal Collegio degli Psicologi.

Annuario

Per aiutare il pubblico a navigare, l’Ordine ha aperto una directory sul sito votretête.ca. Essa indica chi è autorizzato a praticare e chi invece dovrebbero destare sospetti (in quanto promette risultati certi, parla di cosiddetti “poteri”, ecc.)

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

La strategia di rete delle sette abusanti e le lobby pro-settarie

Lo spettro delle aberrazioni settarie non è limitato al territorio nazionale, ma ben al di là dei nostri confini. Questo fenomeno corrisponde ad una strategia consolidata di alcune sette, che mira a promuovere l’assunzione di un numero massimo di seguaci, l’aumento della loro capacità finanziaria e l’aumento del loro potere di influenza. Ma esistono diversi scenari ad esso collegati.

 

I gruppi multinazionali

Alcune sette hanno una dimensione internazionale e hanno adottato una struttura gerarchica, sia sovranazionale sia nazionale allo scopo di  sviluppare le proprie attività in tutto il mondo.

Sono più spesso le organizzazioni composite, che per  la loro complessità di funzionamento riescono ad entrare nel territorio nazionale, mediante numerosi enti dipendenti della struttura “madre”  con forti strutture giuridiche operanti in Francia, che diventano organizzazioni legali esattamente con lo stesso oggetto che si trova all’estero e nella sede europea ed internazionale di ciascuno dei rami dell’intera organizzazione.

La dimensione di questi gruppi e le loro importanti capacità di risposta indubbiamente riportano a rischi di tentativi di infiltrazione nei governi e ad appropriazione indebita di circuiti economici tradizionali.

 

Rete di sviluppo di movimenti settari e la creazione di “reti inter-movimenti”

 

Altri movimenti, senza essere collegati tra loro da vincoli legali visibili o reali, hanno sviluppato strategie di “rete” per mettere in comune le loro politiche di influenza, condividere l’uso di metodi o concetti “brevettati”, ottimizzare la loro dislocazione geografica in funzione alle leggi locali in vigore, e dopo verifiche istituzionali alla ricerca dei contatti più favorevoli.

 

La realtà dell’esistenza di reti internazionali e la conferma della loro crescente importanza nel panorama attuale confessionale appare sempre più chiaramente quando si osserva che molte delle recenti disposizioni, che vengono prese da organizzazioni settarie, hanno originato la creazione di luoghi di incontro, dibattiti e scambi come “riunione annuale” o “forum internazionale” che mirano a riunire rappresentanti di movimenti provenienti da diversi paesi. Questi “fulcri” sono una consapevole leva e uno strumento di comunicazione essenziale. Essi mostrano la partecipazione di personalità scientifiche, artistiche e umanitarie nei media. Ma questo permette loro di coordinare la loro facciata per intervenire presso autorità governative.

Le strategie di rete rappresentano uno dei principali vantaggi per lo sviluppo del fenomeno “culto” per i  prossimi anni. (Cfr. la relazione annuale 2010 , pagine 199-208)

 

Lo sviluppo del proselitismo umanitario per i nuovi assunti

 

Nella sua relazione del 2001  la Missione interministeriale di lotta contro le sette (MILS), dopo gli attacchi terroristici che hanno colpito il World Trade Center e l’esplosione della fabbrica AZF di Tolosa, già parlava di “sette [ che ] non esitano ad approfittare delle disgrazie del mondo per cercare di imporre le loro soluzioni miracolose alle persone, coinvolgendole in un meccanismo vulnerabile di indottrinamento. Il fenomeno non è nuovo, ma in un momento in cui il mondo subisce  catastrofi naturali o conflitti che si moltiplicano, si impone un aumento di vigilanza.

In Francia, anche se i casi segnalati non sono un gran numero, la Miviludes, incaricata della missione di prevenzione e di sollecitazione alla vigilanza,  ritiene necessario richiamare l’esistenza di un rischio potenziale delle sette in questo ambito. Infatti, la presenza nelle periferie francesi, dopo i disordini della caduta del 2005, di alcune organizzazioni settarie che sostengono a gran voce la fondatezza della loro azione umanitaria a favore delle popolazioni svantaggiate, è  preoccupante, soprattutto se osserviamo la somiglianza del discorso che avviene tra queste organizzazioni e di come la notizia in questione è stata trattata da alcuni media internazionali (cfr. la relazione annuale 2005 sulle pagine 71-80).

Attività di approvvigionamento esterno per sfuggire alla normativa nazionale

 

Isolati o organizzati in reti i guru nazionali o internazionali esportano i propri affari all’estero per sfuggire alle normative nazionali più rigorose e/o per godere di una legge straniera più favorevole. Questa strategia è particolarmente utile per l’organizzazione e  per la  formazione di “ritiri” per lo “sviluppo personale”, l'”auto -guarigione” o la “scoperta di nuove pratiche terapeutiche”.

 

L’esempio del narco turismo  “neo-sciamanico”

 

 

Ad esempio, molti centri propongono tirocini ‘neo-sciamanici‘ o luoghi per seminari che promuovono viaggi “sciamanici” sviluppati all’estero, soprattutto in America Centrale, Guyana ma anche nel continente africano. Alcuni di questi centri hanno relè in Francia che operano come “comunità terapeutiche” che sponsorizzano l’organizzazione presso  loro agenzie di viaggio specializzate in “turismo spirituale” o “psico-turismo“. I rituali di iniziazione sono proposti attraverso organizzazioni che viaggiano su tema, come una sorta di “turismo della droga“. Durante questi viaggi viene spesso raccomandato o proposto l’uso di sostanze allucinogene classificate come stupefacenti in Francia: è ​​il caso dell’ayahuasca e della iboga (registrate rispettivamente nella lista delle sostanze stupefacenti con ordinanze del Ministro della Salute del 3 maggio 2005 e del 25 marzo 2007).

Il consumo di questi prodotti, a maggior ragione durante una “formazione” o durante dei  “seminari“, dove i facilitatori non hanno ricevuto alcuna formazione medica approfondita, può essere estremamente efficace nei processi mentali di influenza esercitata da un guru sui propri seguaci, e per portare a rischi fisici o  mentali  fatali. Così, dopo la morte di due cittadini francesi nel 2011, in occasione di viaggi di scoperta dello ‘neo-sciamanesimo” con sospetto uso di ayahuasca, l’Ambasciata francese del Perù ha pubblicato sul suo sito web un messaggio  sollecitando i francesi  che desiderano visitare il paese per vacanze o per cure, ad avere cautela nei confronti di coloro che offrono prodotti allucinogeni a rischio come l’ayahuasca.

 

Ayahuasca

 

L’Ambasciata di Francia mette in guardia i viaggiatori contro il consumo di ayahuasca, una pianta allucinogena usata dagli sciamani in Amazzonia, considerata una droga in Francia. L’uso di ayahuasca può avere gravi conseguenze mediche, che possono causare la morte. Il processo di iniziazione allo sciamanesimo non è controllato e non può essere garantito in qualsiasi circostanza. Tuttavia, molte guide di  centri di eco-turismo inaffidabili propongono offerte turistiche con iniziazioni allo sciamanesimo. Il centro Sachawawa a Tarapoto, in particolare, è oggetto di un’indagine penale per la morte di un francese, nell’agosto 2011, in circostanze non ancora chiarite.
L’iscrizione alla dottrina o alla prassi del movimento è necessaria per partecipare al  viaggio per l’ “iniziazione” o per i “ritiri ” in terre lontane.

Questi viaggi iniziatici o questi ritiri all’estero sono motivati ​​dalla presunta ricerca di un “ritorno alle origini“, una “protezione contro i mali della società materialistica contemporanea“, un  “ritorno alla natura“, a volte una “nuova forma di spiritualità ” …  in realtà hanno uno scopo diverso da quelli, quale quello di rafforzare l’influenza esercitata sui membri del gruppo e di recidere definitivamente i legami con le loro famiglie che possono distrarli dalla loro appartenenza movimento.

 

 

L’esempio del gruppo di Sahaja Yoga

 

Sahaja Yoga, che significa “yoga innato” è il nome di un movimento internazionale indù fondato nel 1970 in Gran Bretagna da una indiana, Nirmala Devi Salve (m. 2011), che si faceva chiamare Shri Mataji,  “madre divina” o Nirmala Srivastava. Questo movimento si propone obiettivi altruistici e umanitari per l’ “armonia e la pace nel mondo” e offre a tutti i suoi adepti “benefici e l’arte di vivere e di guarire“. Esso sostiene quindi di curare tutte le malattie (compreso l’AIDS e il cancro). La pratica di Sahaja Yoga è come un “metodo di auto-realizzazione” attraverso la pratica della meditazione e dello yoga.

I seguaci del movimento meditano per molte ore dinnanzi al ritratto di Shri Mataji, ascoltando i suoi discorsi. Essi sono chiamati a diffondere il messaggio divino al mondo e a vivere in comunità, al fine di “proteggersi dalla negatività“. Questo movimento raccomanda inoltre che i genitori mandino i loro figli in India per “proteggerli dalla decadenza della nostra società“.

I bambini non appartengono ai genitori, ma alla “Madre Divina“. Questi  [i genitori] sono incoraggiati a separarsi da loro dalla più tenera età e ad inviarli in ashram (che in lingua sanscrita significa eremi nella natura, nella foresta o in montagna) e alle scuole all’estero, in particolare in Italia, Repubblica Ceca e India .
Per ulteriori informazioni, consultare la relazione annuale 2005 della Miviludes, pagine 15-17.

 

Strategie di influenza su organismi nazionali o internazionali

 

I movimenti pro-settari o settari mostrano una capacità di influenzare gli altri attraverso l’attuazione di strategie che includono tutti i mezzi a loro disposizione, oltre al tradizionale proselitismo, per diffondere ed evidenziare il loro messaggio, mentre screditano coloro che li combattono. I Media, i sistemi giudiziari, i mezzi istituzionali,  qualsiasi area soggetta a visibilità e alla comunicazione, viene  utilizzata.

Ad esempio, possiamo ricordare la lobby pro-settaria mobilitata a livello nazionale intorno alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’ “infanzia rubata: i bambini vittime delle sette“, da cui è stato realizzato gran parte del  rapporto 2006 (vedere le pagine 102-134).

Oggi, campagne di disinformazione mediante documenti ufficiali falsi (che presentano loghi con bandiere e immagini di edifici pubblici come l’Assemblea Nazionale o della Corte dei conti tricolori ) vengono organizzati da gruppi di pressione pro-settarie, ad alti livelli (presso parlamentari, ministeri, prefetture, consiglieri locali, ecc.) L’entità di queste campagne impone di interrogarsi sull’origine dei mezzi che permettono il loro finanziamento.

Possiamo anche citare lo sfruttamento normale dei movimenti settari della “conferenza di revisione della dimensione umana” e altri seminari organizzati dalla ODIHR (Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani), una istituzione dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa). La relazione 2007 della Miviludes ha mostrato come e perché questa conferenza è diventata una piattaforma ideale per le “multinazionali” settarie e per i  loro alleati che vanno a denunciare gli abusi che sarebbero perpetrati alla libertà di religione (vedi i 2007 del report , pagine 111-130).

 

L’ uso massiccio di Internet come veicolo per la diffusione del messaggio settario

 

L’arrivo di Internet ha fortemente intensificato il discorso, o l'”alternativa “, sostenuta da alcuni metodi settari. Rendendoli disponibili a tutti, Internet  fornisce un punto di divulgazione ideale per determinati gruppi o pratiche. L’assenza di un moderatore o di un controllore dei contenuti dei siti o dei social network apre le porte a possibili scostamenti ed eccessi.

Questa situazione è particolarmente preoccupante perchè le informazioni “immediate” ottenute attraverso la Rete sono ricevute senza la necessaria distanza e senza che gli elementi distribuiti siano stati precedentemente controllati o aggiornati. C’è il rischio che un numero crescente di persone venga sedotto da queste teorie alternative, in particolare nel campo della salute, dello sviluppo personale e della formazione professionale, che possono quindi facilitare l’esercizio di un diritto contro di loro.

Allo stesso tempo, l’uso di Internet complica un po’ l’efficacia dell’azione preventiva e repressiva da parte del governo, soprattutto perché la tela è un elemento della strategia organizzativa dei movimenti settari, che sfruttano la natura globale di Internet e la mancanza di regole giuridiche comuni. In questa autodifesa basata sull’uso di concetti e compartimentazione dei soggetti giuridici che contribuiscono allo scopo centrale dell’approccio del gruppo protetto, l’uso della rete può essere molto utile per eludere i servizi di Stato o l’applicazione della legislazione nazionale.

 

La rete, un esempio di un ambiente che accorcia le distanze

Miviludes ha avuto a che fare, nel febbraio 2011, con un gruppo di persone sotto l’influenza di un individuo del Quebec, che si facevano chiamare “ruscello”, e avevano tra loro scambi regolari sulle varie piattaforme internet. I  seguaci erano riconosciuti con il nome di “bambini divini” o “fratelli e sorelle di luce“, e si mantevano in contatto regolarmente mediante le loro e-mail, in cui invitano tutti a vivere un “rapporto divino” con lui [il fondatore] e quindi di avviare “una salita di nascita in un vaso di luce e di lasciare questo mondo per un mondo nuovo“.  Per fare questo era necessaria una “preparazione mentale” in modo che tutti  potessero “aumentare il tasso vibratorio per vivere la salita finale“. Alcune persone che avevano avuto scambi regolari con “Ruscello” hanno riferito di essere stati  “quasi pronti per il decollo“, e per questo avevano già pronte per le loro disposizioni finali (notarili e funebri).

Di fronte all’imminenza del passaggio al gesto, i servizi di ricerca competenti sono stati allertati al fine di contattare le persone in Francia suscettibili di essere in pericolo. La Miviludes aveva anche stabilito un collegamento con le autorità canadesi per consentire loro di intervenire presso di loro. Questo caso, che è oggetto di attento monitoraggio da parte della missione interministeriale e delle autorità competenti, dimostra il rischio delle derive estreme, per fortuna senza conseguenze in questo particolare caso, alle quale possono condurre i messaggi apocalittici trasmessi via internet (cf. Relazione annuale 2010, pagg. 89-92)

 

Fonte: MIVILUDES

http://www.derives-sectes.gouv.fr/quest-ce-quune-d%C3%A9rive-sectaire/o%C3%B9-la-d%C3%A9celer/international

 

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Lorita Tinelli ospite a Il Cantastorie racconta il fenomeno delle sette in Italia

Nella puntata del 18 dicembre affrontiamo il tema delle sette in Italia. Ne parliamo con Lorita Tinelli, psicologa forense e clinica nonché presidente del Cesap (Centro Studi Abusi Psicologici http://www.cesap.net/) dove quotidianamente oltre a studiare il fenomeno, si formano e istruiscono i consulenti ed esperti che offrono il loro sostegno alle vittime. La presidente oltre a fornire una spiegazione e un quadro di questa realtà aiuta a chiarire dubbi e perplessità di un fenomeno controverso a cui manca un riferimento giuridico. Per approfondire si può consultare l’intervista rilasciata dalla dssa Tinelli a La Vera Cronaca http://www.laveracronaca.com/intervis…

I reclusi di Monflanquin : “Questo è l’inizio di una nuova vita”

INTERVISTA:Noi non eravamo armati” è il titolo del libro di Christine Védrines. Lei e suo marito ieri l’hanno presentato alla cittadella dei Libri di Blaye.

Christine e Charles-Henri de Védrines hanno vissuto quasi dieci anni sotto il controllo di Thierry Tilly, manipolati, rovinati e abusati,  tagliati fuori dal mondo. Noi Incontriamo i  due reclusi di Monflanquin, che sono stati presenti in questa edizione della Cittadella dei Libri, che si è conclusa ieri.

“South West”. Questo libro  segna la fine di una vecchia vita e l’inizio di una nuova?

Christine e Charles Henri de Vedrines. In primo luogo abbiamo voluto lasciare una traccia scritta di ciò che abbiamo vissuto, per non far sì che ci fossero segreti inespressi nella famiglia che si va costruendo, se un giorno dovessimo avere dei nipoti.

Questo è sicuramente l’inizio di una nuova vita. Il signor Tilly è stato condannato ( 1 ), noi siamo stati riconosciuti come vittime, e questo è il risultato di molti mesi di lotta.

Oggi siete giunti a comprendere come si potrebbe lasciare la “nave ” in questo caso o è ancora un mistero?

Abbiamo lavorato molto su noi stessi con degli specialisti, e in questo libro cerchiamo di spiegare con precisione come sia possibile costruire una tale ragnatela. Siamo molto orgogliosi di dire che ora sappiamo come si potrebbe, ma arriviamo a capire meglio quello che è successo a noi grazie agli esperti che ci hanno un po’ illuminato.

Attraverso questo libro e l’aiuto dei media le altre persone che hanno sperimentato le stesse cose  ci hanno contattato e ci siamo resi conto che c’erano non poche persone che hanno sperimentato cose simili.

Anche nella nostra attività professionale (2), ci capita di avere confidenze di pazienti che ci raccontano quello che io ho vissuto.

 

 

La vita è stata giusta per voi?

La vita è giusta, sì. Con la consapevolezza che Thierry Tilly ha lasciato alcuni petardi che non sono ancora esplosi e abbiamo ancora diversi procedimenti aperti. Si deve quindi ancora combattere.

 

Secondo voi, molte persone vengono manipolate come voi?

Gli esperti sembrano pensare che l’80% della popolazione possa essere manipolata in un momento della sua vita, perché tutti noi possiamo sperimentare ad un certo punto fragilità emotive.

 

Eravate in un momento di debolezza quando è venuto questo nella vostra vita?

Abbiamo inevitabilmente avuto un momento di debolezza, altrimenti non ci sarebbe capitato questo. A quel tempo avevamo perso due importanti membri della famiglia. Per 3 anni Tilly è venuto a trovarci con mia sorella e mio fratello, ha imparato a conoscere la famiglia e assemblare un intero sistema.

Quando ci siamo incontrati, lui già sapeva tutto di noi e noi nulla di lui. Arrivò approvato da mia sorella, mio fratello, un avvocato parigino Avenue Montaigne e anche da mia madre . Da lì non ho ascoltato mia moglie, che è rimasta critica nei suoi confronti. Inoltre, questo è il motivo per cui è stato demonizzato e ha sofferto chi ha sofferto in Inghilterra.

A livello familiare  il caso ha lasciato il segno, ha portato a separazioni?

Christine. La cosa importante è che noi siamo insieme e che abbiamo salvato i nostri tre figli. Questo libro tratta di noi cinque. Un capitolo è stato scritto dai nostri tre figli e da Charles-Henri. Noi condividiamo ancora molto con Philippe de Vedrines (fratello maggiore di Charles-Henri), e con tutti i nostri nipoti rimasti fuori.

Charles- Henri. La distanza è rimasta con mia sorella e mio fratello Guylène, nonostante i diversi tentativi di nostra apertura.

Secondo voi Thierry Tilly vi ha preso di mira?

Credo di sì. Durante le sue conversazioni con mia sorella per 3 anni, si è reso conto che avevamo ricchezze economiche e qualche piccolo “problema” in famiglia. La sua forza è stata quella e ha usato i nostri valori per depredarci e distruggerci. Cercava  persone da spennare.

 

 

Il sistema giudiziario ha funzionato bene per voi?

Ci sono state molte domande senza risposta. Le Istituzioni non hanno sempre funzionato bene. Nel 2002  la Corte di Agen era stata avvertito dal presidente della ADFI, ma non ha capito nulla. Quando abbiamo ottenuto risultati, Tilly è stato considerato come noto truffatore. Per contro, il SRPJ di Toulouse ha fatto un lavoro enorme. E’ stato subito percepito come persona appartenente ad una setta, quindi si trattava di una truffa. Visto che i meccanismi utilizzati erano gli stessi.

Perché scrivere un libro?

Umilmente  speriamo che aiuterà le persone che sono manipolate e anche le famiglie che si trovano in questa situazione, ai quali viene chiesto di non mollare mai.

Oggi la vita è bella?

E’ bella, perché noi siamo tutti e cinque  insieme. Ma abbiamo cicatrici, un senso di fallimento, un senso di violenza su noi stessi e  sulla famiglia. E la paura del futuro. Siamo rovinati, non abbiamo né mobili né  oggetti di ricordo. Dire che la vita è buona al 95 %.

( 1) Thierry Tilly è stato condannato nei primi di giugno a 10 anni di prigione.

( 2) Dopo un periodo presso la PMI come medico, Charles Henri Védrines è tornato a lavorare come ostetrico -ginecologo a Saint -Aubin  de  Médoc .

 

 

Fonte: CABINET DANIEL PICOTIN

http://www.danielpicotin-avocat.com/index.php/reclus-de-monflanquin-cest-le-depart-dune-nouvelle-vie/

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

Cile: la squadra PDI si specializzerà presso l’agenzia governativa antisette della Francia

Visto che le denunce sono aumentate, l’istituzione ha ordinato di formare una squadra composta da dieci detective, con l’obiettivo di farli specializzare nei culti chiusi a “natura rischiosa”.

Dopo che il caso della setta di Antares di Luce è venuto alla ribalta, a seguito di una indagine sul sacrificio di un neonato da parte del leader del gruppo e di uno dei suoi membri, la polizia ha creato il Gruppo di Analisi di Ricerca e Intervento anti-sette (GAIA).

 

Miguel Ampuero

Il capo della Squadra di polizia di Investigazione Speciale  Metropolitana (BIPE MET), Miguel Ampuero, ha sostenuto ad  Emol  “Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni su comunità che possono riportare delle caratteristiche settarie, ma abbiamo già escluso alcune che sono solo gruppi realmente dedicati all’aspetto spirituale“.

Visto che tali denunce sono aumentate, l’istituzione ha ordinato di organizzare dei corsi di formazione per dieci  detective, con l’obiettivo di farli specializzare nei culti chiusi con “natura rischiosa”.

Per questo motivo abbiamo contattato la Missione interministeriale di vigilanza e di Contrasto alle derive settarie (Miviludes), un’organizzazione francese creata nel 2002, dove gli investigatori si recheranno a gennaio per acquisire le conoscenze necessarie per individuare e combattere tali organizzazioni e saranno preparati sui reati che [queste organizzazioni, ndt] possono commettere.

 

Fonte: http://www.eldinamo.cl/2013/12/08/equipo-de-la-pdi-se-especializara-en-agencia-gubernamental-antisectas-en-francia/

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte