Archivi tag: la famiglia

Leggi il diario segreto che rivela le credenze bizzarre di alieni, super poteri umani e contorto controllo mentale sui bambini dentro Il culto della Famiglia (Australia)

Un diario segreto, scoperto dopo più di 30 anni, ha rivelato come il noto cult The Family intrappolava le persone in una rete di paura e di dipendenza.

Il documento di 47 pagine, acquisito dalla Herald Sun, mostra come una leader di una setta, Anne Hamilton-Byrne, convinceva i seguaci di essere il Cristo che era tornato per salvare il mondo.

Il suo culto si è basava su un mix di deformazioni del Cristianesimo, misticismo orientale e sulle minacce di invasioni aliene.

I seguaci erano irretiti dalle sue lezioni di yoga in tutta Melbourne e attraverso psichiatri che l’avevano come riferimento per i loro pazienti.

The Family.

Gli insegnamenti deformati includevano:

* Gli STRANIERI stavano per invadere la terra per purificare il mondo dal male.

* NESSUNO doveva intervenire se i bambini stavano soffrendo, perché non dovevano interferire con il piano di Dio

* HAMILTON-Byrne riferiva ai seguaci di essere morta per qualche minuto e di essere risorta dai morti per dimostrare il suo potere ad uno psicologo scettico.

* Un seguace credeva di essere la reincarnazione di Giovanni Battista reincarnato, e

* I MIRACOLI sono consegnati durante le pratiche yoga.

Il diario fu scritto da Raynor Johnson, un accademico che ha vissuto al Queen College di Melbourne University per decenni prima di entrare nel culto, dopo il suo pensionamento nel 1964.

READ NOW: The Family diaries part one | The Family diaries part two

FRINGE FOLLOWERS: Sects and cults and UFOs

CULT CONNECTION: Probe into former headmaster’s cult links

Esso fu tenuto nascosto in una cassetta di sicurezza della Banca nazionale, ma è stato successivamente dato ad uno dei membri del culto che ha digitato le note scritte a mano.

Johnson, che era un fisico qualificato, lasciò il suo lavoro e seguì la signora Hamilton-Byrne credendo di essere Giovanni il Battista reincarnato.

“Immagino come alcuni di quei primi discepoli devono essere stati quando furono chiamati ad affrontare l’incredibile realtà  che il Messia a lungo atteso dagli ebrei era tra loro in quel momento” ha riferito.

“I primi discepoli devono aver provato la stessa cosa che avevo provato io. Essi avevano ragione, gli altri erano sbagliati”.

Il culto ha fatto parlare di se su giornali mondiali quando fu perquisito nel 1987 – lo stesso anno in cui il signor Johnson morì.

Sotto il comando della signora Hamilton-Byrne, i bambini furono tenuti isolati in proprietà rurali e costretti a prendere LSD e altre droghe nella sua ricerca dell’illuminazione per loro conto.

Molti dei bambini furono portati presumibilmente nel culto mediante adozioni forzate.

Ma la presa che la signora Hamilton-Byrne aveva sui membri della sua setta era completa.

Johnson e sua moglie Mary acquistarono una proprietà a Ferny Creek nel 1964, su richiesta della signora Hamilton-Byrne.

La casa che fu chiamata Santiniketan, e che divenne una base fondamentale per La Famiglia comprendeva una cappella con posti a sedere per 120 persone.

I diari offrono anche uno sguardo su quello che può aver spinto la signora Hamilton-Byrne a dedicare la sua vita al controllo degli altri.

Ella disse al signor Johnson che il dolore per la morte del suo primo marito Don era stata una punizione per essere stata troppo vicino a lui.

Come risultato, si era dedicata alla sua versione di Dio, il che significava che non aveva un forte attaccamento a chiunque per evitare di essere ferita.

“Anna disse che era perché si era attaccata troppo strettamente all’amore di Don; così lei ha dovuto imparare nel modo più duro che Dio le aveva insegnato, prendendosi Don” dicono i diari.

La signora Hamilton-Byrne, oggi ha  84, e vive in una casa di cura a Wantirna South – una lotta sarà scatenata  sul suo immobile di 20 milioni dollari quando lei morirà. E’ stata sempre e solo accusata di falsa testimonianza.

Fonte: http://www.heraldsun.com.au/news/law-order/read-the-secret-diary-that-reveals-the-bizarre-beliefs-of-aliens-super-human-powers-and-twisted-child-mind-control-inside-the-family-cult/story-fni0fee2-1227033002897?nk=cd60395e6fee04b3a904bb8aeccbfd05

Qualcosa sul culto The Family australiano

http://en.wikipedia.org/wiki/The_Family_(Australian_New_Age_group)

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

Torre di Guardia: I Testimoni di Geova minacciano i bambini che non prestano attenzione in sala con la morte


15 Feb 2015 at 12:18 ET

Screen capture (JW.org)

Un video animato realizzato dai Testimoni di Geova informa i bambini che se non  prestano attenzione in Sala, lo fanno a loro rischio e pericolo.

Nel video vi sono due bambini che partecipano ad una riunione in Sala con i loro genitori. Un predicatore ronza incomprensibile sullo sfondo, una ragazza viene rimproverata perchè sta quasi per addormentarsi, mentre un ragazzo è punito per aver tentato di giocare con la sua macchinina.

Quando la famiglia arriva a casa, tutti  si siedono a tavola. La madre chiede che cosa i due figlia hanno imparato in Sala oggi, e la ragazza risponde: “non dormire durante la riunione” mentre il ragazzo risponde, “non giocare nel corso della riunione“.

Il padre poi chiede ai bambini di immaginare “cosa sarebbe successo se nessuno avesse ascoltato Geova quando ha spiegato a Noè come costruire l’Arca“.

Il narratore mostra poi Noè e i suoi bambini che giocano su dispositivi di gioco portatili, a caccia di farfalle, che parlano, e durante il sonno, presumibilmente, Dio sta spiegando loro come costruire l’Arca. Il cielo si oscura, tutti corrono in un edificio rettangolare progettato che cade in parte quando la prima goccia di pioggia lo colpisce.

Lo schermo poi si riempie di acqua, e il dispositivo palmare con cui Noè stava giocando in precedenza galleggia vicino con la parola “GAME OVER” su di esso.

Non è quello che è successo, papà», dice il figlio.

È veroNoè ha prestato attenzione e ha salvato la sua vita. Prestando attenzione alle riunioni può contribuire a salvare anche  la tua vita“.

Il video poi taglia di nuovo sulla famiglia nel corso della riunione della Sala, ed entrambi i bambini sono diligentemente a prendere appunti mentre il predicatore – la cui voce è ora cristallina – spiega come Dio ha insegnato a Noè come costruire l’Arca.

Guarda il video intero via JW.org su YouTube qui sotto.

watch?v=eYOxGGgiZbo

 

Fonte: http://www.rawstory.com/rs/2015/02/watch-jehovahs-witnesses-threaten-kids-who-dont-pay-attention-in-church-with-death/#.VOImfqGxZYk.facebook

———————————

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte

 

I reclusi di Monflanquin : “Questo è l’inizio di una nuova vita”

INTERVISTA:Noi non eravamo armati” è il titolo del libro di Christine Védrines. Lei e suo marito ieri l’hanno presentato alla cittadella dei Libri di Blaye.

Christine e Charles-Henri de Védrines hanno vissuto quasi dieci anni sotto il controllo di Thierry Tilly, manipolati, rovinati e abusati,  tagliati fuori dal mondo. Noi Incontriamo i  due reclusi di Monflanquin, che sono stati presenti in questa edizione della Cittadella dei Libri, che si è conclusa ieri.

“South West”. Questo libro  segna la fine di una vecchia vita e l’inizio di una nuova?

Christine e Charles Henri de Vedrines. In primo luogo abbiamo voluto lasciare una traccia scritta di ciò che abbiamo vissuto, per non far sì che ci fossero segreti inespressi nella famiglia che si va costruendo, se un giorno dovessimo avere dei nipoti.

Questo è sicuramente l’inizio di una nuova vita. Il signor Tilly è stato condannato ( 1 ), noi siamo stati riconosciuti come vittime, e questo è il risultato di molti mesi di lotta.

Oggi siete giunti a comprendere come si potrebbe lasciare la “nave ” in questo caso o è ancora un mistero?

Abbiamo lavorato molto su noi stessi con degli specialisti, e in questo libro cerchiamo di spiegare con precisione come sia possibile costruire una tale ragnatela. Siamo molto orgogliosi di dire che ora sappiamo come si potrebbe, ma arriviamo a capire meglio quello che è successo a noi grazie agli esperti che ci hanno un po’ illuminato.

Attraverso questo libro e l’aiuto dei media le altre persone che hanno sperimentato le stesse cose  ci hanno contattato e ci siamo resi conto che c’erano non poche persone che hanno sperimentato cose simili.

Anche nella nostra attività professionale (2), ci capita di avere confidenze di pazienti che ci raccontano quello che io ho vissuto.

 

 

La vita è stata giusta per voi?

La vita è giusta, sì. Con la consapevolezza che Thierry Tilly ha lasciato alcuni petardi che non sono ancora esplosi e abbiamo ancora diversi procedimenti aperti. Si deve quindi ancora combattere.

 

Secondo voi, molte persone vengono manipolate come voi?

Gli esperti sembrano pensare che l’80% della popolazione possa essere manipolata in un momento della sua vita, perché tutti noi possiamo sperimentare ad un certo punto fragilità emotive.

 

Eravate in un momento di debolezza quando è venuto questo nella vostra vita?

Abbiamo inevitabilmente avuto un momento di debolezza, altrimenti non ci sarebbe capitato questo. A quel tempo avevamo perso due importanti membri della famiglia. Per 3 anni Tilly è venuto a trovarci con mia sorella e mio fratello, ha imparato a conoscere la famiglia e assemblare un intero sistema.

Quando ci siamo incontrati, lui già sapeva tutto di noi e noi nulla di lui. Arrivò approvato da mia sorella, mio fratello, un avvocato parigino Avenue Montaigne e anche da mia madre . Da lì non ho ascoltato mia moglie, che è rimasta critica nei suoi confronti. Inoltre, questo è il motivo per cui è stato demonizzato e ha sofferto chi ha sofferto in Inghilterra.

A livello familiare  il caso ha lasciato il segno, ha portato a separazioni?

Christine. La cosa importante è che noi siamo insieme e che abbiamo salvato i nostri tre figli. Questo libro tratta di noi cinque. Un capitolo è stato scritto dai nostri tre figli e da Charles-Henri. Noi condividiamo ancora molto con Philippe de Vedrines (fratello maggiore di Charles-Henri), e con tutti i nostri nipoti rimasti fuori.

Charles- Henri. La distanza è rimasta con mia sorella e mio fratello Guylène, nonostante i diversi tentativi di nostra apertura.

Secondo voi Thierry Tilly vi ha preso di mira?

Credo di sì. Durante le sue conversazioni con mia sorella per 3 anni, si è reso conto che avevamo ricchezze economiche e qualche piccolo “problema” in famiglia. La sua forza è stata quella e ha usato i nostri valori per depredarci e distruggerci. Cercava  persone da spennare.

 

 

Il sistema giudiziario ha funzionato bene per voi?

Ci sono state molte domande senza risposta. Le Istituzioni non hanno sempre funzionato bene. Nel 2002  la Corte di Agen era stata avvertito dal presidente della ADFI, ma non ha capito nulla. Quando abbiamo ottenuto risultati, Tilly è stato considerato come noto truffatore. Per contro, il SRPJ di Toulouse ha fatto un lavoro enorme. E’ stato subito percepito come persona appartenente ad una setta, quindi si trattava di una truffa. Visto che i meccanismi utilizzati erano gli stessi.

Perché scrivere un libro?

Umilmente  speriamo che aiuterà le persone che sono manipolate e anche le famiglie che si trovano in questa situazione, ai quali viene chiesto di non mollare mai.

Oggi la vita è bella?

E’ bella, perché noi siamo tutti e cinque  insieme. Ma abbiamo cicatrici, un senso di fallimento, un senso di violenza su noi stessi e  sulla famiglia. E la paura del futuro. Siamo rovinati, non abbiamo né mobili né  oggetti di ricordo. Dire che la vita è buona al 95 %.

( 1) Thierry Tilly è stato condannato nei primi di giugno a 10 anni di prigione.

( 2) Dopo un periodo presso la PMI come medico, Charles Henri Védrines è tornato a lavorare come ostetrico -ginecologo a Saint -Aubin  de  Médoc .

 

 

Fonte: CABINET DANIEL PICOTIN

http://www.danielpicotin-avocat.com/index.php/reclus-de-monflanquin-cest-le-depart-dune-nouvelle-vie/

—————————————–

 

Traduzione di Lorita Tinelli

Avvertenza: Questa traduzione non è stata realizzata da traduttori professionisti, pertanto ci scusiamo per eventuali errori.

Gli articoli apparsi su questo blog possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla e  che si specifichi la fonte