Archivi tag: centro studi abusi psicologici

The Diagnosis and Assessment of Dissociative Identity Disorder

The Diagnosis and Assessment of Dissociative Identity Disorder

Neil Brick MA Ed. Author e-mail : smartnews@aol.com

Copyright 2003 – All rights reserved. No reproduction of any material without written permission from the author.

This paper will describe the methods and criteria used for diagnosing and assessing Dissociative Identity Disorder (DID). The symptoms and etiology of DID will be discussed. The use of client histories, different psychological tests and the test results of different test items will be discussed in terms of their applicability to a diagnosis, as well as their validity and reliability.

Differential diagnoses and their effect on the diagnosis of DID will be enumerated upon. The dissociative spectrum and ritual abuse will be discussed briefly, in order to help clarify the symptomology and etiology of DID.

Dissociative Identity Disorder is listed in the DSM-IV-TR under Dissociative Disorders. It is characterized by the presence of at least two distinct personality states or identities that repeatedly take control of a patient’s behavior. This is accompanied by the inability to recall important personal information, which is too extensive to be explained by normal forgetfulness. The disorder is characterized by identity fragmentation and not a proliferation of separate personalities. The diagnostic criteria for DID (300.14) are, two distinct identities or personality states, these states take recurrent control of the patient’s behavior, an inability to recall personal information too great to be accounted for by normal forgetfulness and the disorder is not due to the physiological effects of a substance or a general medical condition. In children, symptoms cannot be attributable to fantasy play or imaginary playmates. (Diagnostic and statistical manual of mental disorders, 2000)

Putnam writes about Multiple Personality Disorder (MPD), now called DID, and the way therapists can determine its diagnosis. He defines it as a chronic dissociative condition, not transient like psychogenic amnesia and fugues. A thorough history can help determine if a patient has had dissociative experiences. But other diagnostic interventions may be necessary. It may be difficult to get a clear chronology of life events. The host personality, which usually presents for treatment, may have the least access to early biographical information. MPD patients may describe their lack of memory as the result of having a poor memory. MPD patients may have developed compensatory behaviors to help them answer or avoid questions when they have memory gaps. Useful inquiries may include asking question about time loss or fugue-like experiences, depersonalization and derealization experiences (though these symptoms may be present in other disorders), questions about common life experiences, like being called a liar, large gaps in the continuousness of childhood memories, the occurrence of intrusive mental images, having dreamlike memories and having life skills that have unknown source, and questions about Schneiderian Primary Symptoms for schizophrenia, like hearing voices or feeling as if their body is controlled by an external force. (Putnam, 1989)

Manifestations of MPD may be displayed during interview interactions with patients. Two ways of detecting personality switching with patients are to notice the physical signs, which include facial and vocal changes. The second is to be alert for intrainterview amnesia, due to an alter personality’s emergence, admitting to and then denying symptoms. Other signs include a patient’s making references to themselves in the third person or the first person plural and an exaggerated startle reflex. (Putnam, 1989)

A diagnosis of MPD is more likely to be made after an extended period of observation. Diagnostic procedures include a mental status examination for appearance, speech, motor and thought processes, hallucinations, intellectual functioning, judgment and insight. Extended interviews for three hours may help, as it is difficult for MPD patients to keep from switching that long during the stress of an interview. The MMPI questions relating to blank spells and lack of knowledge of past actions show fairly high retest validity. The Rorschach test has a lot of diversified movement responses and labile and conflicting color responses. Physical examinations can help rule out other neurological disorders causing amnesia and may help detect self-mutilation scars. A diagnosis of MPD can only be made once a clinician has met a distinct alter state and not a transient ego-state phenomena. (Putnam, 1989)

It may be helpful to look at the spectrum of dissociation to further describe the observed symptomology of DID. Whitfield describes dissociation on a spectrum from healthy dissociation, like healthy trance states or defending against a painful experience to unhealthy dissociation, like PTSD, Dissociative Disorders and DID. Dissociation may be considered a useful survival defense mechanism. But once a patient leaves the abusive situations (as in a child leaving an abusive home), these dissociative symptoms may not be particularly useful. (Whitfield, 1995)

An understanding of the possible causal factors of DID may help with developing a diagnosis. Ross suggests four pathways that might lead to DID’s emergence. These include child abuse, child neglect, factitious and iatrogenic. Ross believes that some cases of DID occur as a result of incompetent and misguided treatments for other types of disorders, like bipolar, post-traumatic stress or other mixed syndromes containing dissociative elements. (Carson, Butcher & Mineka, 2000) Whitfield cites a Scheflin and Brown study that found in 30 malpractice lawsuits filed by retractors against former therapists for implanted false memories or DID, most had the diagnosis of DID and/or had recovered memories before the sued therapist had seen them. (Whitfield, 2001) Brown, Frischholz and Scheflin state that there is insufficient data to meet the minimal standard of scientific evidence that DID can be caused by suggestive influences in therapy. They believe that alter creation in some cases has been confused with alter shaping. (Brown, Frischholz & Scheflin, 1999) There is no convincing evidence of a genetic contribution to DID. Evidence is growing that DID is largely a kind of post-traumatic stress disorder. The reported percentages of child abuse (sexual or physical) in five DID patient studies run between 60 and 90%. (Carson, Butcher & Mineka, 2000)

The psychological testing of MPD patients was done by Erikson and Rapaport in the 1940′s. They both analyzed the Rorschach responses of two patients and found the test results reflecting tendencies toward introversion, “compulsive-obsessional” and intellectualization personality characteristics. Lovitt and Lefkof describe the use of Exner’s Comprehensive System to analyze the structural features for three MPD patients’ Rorschach responses. All the major personalities fluctuated in the way they responded to the inkblots. Single case studies of MPD patients using the Minnesota Multiphasic Personality Inventory (MMPI) show a wide variety of diagnostic configurations. Invalid profiles of MPD patients may result from extremely high scores on the F scale (validity), which measures a tendency to exaggerate problems and elevated scores on the Sc scale, which measures social alienation, bizarre feelings, isolation, thoughts of external influence, feelings of inadequacy, and peculiar bodily dysfunction. (Mangen, 1992)

The Dissociative Experiences Scale (DES) was used by Putnam and Bernstein to measure dissociation in normal and clinical populations. The test was found to have good split-half and test-retest reliability and it displayed construct and criterion-related validity. The Perception Alteration Scale (PAS) was drawn from items on the MMPI. Sander’s factor analysis of the scale showed three factors (modification of affect, control and cognition) accounted for almost half of the variance. The Questionnaire of Experiences of Dissociation (QED) was described by Riley as having good reliability and validity. Armstrong and Lowenstein discuss an approach to psychological testing that tries to follow “state” changes. MPD patients display patterns different from schizophrenic and borderline patients. These patients tended to present with more complicated defense structures than van der Kolk’s sample of war trauma veterans. (Mangen, 1992)

The first questionnaire used to screen for dissociative disorders was the General Amnesia Profile (GAP) developed by Wilbur and Caul in 1978. Several GAP-type items are included on the Dissociative Experiences Scale (DES). The DES inquires about dissociative experiences and symptoms, with subjects marking a line representing between 0% and 100% of the time. Two other structured diagnostic tests are the Structured Clinical Interview for DSM-IV disorders-Revised (SCID-D-R, created by Steinberg) and the Dissociative Disorders Interview Scale (DDIS, created by Ross). Studies have cross-validated the DDIS and the original SCID-D with the DES. The DDIS had 131 items covering dissociative disorders, major depression, somatization and BPD. Many items simply restate DSM criteria using a yes-no format. The SCID-D-R has 250 items and assesses five areas, amnesia, depersonalization, derealization, identity confusion and identity alteration. The severity of symptoms is graded on a 4-point scale. (Putnam, 1997)

Mangen used a battery of tests for the psychological evaluation of ritual abuse victims in satanic cult settings. Most of these patients were diagnosed with MPD. This battery includes the Weschler Adult Intelligence Scale – Revised (WAIS-R), the Rorschach Inkblot Test, a story telling test like the Thematic Apperception Test (TAT) a human figure drawing test, the Animal Choice Test and other brief projective tests. Testers should be open to the possibility that cult abuse exists, should be familiar with the symbols and customs of this kind of abuse and should know how testing effects the patient and should be aware of countertransference issues. The WAIS-R may show inconsistencies in performance. Certain tasks, such as repeating things in backward order, may be troublesome to some patients due to the similarity of this test to Satanic rituals. Rorschach card descriptions may entail memories of abusive rituals. An MPD patient’s TAT responses may entail memories of rituals or issues around a lack of trust of others. (Mangen, 1992)

Putnam suggests a phenomenological approach to pediatric dissociative disorders. This entails the study of symptoms and behaviors on their own and not from a theoretical point of view. Hornstein and Putnam examined 64 children having either MPD or DDNOS. The average child had received 1.4 to 4.0 diagnoses before the DD diagnosis. Symptoms include anxiety, affective, depression, affective lability, self-blame, withdrawal/hopelessness and low self-esteem. Serious suicidal ideation was present in more than half of the children. Almost half of those diagnosed MPD had made a suicide attempt and self-mutilation was common. Two-thirds of the children had conduct problems. Sexual behavior problems occurred in about half of the patients. Posttraumatic symptoms were present in three-quarters of the cases. Trance-like states occurred in almost all cases. Differential diagnosis of pathological dissociation in children includes ADHD, Conduct disorder, Rapid-cycling bipolar disorder, schizophrenia and other psychotic disorders, seizure disorder and Borderline personality disorder. (Putnam, 1997)

Information gathering for childhood dissociation should include getting all pertinent records and interviewing caretakers. A clinician should look for parenting difficulties, parental psychopathology and deficits in the ability to care for the child. Teachers can be good sources of information. Children should be interviewed with caretakers first to watch for clues during their interactions. Self-evaluative interview levels of validity depend on the age of the child. Signs of dissociative symptoms in children during an interview may be manifest in strong behavioral changes, blank stares, unresponsiveness, or continuous repetitive movements. Play or projective techniques and physical examinations may also provide partial useful information toward a diagnosis. (Putnam, 1997)

Diagnostic tests for pathological dissociation in youths include the Child Dissociative Checklist (CDC). It has twenty questions, each with a three-point scale. Scores more than 12 warrant additional evaluation. The CDC is a reliable and valid instrument. The Adolescent Dissociative Experiences Scale (A-DES) is a self-report scale that has 30 items with a 0-10 scale. It is a reliable and valid measure of pathological dissociation in adolescents. The Bellevue Diagnostic Interview for Children (BDID-C) uses television analogies to inquire about dissociative experiences (like switching). The BDID-C inquires about awareness, memory, hallucinations, imaginative experiences, aggression and temper, alterations in abilities, sexual experiences, identity disturbances and medical complaints. (Putnam, 1997)

Separate identities or alters can be co-conscious, where each alter can keep track of the other alters’ activities or amnestic or there can be combinations of these. Usually, DID is not easily detectable by other people. The popularized version of DID patients leading different lives represents only a small percentage of patients. Not all DID patients are alike. Frequent misdiagnosis of DID includes identifying secondary symptoms, like depression, physical ailments, chemical dependency and eating disorders, as the primary problem. Symptoms of unintegrated trauma are closely similar to and can be confused with certain personality or mental disorders. Common misdiagnoses include borderline personality, anxiety disorder, paranoid schizophrenic, attention deficit disorder, psychosis and clinical depression. These conditions may be present but are often secondary symptoms. Therapists need to learn the signs of unintegrated trauma or DID patients may be misdiagnosed or undiagnosed. A study has shown it takes an average of seven years to properly diagnose DID patients. The best indicator of a possible misdiagnosis is a patient’s unresponsiveness to treatment. Some believe that undiagnosed and misdiagnosed DID patients may end up in prisons or mental institutions. (Oksana, 2001)

Estimates in the mid 1980′s suggest that about twenty percent of patients with MPD may also be cult abuse victims. (Mangen, 1992) Noblitt discusses a proposed diagnosis in DSM format of Cult and Ritual Trauma Disorder, whose diagnostic features include disturbing or intrusive recollections of abuse and involuntary dissociated states, due to ritual abuse. Dissociation of identity is a feature of this disorder and DID or DDNOS are frequently concurrently diagnosed. (Noblitt and Perskin, 2000) A clinician may want to evaluate a client for a diagnosis of DID or DDNOS when the patient has a history of repeated, severe abuse.

Oksana divides the symptoms of the aftereffects of sadistic/ritual abuse into two categories. The first, enabling dissociation, describes how a survivor avoids, distracts from and medicates their pain. The remaining categories describe how one’s body and mind might be trying to reconnect or associate (as opposed to dissociate) with repressed experiences. The possible signs of enabling dissociation include the use of addictions to distract or medicate oneself, following diversions such as keeping very busy, focusing on others’ pain instead of your own, spacing out, using alters to escape or becoming a zealot to avoid getting in touch with oneself. Dissociated behaviors may include, having been an extremely obedient child, unusual changes in vision, handwriting, performance or concentration, fear of losing control or leaving things to chance, taking controlled thrills, fear of self expression of one’s creativity, always smiling or feeling it is dangerous to show sadness or disappointment and problems with sexuality. Dissociated emotions and cognitions might include, detachment during crises, fear of spontaneous emotion, thinking instead of feeling, inability to stay with a feeling, an inappropriate level of responses, living in constant fear, feeling abnormal levels of guilt and shame, feeling uncontrollable levels of anger and feeling one doesn’t belong. Possible signs of dissociation include being confused or disorientated in certain situations, changing subjects abruptly, feeling one’s body size changes, feeling unreal or in someone else’s story, hearing voices arguing in your head and dissociating in a crisis. (Oksana, 2001)

While making a diagnosis, it is also important to distinguish a disorder from other disorders that may have similar symptoms. DID should be distinguished from symptoms that are caused by the physiological effects of a medical condition (Axis III disorders). DID should be distinguished from dissociative symptoms caused by complex partial seizures, but both disorders may co-occur. Seizure episodes may last 30 seconds to five minutes and don’t have the enduring structures of identity usually found in DID. Symptoms caused by the physiological effects of a substance must also be distinguished from DID. The diagnosis of DID takes precedence over other dissociative disorders. The differential diagnosis between DID and other mental disorders (like psychotic disorders) is made difficult by overlapping symptoms. A dissociated identity state may be mistaken for a delusion, inter alter communication may be mistaken for auditory hallucinations, or shifts between identity states may be confused with bipolar cyclical mood fluctuations. The factors that may support a diagnosis of DID in these cases may include sudden shifts in identity states, reversible amnesia and high scores on tests of dissociation and hypnotizability. DID must also be distinguished from Malingering, where there may be forensic or financial gain and Factitious disorder, where there may be a pattern of help-seeking behavior. (Diagnostic and statistical manual of mental disorders, 2000)

Dissociative disorder not otherwise specified (DDNOS) is included in the DSM-IV-TR as a category for disorders where a predominant feature is a dissociative symptom, but the symptoms do not meet the criteria for the previously mentioned dissociative disorders. DDNOS presentations may be similar to DID but do not meet the total criteria for DID. These include presentations where there are not two or more personality states or where the amnesia of important personal information doesn’t occur. Other DDNOS features may include, in adults, derealization not accompanied by depersonalization, dissociation due to intense coercive persuasion (like brainwashing), dissociative trance disorder, loss of consciousness not due to a medical condition and Ganser syndrome (giving approximate answers to questions). (Diagnostic and statistical manual of mental disorders, 2000)

In conclusion, Dissociative Identity Disorder has clear guidelines for diagnosis, but yet it takes an average of seven years before a primary diagnosis of DID is given. It takes several diagnoses before a DD is given to children. Some of the factors involved in the delay of diagnosis or misdiagnosis include client compensatory techniques to cover for the symptoms of DID, and the mistaken diagnosis of secondary symptoms, instead of the primary diagnosis of DID. It may be helpful for clinicians to take a thorough history of each client, carefully building a time line of life events to look for major gaps, as well as watching for any dissociative symptoms that may present during the client interview. A history of repeated, severe abuse may suggest the existence of a dissociative disorder. Therefore in these cases, it may be best for clinicians to watch closely for dissociative symptoms and give clients the necessary aforementioned tests to ensure a proper diagnosis. Once given, a proper diagnosis can help a client’s prognosis and treatment.

References

American Psychological Association (2000). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (4th ed. text revision). Washington, D. C: Author.

Barlow, D.H. (2001). Clinical handbook of psychological disorders (3rd ed.). New York, NY: Guilford Press.

Brown, D., Frischholz, E., Scheflin, A. (1999). Iatrogenic dissociative identity – an evaluation of the scientific evidence. The journal of psychiatry and law. 27, 549-637.

Brown, D., Scheflin, A. W., Hammond, D. C. (1998). Memory, Trauma treatment and the law. New York: W. W. Norton & Company.

Carson, R.C., Butcher, J.N., & Mineka, D. (2000). Abnormal psychology and modern life. Boston, MA: Allyn & Bacon.

Drummond, R. J. (1996). Appraisal procedures for counselors and helping professionals (4th ed.). Englewood Cliffs, NJ: Merrill.

Groth-Marnot, G. (1996). Handbook of psychological assessment (3rd ed.). New York, NY: Wiley & Sons.

Mangen, R. (1992). Psychological testing and ritual abuse. In Sakheim, D. K., Devine, S. E. (1992). Out of darkness – Exploring satanism and ritual abuse. New York: Lexington Books. (pp. 147 – 173)

Maxmen, J. S., & Ward, N.G. (1995). Essential psychopathology and its treatment (2nd ed.). New York, NY: W. W. Norton & Company.

Noblitt, J. R., Perskin, P. S. (2000). Cult and Ritual Abuse (Rev. Ed.). Westport, CT: Praeger Publishers.

Oksana, C. (2001). Safe passage to healing : A guide for survivors of ritual abuse. Lincoln, NE: iUniverse.com, Inc.

Putnam, F. W. (1989). Diagnosis and treatment of multiple personality disorder. New York: Guilford Publications.

Putnam. F. W. (1997). Dissociation in children and adolescents : a developmental perspective. New York : Guilford Press

Whitfield, C. L. (1995). Memory and abuse – Remembering and healing the effects of trauma. Deerfield Beach, FL: Health Communications, Inc.

Whitfield, C. L. (2001). The “false memory” defense: Using disinformation and junk science in and out of court. In Whitfield, C. L., Silberg, J. Fink, P. J. Eds. (2001). Misinformation Concerning Child Sexual Abuse and Adult Survivors New York: Hawthorn Press, Inc. (pp. 53 – 78)

 

Fonte: ritualabuse

Abuso psicologico e controllo mentale

 

Definizione

Ci sono parole, azioni, comportamenti, interazioni che nessuna legge punisce, ma che possono risultare fortemente lesivi per una persona.

Questo tipo di violenza, definita psicologica (definizione vaga e per ora scarsamente codificata), riguarderebbe diverse situazioni, tanto di tipo carenziale, quanto di tipo attivamente lesivo, che colpiscono il benessere emotivo e psicologico della vittima. La provocazione continua, l’offesa, la disistima, la derisione, la denigrazione, la svalutazione, la coercizione, il ricatto, il silenzio, la privazione della libertà, la menzogna e il tradimento della fiducia riposta sono solo alcune forme in cui si manifesta la violenza psicologica.

Per parlare di abuso psicologico è necessario che una o più di queste dimensioni siano sufficientemente pervasive, da poter essere considerate caratteristiche delle interazioni e da far sorgere serie preoccupazioni in merito al funzionamento e alle condizioni emotive della vittima.

Ambiti di attuazione della violenza psicologica

La violenza di tipo psicologico si esplica in vari ambiti, domestico, lavorativo e sociale, ed è dunque caratterizzata da un tipo di relazionalità aggressiva che può essere o meno accompagnata da situazioni di maltrattamento fisico o sessuale, e che si connota per il carattere particolarmente minaccioso dell’approccio relazionale.

L’aspetto che distingue tale situazione da altre che per altro verso potrebbero essere definite nello stes-so mo-do, è rappresentato da un atteggiamento violentemente intrusivo da parte dell’aggressore nei confronti dell’aggredito, che può essere un partner debole o più frequentemente un figlio, oppure, un discente, un collega di lavoro…

La violenza psicologica che si perpetua nell’ambito familiare è quella maggiormente riconosciuta anche dal punto di vista giuridico.

Recenti sentenze hanno difatti sottolineato le caratteristiche della violenza psicologica domestica e i suoi effetti sulla relazione.

Una sentenza della Corte d’Appello di Torino, sezione I civile (RG. 895/99), per esempio ha attribuito il fallimento di un matrimonio alle violenze psichiche che il marito infliggeva alla moglie:

“E’ emerso infatti che il comportamento tenuto dallo S. ha comportato per tutta la durata del rapporto, offesa alla dignità dell’altro coniuge, in considerazione degli aspetti esteriori con cui era coltivato e dell’ambiente in cui era esternato, ed è stato oggettivamente tale da cagionare sofferenze e turbamenti, lesioni all’immagine ed offese pregiudizievoli della personalità del coniuge, con atteggiamenti di disistima e comportamenti espulsivi, particolarmente gravi per i toni sprezzanti ed in quanto esternati alla presenza dei componenti del gruppo parentale e amicale, benchè la moglie tentasse, in tali occasioni, di ricomporre le fratture. Lo S. ha dunque tenuto nel corso del rapporto una condotta offensiva ed ingiuriosa sotto plurimi profili. (Dalla sentenza, pag. 36).

La sentenza ha denominato tali metodi di attacco alla stima personale con il termine mobbing (pag. 45 della sentenza), addebitando la responsabilità della separazione al marito.

La Sesta Sessione Penale della Corte di Cassazione (3750/99) ha sostenuto che l’uomo che rende la vita impossibile alla ex moglie, sottoponendola ad ogni tipo di molestie e vessazioni, è punibile con il carcere, perché viene meno ai doveri di rispetto reciproco ai quali è tenuto anche se separato, a nulla rilevando il fatto che sia cessata la convivenza. Con questa affermazione ha respinto il ricorso di un signore separato che aveva tormentato la ex moglie con ogni tipo di molestia (foratura di gomme dei pneumatici, minacce) e per questo era stato condannato dalla Corte di Appello di Venezia per il reato di maltrattamenti in famiglia. Secondo la Suprema Corte, infatti, è vero che i singoli comportamenti tenuti dall’uomo costituivano di per sé reato (minacce, ingiurie, danneggiamento, etc.), ma quando la sottoposizione dei familiari, “ancorché conviventi”, ad atti di vessazione continui e tali da cagionare agli stessi intollerabili sofferenze presentino “il connotato dell’abitualità”, tutti i singoli episodi costituiscono espressione di un “programma criminoso” unitario, e quindi configurano il più grave reato previsto dall’art. 572 del codice penale.

Quindi vessazioni, minacce, ingiurie, danneggiamenti, ecc. continuativi all’interno di una relazione sono segnali di abuso psicologico.

La violenza psicologica si consuma anche nell’ambiente lavorativo. Il mobbing (dall’inglese To mob = assalire tumultuosamente) difatti è una chiara forma di violenza psicologica, definita anche terrore psicologico, esercitata sul posto di lavoro attraverso attacchi ripetuti di colleghi o superiori.

Il mobbizzato (vittima del mobbing), spesso, inconsapevolmente entra in un circolo relazionale vizioso che lo vede vittima di una sottile e diabolica aggressione da parte di un carnefice. Gli attacchi però non sempre sono eclatanti, e la vittima non è subito in grado di identificare chiaramente quello che gli sta succedendo: cattiverie, pettegolezzi…sono ritenuti regole del gioco e sdrammatizzate da parenti e amici a cui vengono raccontati. Così l’individuo inizia a provare senso di inadeguatezza, di colpa per non riuscire ad essere migliore e quindi inattaccabile. Non riesce subito a mettere in relazione il fastidioso mal di testa, la difficoltà di digestione, gli attacchi d’ansia…con lo stillicidio quotidiano di diffidenze, maldicenze e rimproveri gratuiti che riceve. Finisce spesso per attribuire a se stesso la responsabilità delle sue difficoltà di adattamento all’ambiente lavorativo. I disturbi psicosomatici e i danni alla stima della persona sono inevitabili.

Si passa dunque da un tipo di relazione simmetrica ad una relazione complementare fissa, in cui la vittima assume il ruolo di sottomesso (one-down).

Una delle forme più invasive dell’abuso psicologico è il controllo mentale o persuasione distruttiva, che il carnefice mette in atto nei confronti della vittima designata. La persuasione, o controllo mentale rappresenta lo sforzo di condurre una persona verso una direzione voluta, con mezzi diversi dalla forza (nel caso della violenza psicologica nel mondo del lavoro, il carnefice desidera portare al licenziamento la vittima; nell’ambito domestico o relazionale, l’obiettivo è di annientare psicologicamente il più debole). La persuasione distruttiva viene preparata secondo un programma preciso e nascosto, mediante il controllo strategico dei bisogni dell’altro.

Un ambito in cui si sviluppa ampiamente tale forma di relazione pervasiva, ma in modo molto più subdolo, è quello di appartenenza ad un gruppo ad ideologia radicale o settaria. La convinzione che un “profilo psicologico” caratterizzi i membri dei gruppi radicali è errata. Diversi fattori operano simultaneamente all’istante del reclutamento. Affinchè un individuo venga reclutato con successo, diventano importanti i seguenti fattori: convinzioni ed atteggiamenti precedenti, natura della strategia del gruppo persuasivo, variabili sociali ed ambientali, particolari bisogni dell’individuo in quel preciso momento.

Esistono dei gruppi altamente specializzati nelle tecniche di reclutamento che mescolano psicoanalisi, religione, scienza e pratiche iniziatiche per creare acquiescenza nell’individuo. Spesso aggirano le difese mascherandosi da scuole di formazione o corsi specialistici per operatori e manager. Tali gruppi, oggi molto “di tendenza” sono legati al variegato mondo della New Age.

Il lungo rapporto che il Dipartimento di pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno ha inviato alla Commissione Affari Costituzionali della Camera punta il dito in particolar modo su questi tipi di gruppo, definiti “psico-sette” o “autoreligioni”, che agiscono anche nella nostra nazione con metodi reclutativi altamente aggressivi e lesivi.

Il rapporto sostiene difatti che “nella fase di proselitismo e in quella di indottrinamento tali gruppi usano sistemi scientifici studiati per aggirare le difese psichiche delle persone irretite, inducendole ad atteggiamenti acritici e obbedienza cieca”.

Per quanto questi gruppi sostengano di agire per garantire il benessere personale e psicologico degli individui, la sola cosa che ottengono con indiscutibile successo è di raccogliere enormi somme di denaro per i loro capi.

Nel rapporto del Ministero degli Interni difatti si legge tra l’altro: “Coloro che decidono di proseguire la terapia, sono indotti a frequentare corsi sempre più onerosi, durante i quali sono sottoposti a stress fisici (lavori logoranti, diete ipervitaminiche e ipoproteiche) e psicologici (letture forzate, pressioni e intidimidazioni)”. Contro organizzazioni di questo tipo, sottolinea il rapporto, l’azione penale rischia di non avere strumenti sufficienti: non esiste ancora il reato di “aggressione alla liberta” psichica e non è più previsto quello di plagio.

Il mantenimento all’interno del gruppo viene garantito da una serie di tecniche. Molti di questi gruppi utilizzano anche l’ipnosi di massa, che favorisce una attenzione di tipo estatico e, infine, obbedienza. Strumenti di ipnosi sono la preghiera o la ripetizione di frasi ritualistiche o mantra. Le parole utilizzate in queste cantilene non devono però essere significative per essere efficaci. La psicologia ha difatti dimostrato sperimentalmente che le parole senza senso sono più facilmente ricordate che non quelle dotate di senso. Questo perché le parole senza significato hanno un contenuto meno associativo e inibitorio di quelle significative.

Altra tecnica funzionale al controllo mentale ed efficace al mantenimento dell’individuo nel ruolo di vittima è la manipolazione della colpa: qualsiasi lacuna nella vita del culto viene attribuita ad una qualche falla tra i devoti. Quando un membro comincia a mettere in dubbio che i suoi bisogni trovino veramente una soluzione, le sue proteste verso i leaders generano soltanto accuse secondo cui egli stesso è responsabile delle proprie difficoltà (così come avviene per il mobbizzato nel mondo del lavoro). Addirittura un membro impegnato arriva a credere davvero che la sua insoddisfazione sia dovuta al proprio modo di agire. Come un bambino non può immaginare che i suoi genitori possano usargli violenza, un membro del culto può condannare solo se stesso per le esperienze negative.

Il processo di colpevolizzazione è un circolo vizioso: il considerevole numero di suicidi tra i membri del culto suggerisce che l’unica soluzione a questo dilemma sia l’autodistruzione.

Effetti dell’abuso psicologico

Nell’anno 1999 alle sedi del nostro Centro (Ce.S.A.P.) si sono rivolti 763 utenti, che hanno denunciato situazioni di abuso psicologico: il 16,4% (pari a 125) nell’ambito domestico, il 18,4% (140) nell’ambito lavorativo, mentre il 57% circa (436) ha portato alla nostra attenzione un problema di controllo mentale a causa di un’adesione ad un culto personale o di un proprio parente. I contatti solitamente avvengono per via telematica (605 e-mail di richiesta in un anno) oppure per telefono (65 telefonate) o per contatto diretto con i nostri operatori (93 visite).

L’età media dei richiedenti è di 43 anni circa, si tratta il più delle volte di donne (55,5%), coniugate (76% circa). Solitamente denunciano esperienze lunghe di abusi, vessazioni, lesioni ai propri diritti, dirette o indirette.

Si tratta di numeri dolorosi, minacciosi, indicativi della gravità del fenomeno, del quale lasciano però intuire dimensioni ben più ampie.

230 delle richieste pervenute sono state prese in carico dai nostri professionisti per:

– Psicoterapia (25%)

– Terapia medico/farmacologica (5%)

– Cause di separazione legale (56,5%)

– Interventi educativi su minori (10,5%)

Gli utenti presi in carico si distinguono in vittime dirette di un abuso perpetuato in uno degli ambiti sopracitati e in parenti delle vittime. I primi spesso non giungono a chiedere aiuto spontaneamente, ma sono spronati a farlo da amici o parenti. Sono diffidenti e molto aggressivi, all’inizio, in quanto non hanno più alcuna fiducia nella relazione. Il senso di violazione personale è indescrivibile.

Se hanno avuto un’esperienza in un culto distruttivo, appaiono arrabbiati, delusi e il più delle volte non desiderano sentir parlare di argomentazioni spirituali. In casi più rari, invece, la rabbia di essere stati ingannati è tale che le vittime più che rivolgere una richiesta d’aiuto desiderano acquisire quante più informazioni possibili sul culto di cui facevano parte, al fine di vendicarsene (in special modo se all’interno hanno dovuto lasciare una persona cara), oppure desiderano sporgere immediatamente delle denunce.

La maggior parte di loro presenta dei problemi di carattere emotivo e in alcuni casi disturbi mentali veri e propri. L’adesione ai culti distruttivi, per esempio, o il perpetuarsi di una distorsione nella relazione agevolano lo strutturarsi di una serie di problemi fisici e mentali (si comincia col manifestare disturbi di tipo psicosomatico, disordini alimentari, fino a giungere a disturbi di tipo psicotico, depressione cronica, alcoolismo…). Spesso gli ex aderenti ad un culto distruttivo risentono, a distanza di tempo, dei ricatti e delle vessazioni ricevuti dal resto del gruppo di appartenenza, nel momento in cui si sono allontanati o sono stati costretti ad allontanarsene. I culti distruttivi funzionano secondo la politica del Chi è fuori è un nemico!

Molti sono i tentativi di suicidio, specialmente perché la vittima spesso non si sente supportata nel suo dolore da nessuno, non trova via d’uscita e crede che la colpa della sua esperienza negativa sia esclusivamente sua.

Diverse sono le cause di separazione, specie quando l’altro coniuge è ancora all’interno del culto. Le cause non sono semplici, specie quando di mezzo ci sono i bambini. Spesso il coniuge-adepto, in questi casi, mette in moto una serie di meccanismi e strategie di denigrazione dell’altro (l’apostata) con accuse gravi, fino a trasformare le cause da civili a penali. L’adepto ha la tendenza a volere l’affidamento del proprio figlio al fine di tenerlo ancora nel gruppo e soprattutto lontano dall’altro che rappresenta nella sua mente satana. Nel quotidiano le vittime sostengono di non riuscire a rendere più nel loro lavoro o impegno, provano vergogna e ancora sensi di colpa, anche a distanza di tempo. Uno di loro una volta ha asserito di sentirsi in colpa per aver buttato 20 anni della sua vita in un culto, anni in cui aveva vissuto non vivendo.

I familiari delle vittime, specialmente quelli degli aderenti ai culti distruttivi, che sono coloro che più facilmente si rivolgono ai centri di aiuto, sviluppano una sorta di relazione di co-dipendenza, con il proprio caro, adepto. Dopo aver fatto diverse esperienze di fallimento iniziali, in cui hanno tentano di risolvere la situazione con le sole proprie forze, tendono a negare il fatto, quando sono di fronte al loro caro intrappolato, mentono per non affrontare la situazione, perché temono di non rivederlo più, sono spesso accondiscendenti, ma covano dentro tanta rabbia, depressione e risentimento che contribuiscono ad alimentare la loro frustrazione e impotenza.

Spesso ci chiedono aiuto per ricevere un miracolo dall’esterno, più che animati da desiderio di impegnarsi nei tentativi di recupero. Alcuni di loro, si mettono in contatto con tutte le associazioni e i professionisti di cui hanno sentito parlare su giornali o in TV, in Italia e all’estero, e contemporaneamente rivolgono a tutti richieste d’aiuto. In questo modo rendono molto più complessa l’azione di intervento, per il dispendio di energie. Anche i familiari delle vittime sviluppano malattie psicosomatiche dovute a disturbi connessi allo stress che vivono quotidianamente.

Metodi di aiuto e di recupero Nel corso della nostra esperienza abbiamo sviluppato metodologie sempre più specifiche di aiuto e recupero da abuso psicologico.

Le vittime entrano in contatto con i nostri operatori, i quali hanno il compito di verificare la natura della richiesta e a seconda dei casi inviarli al professionista più adeguato (medico, psicologo, psicoterapeuta, psichiatra, avvocato, pedagogista). Fanno parte del nostro gruppo anche ex vittime, che sono a disposizione nelle varie fasi di recupero con la loro personale esperienza nell’ambito specifico.

Una volta presi in carico, viene richiesta a ciascuno la redazione di un memoriale della propria esperienza, che aiuta sia loro sia gli operatori a focalizzare razionalmente la storia passata.

Il sostegno informativo è un’altra fase essenziale per il processo di recupero: gli operatori spesso mettono a disposizione dell’utente tutto il materiale necessario a comprendere meglio l’esperienza passata (libri e documenti dei culti, sentenze, circolari…) e le ex vittime provvedono a fornire particolari dello loro esperienza.

Questo tipo di aiuto emotivo è molto importante sin dal primo contatto.

Gli utenti chiedono subito se la loro esperienza è singolare o c’è qualcun altro che l’ha vissuta e se esiste questa possibilità chiedono immediatamente il contatto. Quando i vari utenti sono presi in carico dagli esperti, alcuni di loro contemporaneamente ricevono supporto emotivo mediante i gruppi di auto-aiuto. I gruppi di aiuto sono luoghi dove elaborare la propria guarigione, dove parlare di traumi passati con persone che hanno fatto la stessa esperienza e che sono state formate a dare sostegno.

Dal gennaio 2000 è stato attivato un gruppo di auto-aiuto per vittime di culti distruttivi, al quale hanno aderito 15 persone. Grazie al successo di questa iniziativa a settembre saranno attivati altri gruppi per vittime e familiari di vittime di culti distruttivi e di mobbing.

Quando le vittime sono riuscite a risolvere il loro problema, hanno sviluppato nuovi modi di comunicare con se stessi e con gli altri ed hanno recuperato fiducia nel prossimo, la maggior parte delle volte desiderano offrire la propria esperienza al servizio degli altri.

Lorita Tinelli

Presidente CeSAP

© Leadership Medica Anno XVI – No. 06.2000

LE NUOVE RELIGIOSITA’ ALLE SOGLIE DEL TERZO MILLENNIO

26 gen

Relazione presentata all’omonimo corso di informazione del Ce.S.A.P. nel Novembre 1999

Negli ultimi anni stiamo assistendo, nei paesi occidentali, al proliferare di nuove forme di culto.
Anche nella cattolica Italia esse sono in vorticoso aumento. E questo è molto naturale in un periodo di transizione come quello che stiamo vivendo.
Nell’anno 1998 il Viminale ha lanciato l’allarme sulle sette ed i nuovi movimenti religiosi nel nostro Paese.
Sono stati rilevati 80.000 aderenti a più di 137 gruppi, tra sincretisti, false chiese, messianici esoterici, occultisti e satanisti.
La maggior parte di questi nuovi gruppi incentra il proprio fulcro dottrinale sulla profezia dell’imminente fine del mondo, coincidente con la fine del secondo millennio.
Purtroppo, pur proponendosi ai propri adepti come unica fonte di salvezza, questi gruppi sono sempre più spesso coinvolti in episodi di cronaca nera:
o 1978, circa 900 seguaci, tra adulti e bambini, della setta del Tempio del Popolo del reverendo Jim Jones, si suicidarono assumendo del cianuro a Jonestown, nella Guyana. Tra i suicidi vi furono anche Jones, la moglie ed il figlio;
o 1986, nelle Filippine, 300 seguaci della setta dei Cristiani Benevolenti assaltano, armati di coltello, il villaggio di Sant’Antonio, nell’isola di Mindanao. Vengono messi in fuga dalla polizia dopo uno scontro in cui 15 adepti restano uccisi;
o 1993 a Waco, Texas, dopo 51 giorni di assedio, 83 aderenti alla setta di David Koresh morirono nell’incendio del deposito in cui si erano asserragilati, in seguito all’assalto della polizia; qualche mese prima 4 poliziotti furono uccisi perché indagavano sulla setta;
o 1995, vengono ritrovati i corpi bruciati di 16 adepti della setta del Tempio del Sole sull’altopiano di Vercos, in Francia. Essi erano sicuri di poter approdare, così facendo, alla Loggia Bianca della stella Sirio, allo scopo di raggiungere altri 51 cofratelli coinvolti assieme ai loro due capi in un analogo suicidio 14 mesi prima in Svizzera

 

I suddetti episodi rappresentano casi estremi di una paranoia collettiva, ma sono sintomatici di quanto forte possa essere, in determinate condizioni, l’influenza di particolari forme di organizzazione sugli individui.

CARATTERISTICHE

Studiosi e ricercatori di diverso orientamento, negli ultimi anni, hanno cercato di comprendere il complesso mondo delle sette.
Nonostante la loro difformità, dovuta alle diverse provenienze ed orientamenti dottrinali, è possibile ritrovare nei nuovi culti tratti comuni.
Innanzitutto le sette

1. offrono risposte immediate a tutti i problemi dell’esistenza
2. provvedono calore umano
3. favoriscono l’esperienza religiosa

 

In quanto uniche depositarie della Verità e delle procedure per la Salvezza, le sette pretendono dall’individuo che vi aderisce, l’osservazione di una serie di norme.
In alcuni gruppi per es. viene programmata la vita di coppia degli adepti.
Nella Chiesa dell’Unificazione di Moon, è lo stesso Moon a formare le coppie, affinchè possano unirsi in un matrimonio mistico.
Fra gli Hare Krishna vengono stabiliti i tempi in cui gli adepti possano avere rapporti sessuali.
Alcuni movimenti si propongono di migliorare le condizioni di vita dei propri aderenti
L’indiano Maharishi Mahesh Yogi utilizza lo Yoga come mezzo per raggiungere il benessere del corpo e dello spirito.
La Chiesa di Scientology utilizza programmi di purificazione per favorire lo sviluppo della personalità e dell’intelligenza; utilizza anche dei macchinari sofisticati per misurare la forza vitale ed intellettuale.
Gli adepti da parte loro devono aderire acriticamente e in maniera dogmatica al gruppo, perché dubbi e critiche vengono definiti sintomi di apostasia. Il senso di colpa provato da chi trasgredisce rappresenta l’omeostasi del sistema.
Fra i diversi adepti vige una forte coesione interna e viene utilizzata spesso la metafora della famiglia con l’uso di appellativi quali fratello e sorella.
I gruppi sono per lo più gerarchizzati e per entrare a farne parte bisogna superare riti di accesso e di passaggio elaborati, prove di fede e di coerenza dottrinale, prove di impegno e di proselitismo.
Entrare negli Hare Krishna, per esempio, implica il cambio del proprio nome, l’affidamento ad un maestro che possa insegnare al neofita tutti i principi di fede, la recita del rosario Jaia, costituito da 108 perle, da ripetere per intero per 16 volte.
Alcuni gruppi utilizzano rituali magici per trasmettere il proprio sistema di credenze ai membri. Ciò avviene attraverso la ripetizione continua di parole o concetti che hanno il potere di creare una nuova realtà, coerente e condivisa, che trascende i fatti empirici.
In ogni caso pretendono che l’adepto prenda le distanze dal resto del mondo, considerato impuro e limitante la crescita spirituale.
Molti gruppi hanno o hanno avuto un fondatore, raramente sono state fondate da un gruppo di persone elette. Alcuni studiosi , infatti, hanno puntato i riflettori sulla figura e sul ruolo del leader fondatore. Egli è ritenuto portatore di poteri o conoscenze speciali, per questo i seguaci lo accettano come autorità e lo seguono incondizionatamente. In molti casi egli segue poco tradizioni e regole, mostrandosi imprevedibile, così stabilisce con i propri seguaci una comunicazione diretta e dalle connotazioni alquanto misteriose, offrendo loro l’illusione della partecipazione che, in realtà, resta impossibile.
Così facendo riesce a nascondere la presenza di un apparato burocratico e realizza programmi altrimenti irrealizzabili.
Il fondatore del gruppo acquisisce il suo potere carismatico grazie alla sua personalità e al suo carattere sacro ed esemplare. Spesso fonda il suo gruppo in seguito a rivelazioni ricevute da entità spirituali, quali santi e/o angeli (per esempio Joseph Smith, dopo l’apparizione dell’angelo Moroni, fondò la ‘Chiesa di Gesù Cristo e dei santi degli ultimi giorni’) oppure in seguito ad uno studio particolareggiato dei testi Sacri e ad una loro personale interpretazione.

TIPOLOGIA

Alcuni autori hanno proposto alcuni tentativi di classificazione dei diversi gruppi, sebbene ciò sia risultato difficile per la vastità e la complessità del fenomeno.
Bryan Wilson, per esempio, nel suo libro Le sètte religiose , propone una tipologia in base alla reazione di questi gruppi nei confronti del resto del mondo. Si ottiene, perciò:
1. una reazione conversionista se cercano di modificare interiormente l’uomo per offrirgli la salvezza;
2. una reazione rivoluzionaria se si propongono, grazie ad un intervento di origine soprannaturale, di capovolgere l’attuale sistema di cose che governa il mondo e che lo rende malvagio;
3. una reazione introversionista se non sono interessati a salvare il mondo, ma si estraniano da esso;
4. una reazione manipolazionista se ritengono di possedere conoscenze speciali e superiori rispetto al resto del mondo;
5. una reazione taumaturgica se offrono ai propri fedeli sollievo ai mali fisici o psichici;
6. una reazione riformista se si propongono di risvegliare la ‘luce interiore’ propria di ogni essere umano, per migliorare il mondo;
7. una reazione utopistica se si propongono di riscoprire quei particolari principi che permetterebbero di ricostruire il mondo.

 

Roy Wallis (1983) suggerisce l’esistenza di tre tipi di movimenti religiosi:
1. i gruppi che sono in pace col mondo, tra cui vi sono il Neo-Pentecostalismo e alcuni gruppi cristiani come Subud e Atherius Society;
2. quelli che si adattano al mondo proponendosi di aiutare l’individuo ad affrontarlo;
3. quelli che si oppongono al mondo nella speranza che presto sarà insediato da un Regno Celeste sulla terra. A tal fine gli adepti conducono una vita di stenti e piena di sacrifici.

 

Una ulteriore classificazione suddivide in sei categorie i gruppi religiosi, in base alle loro origini e ai principi dottrinali cui si rifanno:
1. movimenti di matrice cristiana o pseudocristiana (ne fanno parte i testimoni di Geova, i mormoni, la Chiesa cristiana Avventista del 7° giorno, ecc.);
2. movimenti religiosi alternativi di matrice orientale ( Hare Krishna, Missione della Luce Divina, Sahaya Yoga, Brahma Kumasis, ecc.);
3. movimenti religiosi alternativi con caratteristiche unificazioniste (Chiesa dell’Unificazione, Centro dell’uomo, Vita Universale, ecc.);
4. movimenti religiosi alternativi con caratteristiche taumaturgiche o pseudoscientifiche ( Chiesa di Scientology, Scienza cristiana, Sukyo Mahikari, ecc.);
5. movimenti religiosi alternativi con caratteristiche esoteriche, spiritistiche, occultistiche, magiche, ufologiche ( Arancioni, Rosacroce; Movimento del potenziale umano, New Age, ecc.);
6. sette sataniche.
TECNICHE DI PERSUASIONE
L’ipotesi che le sette sottopongano i loro affiliati al lavaggio del cervello motiva una delle critiche più comuni che viene rivolta ad esse.
L’espressione lavaggio del cervello, di dubbio valore scientifico, fu coniata dal giornalista statunitense Edward Hunter nel 1951 durante la guerra di Corea. Egli accusava i Cinesi di utilizzare con i loro prigionieri questa tattica, che consisteva nell’isolamento dell’individuo, nel suo controllo totale, nell’indebolimento fisico e mentale (dovuto al poco sonno e alla scarsa alimentazione), nel suscitare sensi di colpa e attacchi ai suoi sistemi di valori. Aderire ad un nuovo sistema di valori rappresentava, pertanto, una liberazione.
Richardson (1979) attribuisce il significato di quasi lavaggio del cervello alle tecniche di risocializzazione utilizzate dalle sette, in quanto queste ultime pur prevedendo un totalitarismo ideologico, non comportavano la coercizione fisica.
La maggior parte di questi nuovi movimenti utilizza notevoli pressioni per convincere l’individuo all’affiliazione. Le pressioni possono assumere l’aspetto positivo di bombardamento d’amore, quando una persona viene sommersa da affetto e attenzioni immediate; ma possono anche essere negative e far leva sui sensi di colpa; a volte possono coesistere entrambe queste caratteristiche.
Lo psicologo sociale Robert B. Cialdini (1984) in un’indagine effettuata sulle varie tecniche di persuasione utilizzate da venditori professionisti e da gente comune, evidenzia più chiaramente i sei principi psicologici base che favoriscono il processo di affiliazione:
1. Reciprocità: consiste nell’offrire qualcosa per riceverne qualcos’altro in cambio.
Tale tecnica è spesso utilizzata dagli Hare Krishna che, allo scopo di ricevere una questua, offrono ai passanti un oggettino o un piccolo fiore rifiutandosi di riprenderselo. Questa situazione implica un obbligo a contraccambiare il favore ricevuto, pena un sentimento di ingratitudine.
2. Impegno/Coerenza: una volta che è stata compiuta una scelta o che si è presa una posizione pubblicamente, ci si sente in obbligo di pensare, parlare e agire coerentemente a quell’impegno. Questo perché la coerenza è socialmente apprezzata nella nostra cultura. Quindi far compromettere una persona con una piccola richiesta è efficace per ottenere successivamente l’assenso a richieste più impegnative.
3. Validazione Sociale: spesso attraverso l’osservazione di come gli altri affrontano una situazione, si decide cosa è bene pensare, sentire o fare. Un esempio scorretto di tale approccio è quando i baristi esibiscono biglietti di grosso taglio nel vaso delle mance per incentivare la gente a offrire cifre consistenti.
4. Amicizia/Simpatia: è preferibile dire di sì alle persone che ci sono simpatiche e che sono amiche, piuttosto che ad altri. I venditori, infatti, spesso propinano lodi e trovano comunione di interessi fra se stessi e la persona da convincere, così alimentano la simpatia e la quiescenza
5. Autorità: conformarsi ai dettami delle figure di autorità porta enormi vantaggi, specie sul piano pratico, perché assicura al proponente un’immediata trasmissione del messaggio e all’ipotetico cliente una maggiore ricettività. Quest’ultimo, d’altra parte, dispensato dalla necessità di pensare, compie prontamente le azioni che gli vengono suggerite.
6. Scarsità: le cose appaiono più desiderabili e preziose se diminuisce la loro disponibilità. Basta il limite di tempo a creare un’aura scarsità. Spesso le varie sette messianiche, attraverso il messaggio terroristico che siamo negli ‘ultimi tempi’ riescono a portare nel loro seno un vasto numero di persone.
Quando ciascun principio viene applicato al momento giusto, secondo Cialdini, la gente smette di essere razionale e accetta le proposte meccanicamente.

Fra gli autori che si sono occupati di spiegare il processo di affiliazione ad un gruppo, merita un particolare approfondimento il lavoro di Steven Hassan, che ha offerto un notevole contributo allo studio del fenomeno.
Steven Hassan ha militato per ben due anni e mezzo, ricoprendo anche incarichi di responsabilità, nell’ASUMC (Associazione per l’Unificazione del Mondo Cristiano), meglio conosciuta come i ‘Moonies’.
Reso temporaneamente immobile da un grave incidente automobilistico, fu sottoposto ad una deprogrammazione forzata ad opera di esperti commissionati dai suoi genitori.
La sua personale esperienza e le dichiarazioni rese da altri ex membri gli hanno dato la spinta per approfondire lo studio sulle tecniche di controllo mentale.
Laureatosi in psicologia al Cambridge College, Hassan ha sviluppato un interessante modello terapeutico volto al recupero di chi è stato reclutato da un ‘gruppo distruttivo’ . Tale approccio, che verte su particolari tecniche psicologiche collaudate da professionisti della salute mentale e su uno specifico addestramento di parenti e amici dell’adepto, si contrappone di gran lunga all’approccio più coercitivo della deprogrammazione classica che prevede il prelevamento del membro di un movimento e il suo isolamento al fine di liberarlo dall’indottrinamento subìto.
Hassan ha, inoltre, formulato un modello teorico che analizza in dettaglio le varie fasi della manipolazione mentale operata dalle sette.
La sua metodologia completa è esposta nel suo libro Combatting Cult mind control (Park Street Press, Rochester-Vermont 1990) [in Italia il suo libro è stato tradotto e pubblicato lo scorso anno dalla Casa Editrice Avverbi, con il titolo Mentalmente Liberi] che si propone come una guida pratica e informativa a problemi che la gente si trova ad affrontare quando scopre l’influenza esercitata da sette distruttive.
Steven Hassan elabora il suo modello teorico riformulando i contributi di alcuni teorici che hanno interpretato il processo di affiliazione ad un gruppo religioso.
Egli riprende i risultati della ricerca di Robert J. Lifton (1961) che individua otto variabili psicologiche che possono condurre a quella che egli definisce “riforma del pensiero”:
1. controllo sociale,
2. manipolazione con toni mistici,
3. richieste di astensione politica e ideologica,
4. culto della confessione,
5. accettazione incondizionata della dottrina del gruppo considerata sacra,
6. adozione di un linguaggio comprensibile solo dal gruppo,
7. subordinazione della persona alla dottrina,
8. percezione della propria esistenza come dispensata dall’autorità.

 

Utilizza, inoltre, il modello della Dissonanza Cognitiva elaborato da Leon Festinger (1957) secondo cui l’organismo umano presenta la tendenza a stabilire armonia e coerenza tra le sue opinioni, atteggiamenti, conoscenze e valori. Pertanto in presenza di una dissonanza fra due elementi, l’individuo proverà un disagio psichico e reagirà tentando di ridurla, evitando situazioni o conoscenze che potrebbero aumentarla, al fine di ottenere la consonanza.
Nel suo modello Festinger descrive le tre componenti del controllo mentale: controllo del comportamento, dei pensieri e delle emozioni.
Ogni componente ha una notevole influenza sulle altre; modificando una, anche le altre tenderanno a cambiare: se si riesce, perciò, a cambiare il comportamento di una persona, di conseguenza cambieranno i suoi pensieri e i suoi sentimenti per minimizzare la dissonanza creatasi. Il risultato sarà la costituzione di una nuova personalità.
Infine, Hassan si serve del modello della Persuasione coercitiva di Edgar Schein, psichiatra statunitense (1956) , che prevede tre fasi nel processo che favorisce la ‘conversione’: fase di decongelamento, consistente nella rottura dello schema di fede e di comportamento che costituisce l’identità di una persona; fase di modifica, corrispondente al processo di indottrinamento vero e proprio; fase di ricongelamento, che attraverso l’uso di tecniche di ricostruzione e rinforzo produce una nuova identità.

COS’E’ IL CONTROLLO MENTALE

Steven Hassan preferisce parlare di controllo mentale piuttosto che di lavaggio del cervello, in quanto tale definizione spiega meglio le varie pressioni sociali cui quotidianamente si è sottoposti. Alcuni condizionamenti sono positivi, altri sottili e distruttivi. Questi ultimi minano l’integrità dell’individuo nella scelta delle sue decisioni.
Il controllo mentale viene ottenuto quando un soggetto viene immerso in un nuovo sistema di credenze, dove, per funzionare, deve rimuovere la sua vecchia identità a favore di una nuova, più confacente a quella del nuovo gruppo di appartenenza. Egli all’inizio può anche recitare una parte per andare d’accordo con gli altri, gradualmente, però, la sua personalità subisce un cambiamento radicale e l’individuo interiorizza una ideologia totalitarista che prende il sopravvento sul suo vecchio sistema di credenze. Tale processo può essere attivato in poche ore, ma generalmente necessita di giorni o settimane per potersi radicare.
Il controllo mentale si differenzia dal lavaggio del cervello che presenta un carattere più coercitivo avvalendosi di maltrattamenti e abusi fisici oltre che psicologici. Chi subisce quest’ultimo, inoltre, non interiorizza a fondo i nuovi convincimenti, tant’è che una volta libero dall’influenza e dalla paura di chi lo teneva prigioniero (vissuto sin dall’inizio come nemico) riesce a disfarsene.
Secondo Hassan il controllo mentale è più sottile e sofisticato. Esso non implica alcun abuso fisico, per lo meno evidente, chi lo pratica è, anzi, vissuto dalla vittima come un amico, perciò i suoi meccanismi di difesa non sono messi in atto.
L’indottrinamento si verifica grazie a processi ipnotici e a dinamiche di gruppo.
L’ipnosi è uno stato psicofisico, prodotto artificialmente, che permette di influire sulle condizioni psichiche, somatiche e viscerali del soggetto. Diversi gruppi ‘distruttivi’, religiosi o non, utilizzano varie forme di induzione (es. la meditazione o graduali e periodici incontri caratterizzati da ripetitività e attenzione) allo scopo di rendere più recettivo il soggetto alla dottrina da essi promulgata. In trance l’individuo vive un’esperienza piacevole e rilassante e cosi desidera ripeterla quanto più spesso possibile.
Il gruppo, inoltre, riveste una notevole funzione nel favorire l’integrazione dei singoli membri. Più piccolo è il gruppo, più in esso agiscono forti vincoli affettivi tanto da sviluppare o modificare le funzioni dell’Io, le capacità di adattamento all’ambiente, il senso complessivo di identità personale. La psicologia sociale ha, infatti, evidenziato che spesso rispondiamo ad una nuova situazione sociale con informazioni che riceviamo inconsciamente.

MODALITA’ DI RECLUTAMENTO

Il reclutamento di nuovi adepti può avvenire in tre modi, secondo Steven Hassan: le persone possono essere avvicinate da un parente o amico che è già membro del gruppo, da uno sconosciuto che si propone in modo amichevole o attraverso un avvenimento sponsorizzato dal gruppo stesso ( es. una conferenza, un film, …).
Secondo Hassan il reclutamento è favorito se l’individuo contattato sta vivendo un periodo vulnerabile della sua vita.

LE COMPONENTI DEL CONTROLLO MENTALE

Secondo Hassan per comprendere come funziona il controllo mentale è importante analizzare le quattro componenti che lo costituiscono:
1. controllo del comportamento
2. controllo del pensiero
3. controllo delle emozioni
4. controllo dell’informazione

 

Controllo del comportamento
Il controllo del comportamento implica la regolazione della realtà fisica dell’individuo, ovvero del suo ambiente, delle sue attività quotidiane e del suo tempo libero.
Molti gruppi lo realizzano attraverso la prescrizione di orari molto rigidi per i loro membri: parte del tempo viene dedicata ai rituali del gruppo e ad attività di indottrinamento allo scopo di tenere sempre impegnato l’adepto.
In alcuni gruppi più restrittivi i membri devono chiedere il permesso ai propri superiori per fare qualsiasi cosa: gestire i propri soldi, recarsi dal medico, telefonare, ecc..
All’interno del gruppo il potere dei capi è mantenuto attraverso l’autoritarismo: ricompense o punizioni sono rese pubbliche e così gli adepti sono sempre mantenuti in uno stato di continua tensione. Le forme di punizioni variano dall’isolamento all’assegnazione di compiti gravosi, dalla pratica del digiuno al divieto di dormire, ecc. La partecipazione attiva dell’individuo alla sua punizione renderà quest’ultima più efficace.
L’individualismo viene vivamente scoraggiato e ciascuno deve agire come se fosse l’intero gruppo. Ogni gruppo, infatti, presenta propri sistemi di credenze e schemi comportamentali e di rituali che lo mantengono compatto: i suoi membri possono condividere un gergo particolare, una postura, atteggiamenti mimico-emozionali o determinate forme di presentazione del gruppo.
Controllo del pensiero
Il controllo del pensiero si attua attraverso l’indottrinamento dei membri, in modo tale che essi interiorizzino la dottrina del gruppo, un nuovo sistema gergale e tecniche di blocco del pensiero.
I membri interiorizzano l’ideologia del gruppo come la “verità”, questo permette ai capi di filtrare, attraverso la dottrina, le informazioni in entrata e di regolare come bisogna pensare quell’informazione. La dottrina viene proposta come valida scientificamente, onnisciente e polarizzante (nel senso che divide ogni cosa in “bianco e nero”, “noi e loro”, “buono-dentro e cattivo-fuori”). L’individuo, perciò, non ha bisogno di pensare con la propria testa, c’è la dottrina che risolve ogni tipo di problema.
La comunicazione nel gruppo si realizza tramite un sistema particolare di codifiche sia in fase espressiva che ricettiva. Tale modalità di espressione dirige anche il pensiero nella direzione voluta dai capi e costituisce un muro invisibile fra credenti ed esterni, portando i primi a sentirsi speciali e separati e i nuovi arrivati a impegnarsi maggiormente per “capire” la verità.
Gli adepti gradualmente imparano a bloccare qualsiasi informazione critica nei confronti del gruppo, adottando una serie di meccanismi di difesa contorti volti a salvaguardare la nuova identità acquisita contro l’originaria. Questi sono: la negazione (tendenza a negare sensazioni e fatti penosi che potrebbero minare la fiducia nella dottrina), la razionalizzazione (tendenza a dare una versione di comodo dei fatti, travisandoli o interpretandoli nel modo più conveniente, per mantenere costante il livello di autostima) e il desiderio magico di onnipotenza (convinzione che ciò che si desidera si possa verificare nella realtà). In pratica essi ogni volta che iniziano a sperimentare un “cattivo pensiero” lo bloccano automaticamente attraverso una serie di rituali: es. la meditazione, l’ecolalia, le preghiere, il cantilenare.
Col tempo la persona non è più cosciente di aver appena avuto un dubbio, realizza soltanto che improvvisamente sta cantilenando.
Controllo delle emozioni
I gruppi ‘distruttivi’ tendono a mantenere sotto controllo il campo emozionale dell’adepto attraverso l’induzione del senso di colpa e della paura.
Il senso di colpa può riguardare eventi storici, pensieri, azioni passate dell’adepto.
La paura è usata in due modi: nella creazione di un nemico esterno pronto a perseguitare e nel terrore della scoperta di qualche mancanza dell’adepto e della conseguente punizione da parte dei capigruppo.
Per ottenere un pieno controllo emotivo è necessario, inoltre, ridefinire le sensazioni. Per esempio si può convincere gli adepti che per ottenere la felicità e quindi esser più vicini a Dio bisogna sottoporsi a notevoli sforzi e a vivere infelicemente.
I membri vengono, inoltre, incoraggiati a provare lealtà e devozione verso il gruppo, mentre gli unici sentimenti consentiti verso l’esterno devono essere negativi, a tal fine alcuni gruppi controllano le relazioni interpersonali di ciascuno. Anche i desideri sessuali vengono sottoposti a rigido controllo.
Un’altra potente tecnica di controllo emozionale è l’induzione di fobie, per cui gli adepti proveranno una reazione intensa di paura al solo pensiero di abbandonare il gruppo.
Controllo dell’informazione
L’ultima componente del controllo mentale consiste nel controllare tutte le informazioni che gli adepti ricevono.
Alcuni gruppi scoraggiano i loro membri a leggere giornali o riviste o a seguire programmi televisivi o radiofonici. Anche i rapporti con gli altri, specie con ex membri, sono soggetti a controllo per evitare che si tengano conversazioni critiche sulla dottrina, sui leader o sull’organizzazione. A tal fine i membri vengono incoraggiati a farsi la spia l’un l’altro e a raccontare a chi di dovere ciò che non doveva esser detto o fatto.
Le informazioni fornite sono, inoltre, divise per compartimenti in modo tale che non si abbia il quadro completo della situazione. Esse vengono anche trasmesse attraverso vari livelli di ‘verità’: esistono dottrine esterne che servono da facciata e dottrine interne che vengono apprese gradualmente man mano che la persona si addentra nel movimento. Tutto questo rende impossibile la formazione di giudizi obiettivi da parte di una persona.
Nel gruppo esistono anche livelli interni di informazione tanto che ciascun membro, che occupa un particolare posto della scala gerarchica, pensa di sapere tutto, mentre è ancora lontano dal livello ultimo di conoscenza della dottrina intera.
Coloro che fanno troppe domande e presentano una curiosità accentuata vengono deviati verso un obiettivo esterno fino a che non dimenticano le loro obiezioni.
La mente, quindi, senza una completa informazione non può funzionare bene. L’impossibilità di riceverla e di utilizzare appropriati meccanismi interni per elaborarla fa sì che le persone rimangano intrappolate in un gruppo.

FASI DEL CONTROLLO MENTALE

Hassan, ripristinando la teoria di E. Schein, sostiene che il controllo mentale si stabilisce nel tempo attraverso tre fasi:
1. fase di destrutturazione
2. fase di cambiamento
3. fase di ristrutturazione
Fase di destrutturazione
Un cambiamento radicale si ottiene sconvolgendo la realtà e gli schemi di riferimento della persona verso cui è mirato facendolo restare privo di difese naturali verso quei concetti che sfidano la sua visione del mondo.
Le tecniche utilizzate per questo scopo sono varie: alcuni gruppi utilizzano la privazione del sonno, altre stabiliscono nuovi regimi alimentari.
Vengono anche utilizzate delle tecniche ipnotiche per destabilizzare una persona: una di queste è l’uso della confusione, attraverso la comunicazione di informazioni contraddittorie, che induce uno stato di trance.
Il sovraccarico di sensazioni così come la loro privazione, inoltre, può indurre uno squilibrio nella persona rendendola più recettiva ai suggerimenti del gruppo. Anche il bombardamento di materiale emotivo ad una velocità più alta rispetto ai tempi di assorbimento, può portare ad uno sconvolgimento totale.
Alcuni gruppi utilizzano la tecnica del doppio legame che riesce a bloccare le tre aree del funzionamento umano: agire, pensare e sentire. Questo fa sì che l’individuo crede di aver operato una libera scelta, mentre in realtà essa è imposta dal gruppo.
Altre tecniche utilizzate per ottenere la destrutturazione sono: meditazioni guidate, confessioni personali, sessioni di preghiera e altre attività che iniziano in maniera innocua e diventano man mano più intense.
Durante il processo di destrutturazione, quando le difese cominciano ad indebolirsi, vengono amplificati tutti i problemi che in quel momento la persona vive (di tipo relazionale o di non accettazione, ecc.) al fine di farle credere che si trova in pessime condizioni.
Fase di cambiamento
Una volta che sono stati creati enormi scompensi nella personalità, è possibile imporre una nuova identità che vada a colmare il vuoto lasciato dalla vecchia. A questo scopo sono riutilizzate molte delle tecniche della fase precedente. L’indottrinamento è effettuato sia formalmente, cioè attraverso seminari, simposi e rituali, sia in modo informale, cioè attraverso un costante e frequente contatto con i membri.
I messaggi vengono ripetuti ossessivamente in diverse forme per mantenere vivo l’interesse degli adepti, inoltre la monotonìa del loro ritmo è un modo per indurre stati ipnotici. Essi si focalizzano su particolari temi: ai nuovi adepti viene mostrato quanto sia malvagio il mondo, che bisogna essere ‘illuminati’ per poterlo salvare e che fanno parte di una élite di pochi scelti. Il materiale che andrà a costituire la nuova identità viene elargito a piccole dosi, tenendo conto dei tempi personali di assimilazione.
I nuovi adepti sono costantemente tenuti sotto controllo perciò è possibile acquisire sempre più informazioni sulla loro vita. Queste sono poi utilizzate per indurre in essi ‘esperienze spirituali’, consistenti nel tirare fuori l’informazione al momento giusto. Ciò riempirà di stupore quella persona che crede che il membro più anziano gli abbia letto nel pensiero.
I gruppi utilizzano anche altre tecniche per ristrutturare l’identità dei neo-adepti: istruiscono questi ultimi a fare la volontà di Dio, che implicitamente significa rimanere nel gruppo; istruiscono gli stessi membri ad esercitare una maggiore forza persuasiva; isolano le persone troppo curiose; suddividono i membri in piccoli gruppi e instaurano un senso di comunità incoraggiando il conformismo.
Fase di ristrutturazione
Quando la persona è stata indottrinata a credere ad un nuovo sistema ideologico viene coinvolta in nuove attività che solidificheranno la nuova identità e daranno un nuovo scopo nella sua vita.
Innanzitutto il nuovo adepto deve riuscire a criticare la sua vecchia identità: la sua memoria viene distorta in modo che vengano minimizzate la cose buone del passato e ingigantite le esperienze fallimentari e i sensi di colpa; deve abbandonare vecchi interessi, rompere legami familiari e d’amicizia, spesso con gesti eclatanti se questi entrano in competizione con i nuovi impegni assunti. Ai nuovi membri viene inoltre affiancato un genitore spirituale, ovvero un membro più anziano assegnato ad istruirli: questa tecnica serve a mantenere l’“anziano” nella sua convinzione gratificando il suo Io e a stimolare il “nuovo” a diventare anch’egli un esempio rispettabile ed avere i suoi propri membri da istruire.
Il nuovo adepto sente di appartenere, adesso, ad una nuova famiglia. Spesso gli viene assegnato un nuovo nome e una nuova località in cui vivere, gli viene suggerito di cambiare il modo di vestire, di acconciarsi i capelli e qualsiasi altra cosa comporti un legame con il passato. Il gruppo fa inoltre pressioni perché il nuovo membro gli ceda il suo conto bancario e i suoi averi. Tutto ciò serve a rafforzare i legami.
Il radicamento alla dottrina viene, inoltre, effettuato assegnando appena possibile il nuovo membro ad attività di proselitismo e di raccolta di fondi per il gruppo stesso.
Al termine di questa fase il novizio si trasforma da “vittima” a “carnefice” ed è in grado di istruire a sua volta.

EFFETTI DEL CONTROLLO MENTALE

Hassan ritiene che gli effetti del controllo mentale siano enormemente deleteri per lo sviluppo della personalità. Innanzitutto esso lede la libertà di scelta dell’individuo, tanto che la sua “mappa di riferimento” della realtà è solo la dottrina del gruppo.
Inoltre questi sviluppa una doppia identità: la “nuova”, predominante, che gli farà assumere tutti gli atteggiamenti tipici del gruppo di appartenenza (modo di parlare simile a quello di un nastro che ha registrato una lezione, postura rigida, muscoli facciali tirati, sguardo freddo e inespressivo); la “vecchia”, che riappare di tanto in tanto (postura e muscolatura appariranno più rilassate, lo sguardo più naturale e talvolta sarà in grado di fare battute di spirito) che nonostante tutto raramente viene distrutta in maniera totale.

MECCANISMI DI PERSUASIONE

Secondo studi condotti (Tinelli, 1998) si possono individuare dei meccanismi di persuasione nelle dinamiche di molti culti. Essi possono essere così ditribuiti:
A. TECNICHE DI SVILUPPO
Sono definite ‘tecniche di sviluppo’ tutti i metodi messi in atto dai vari gruppi per fare proseliti o comunque per incuriosire eventuali aderenti al gruppo. Sono tecniche di persuasione:
1. Il posizionamento
2. Il legame empatico
3. Regola del contraccambio
4. Profezia che si autodetermina
5. Love bombing
6. Attribuzione di un ruolo
B. TECNICHE DI CONTROLLO
Le tecniche di controllo hanno la funzione di far aderire il neofita al gruppo in maniera permanente. Ne fanno parte:
1. Addestramento
2. Doppio legame
3. Imitazione
4. Isolamento dal mondo esterno e lealtà al gruppo
5. Impegno costante
6. Semplificazione
7. Rindondanza
8. Rinforzi
9. Limitazione dell’informazione

TIPOLOGIA DI CHI ADERISCE

Molti studiosi hanno concentrato il loro interesse sulla personalità del “nuovo convertito”.
Freud, per esempio, nell’opera Azioni ossessive pratiche religiose (1907) sostiene che alla base della formazione religiosa ci sia lo stesso meccanismo di repressione che è alla base della nevrosi ossessiva. Nei lavori successivi sostiene che l’individuo si accosta all’esperienza religiosa a causa dei suoi sentimenti di insufficienza, debolezza e indipendenza.
La psichiatria ha considerato il soggetto religioso mentalmente disturbato, sebbene la ricerca psicosociale abbia messo in evidenza che i malati mentali siano meno religiosi rispetto ai “sani” .
Lavori sociologici hanno evidenziato un profilo del tipico nuovo convertito. Spesso si tratta di giovani profondamente insoddisfatti dei valori culturali e religiosi che vengono loro proposti. Persone inquiete, pellegrini alla ricerca della pace, della gioia e della sicurezza.
La conversione è repentina. Un’esperienza eccezionale di tipo estatico segue all’incontro con un aderente a un movimento religioso. Tale evento porta all’accettazione del nuovo messaggio.
Il dr. Maurizio Antonello, studioso degli effetti che una educazione settaria ha sullo sviluppo psicofisico dei ragazzi, sostiene che potenzialmente tutti possono aderire ad una sètta, in quanto ogni sètta propone un messaggio che va a colpire l’interesse di ciascuno. Spesso è un periodo di crisi che rende più recettivi al messaggio.
R. Cialdini evidenzia che “Quando siamo in condizioni di fretta, stress, incertezza, indifferenza, distrazione o affaticamento, tendiamo a restringere il nostro campo focale, considerando una parte minore dell’informazione accessibile”.

© 1999

Psicosette. Una testimonianza (da “I Fatti Vostri”)

Trascrizione parziale di alcuni Video di arkeon

da Tiresia» 10/01/2011, 12:33

Ricapitolando la successione dei video: VHS 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 12 (sedie/rabbia) – 13 – 14 – 15 – 16 (comincia no limits) 17 (no limits) 18 (doppione del 7) 19 – 20 – 21 – 22 – 23 (comincia cerchio uomini) – 24 – 25 (doppione dell’ 8) – 26 (doppione del 9) – 27 (doppione del 10) – 28 – 29 – 30 – 31 – 32 – 33 – 34
Forse può interessare una breve spiegazione di quello che si vede nei video di arkeon presenti su questo sito:http://vimeo.com/channels/arkeon/page:1

Trascriverò anche ciò che viene detto (lo sto facendo per me, non mi costa niente postarlo, magari può servire a qualcuno).

Invito chiunque abbia qualcosa da aggiungere a farlo e chiunque abbia già trascritto ciò che viene detto nei video a postarlo.
Ciao.

Video intitolato: Arkeon – seminari intensivi (VHS 1)

L’agriturismo ‘Lo Spagnulo’, il posto dove si svolgevano gli intensivi, i pre master e i master trainig, è circondato da vaste distese di uliveti. Qui abbiamo una panoramica dell’ uliveto che si trova dietro alla zona del tempio. A volte i cavalli dell’agriturismo venivano lasciati liberi di girare in quest’area.
Il cerchio di pietre ripreso all’inizio del filmato è quello al cui interno viene acceso il ‘fuoco sacro’. All’inizio dell’intensivo vengono designati i ‘guardiani del fuoco’, coloro che sorveglieranno a turno il fuoco durante i giorni dell’intensivo. Nei giorni dell’intensivo il fuoco dovrà ardere ininterrottamente, per questo i fuochisti organizzeranno anche turni di veglia notturna.
Uno dei vari esercizi svolti durante l’intensivo è quello di ‘lasciare andare’ nel fuoco sacro (buttarci dentro) oggetti che simboleggiano per la persona le parti malate o perverse del suo passato e/o delle relazioni della sua vita. Consiglio di leggere le varie testimonianze in proposito che si possono trovare sul questo sito.
Si vede poi il Moccia che predispone la coreografia del tempio, luogo in cui si svolgeranno diversi esercizi dell’intensivo fra cui quello delle sedie, la fossa dei leoni, spesso il cerchio delle donne, e vari momenti di indottrinamento in cui il Moccia espone le sue teorie. Come colonna sonora, musica evocativa, spesso degli indiani d’America.
Il significato degli oggetti posti sul pavimento verrà poi spiegato dal Moccia durante la prima riunione.
Si torna quindi all’uliveto dove i volontari stanno ammonticchiando legna e rami nel cerchio di pietre che accoglierà il sacro fuoco purificatore.

Interessante notare come, al minuto 10:48 del video, uno dei fuochisti si faccia il segno della croce prima di entrare nel cerchio di pietre per accendere il fuoco.

Quando la scena cambia vediamo il Moccia che sta disponendo grosse candele lungo i vialetti che conducono al piazzale antistante il tempietto, aiutato da maestri di arkeon.
Il triangolo composto da katane in legno e candele si troverà al centro del cerchio formato dai partecipanti sul piazzale del tempio durante la cerimonia di apertura dei lavori. Moccia e un maestro accendono due torce.
0:17:18 – i partecipanti cominciano a mettersi in cerchio sul piazzale antistante il tempio. Colonna sonora: canti in latino, tipici delle messe solenni (non conosco il nome ‘tecnico’ di questi canti

Moccia: Ah, aspetta. Dunque, chi è che si ferma alla porta?
Voce: Io.

La zona del tempio è circondata da un’alta staccionata. Vi si accede tramite una porta che viene chiusa a chiave durante gli esercizi, così nessuno può entrare o uscire liberamente dal luogo in cui si svolgono i ‘lavori’.
Moccia indica ad alcuni maestri la posizione che devono avere nel cerchio rispetto a lui.

Moccia: Ahhhh ! Circle.

Prende le mani dei vicini imitato dalle persone che formano il cerchio.Il cerchio è ristretto, composto solo dai maestri iniziati dal Moccia che lo aiuteranno nei vari lavori dell’intensivo.

Moccia: La sensazione è morbidezza ma anche forza. Chi va a chiamare … ?

I partecipanti, a turno, dicono una parola che sintetizza il loro stato d’animo in quel momento.

Maestri: Spirito. Amore. Sereno. Forza. Forza. Fede. Pace. Fede. Inizio. Incontro con Dio. Magia. Forza.

Da notare che dopo le parole ‘Spirito’ e ‘Incontro con Dio’ Moccia emette un suono di approvazione (Au o Augh).

Moccia: A me mi viene … (non capisco cosa dice)

Risatine degli astanti.

Voce: Ogni riferimento è casuale.
Moccia: Questo è importante, questo intensivo, perché nel fuoco finiranno tutti i certificati vecchi di reiki e credo che bruceremo diversi milioni di roba e anche l’album delle foto di quando io facevo fotografie nei seminari. Come se va via un pezzo della mia storia. Guardo come mi sento … bene, anzi meglio.

Arrivano tutti i partecipanti all’intensivo che si uniscono al cerchio.

Moccia: Portatevi tutti la cartellina. Non dentro, lasciatela fuori ma l’importante è che ce l’abbiate tutti.

La cartellina veniva consegnata ad ogni partecipante al momento della registrazione, momento in cui si pagava l’intero costo dell’intensivo, all’arrivo. Conteneva un quaderno piccolo, una penna, alcuni fogli bianchi, gli orari dei lavori (senza alcuna descrizione di cosa si sarebbe fatto!), alcuni fogli con frasi e brani ‘a tema’ di autori vari.

Moccia: (rivolto ai nuovi arrivati) Potete entrare. The growing, the growing circle. (serie di sospiri sonori) so many, ahhh.

Quando tutti I partecipanti sono posizionati nel cerchio, Moccia cambia la colonna Sonora che vira decisamente verso la musica new age, rilassante ed evocativa.

Moccia: Certo.
Voce: Hanno detto di avvisare 10 minuti prima della fine così fanno trovare apparecchiato.
Moccia: Prima di quale fine? La vostra fine (risate).
Voce: Ambasciator non porta pena.
Moccia: Volete ruotare un po’ di là? Cerchiamo di farlo cerchio.

Segue un lungo momento di silenzio durante il quale Moccia guarda i partecipanti ed essi si guardano a vicenda.
Cerchio d’apertura. Il Moccia lascia le mani e si mette a camminare dentro il perimetro del cerchio formato dai partecipanti.

Moccia (dal 26:52:21):
Un giorno mi è venuta un’idea e l’idea è che nella mia vita ci fosse qualcosa che non funzionava. C’era un pezzo di contraddizione, c’era un grosso sentimento di incapacità affettiva e c’era la ricerca di qualcosa che io non sapevo cosa fosse, per cui avevo provato per molti anni a cercare, ma in realtà non c’erano risposte perché qualunque cosa io trovassi dopo un po’ di tempo perdeva il suo valore, perdeva fra virgolette ‘intensità’; perché in fondo ciò che io cercavo era qualcosa che mi facesse sentire da un lato vivo e presente nel mondo ma dall’altra parte non avesse questo sentimento di vitalità fondato sull’eccitamento, perché è facile sentirsi vivi, basta farsi un’iniezione di adrenalina e uno sente che c’ha la forza vitale, ma non era quello perché quello che io cercavo aveva un’altra caratteristica: doveva essere anche autentico. Ma perché fosse anche autentico, c’era un tunnel da attraversare, che era il tunnel dell’inganno ma soprattutto dell’auto-inganno. Era quella parte di me nella quale io me la sono raccontata per cui cercavo delle cose, poi mi stancavo, ne cercavo delle altre; e un giorno ho sentito che avevo bisogno di qualcosa di vero e è incominciata questa ricerca. Se io avessi saputo il dolore che avrei incontrato in questa ricerca forse non l’avrei cominciata ed esiste un punto, che io chiamo punto di non ritorno, quando la coscienza si sveglia, esiste un punto dal quale non potete tornare più indietro, cioè siete obbligati ad andare per forza avanti perché tornare indietro significa toccare un dolore ancora più grande, per cui di fronte a me c’è un grande dolore, dietro di me ce n’è un altro e io sono al centro.
E questa immagine è un po’ come l’immagine di una persona che si tuffa in un fiume con le acque tempestose e forti e deve decidere se deve tornare sulla riva dalla quale è partito e rimanere dov’era, ma ormai la corrente lo porta via, oppure deve decidere se andare con la corrente verso la riva opposta. E infatti nell’arco di questi anni ho chiesto alle persone sì ha visto tutto il dolore che hai attraversato ma sei disposto a tornare indietro? E la risposta è no. Perché in uno spazio di paralisi persino il dolore perde l’autenticità e il dolore diventa il dolore di non poter più provare neanche un dolore autentico, io vi garantisco che il dolore che proverete in questi giorni sarà autentico, sarà completamente autentico, perché in questi giorni incontreremo l’inferno e da quell’inferno verremo fuori, forse non tutti ma credo la maggior parte.
E qualche volta mi viene quella frase ‘morì e fu sepolto, discese agli inferi per risorgere’. E’ vero che questa è la storia di tutti quanti noi. Oggi, ieri oggi abbiamo preparato lo spazio per il lavoro di questi giorni e la sensazione profondissima nel cuore era una grande tenerezza, che è la tenerezza di chi accompagna ma anche la tenerezza di un piano affettivo nel quale il sentimento è di parlare la stessa lingua, di incontrare persone che sono sullo stesso cammino, che è il cammino della coscienza, che è il cammino (pausa ad effetto n.d.trascrittore) dello spirito, che è il cammino, io credo, di Dio. Dico credo perché lascio a tutti quanti voi una possibilità, che è quella di esplorare individualmente questo pezzo e, una delle cose che io ho visto in questi anni è che questo percorso, come qualunque percorso che sia autentico, ha bisogno di alcune cose. Una di queste cose è l’affidamento perché una delle cose che ha toccato la nostra storia è stata una sorta di tra virgolette ‘arroganza’ nella quale io ce la farò da solo, per cui noi abbiamo imparato a non fidarci, abbiamo imparato a coltivare un mondo interiore che è comunque staccato dal mondo reale nel quale, vi parlo di questo mondo interiore, nel quale ci sentiamo protetti, che però non ci porta da nessuna parte per cui io per anni mi sono crogiolato in una sorta di dolore egocentrico e dicevo ‘come soffro’ ed ero veramente pieno di questo. Oggi la sensazione è quella della libertà, è quella dell’ascolto e compare qualche altra cosa, parole come ‘responsabilità’ ‘uminltà’ e ‘servizio’. Ma tutto questo è il frutto di anni di lavoro.
Ora, il mio invito per voi è a vedere quali sono state le spinte, le motivazioni per essere in questo posto, vedere quali sono le cose che state cercando. Chi cerca delle risposte non troverà risposte, forse troverà domande più profonde e lì cominciano i problemi perché per dare una risposta alla domanda più profonda dovrò cercare la domanda successiva e in fondo la risposta stessa è in realtà la domanda. Io guardo come in questi anni è cambiata la domanda e le cose sono diventate sane, sacre e vere.
Se io guardo tutto l’inferno attraversato per arrivare a oggi e guardo come in questo passaggio attraverso l’inferno in fondo il dolore ha una funzione e la funzione del dolore è quella di mostrarmi la strada, di mostrarmi gli spazi nei quali io devo correggere gli eventi della mia storia, ma anche il mio atteggiamento rispetto alla storia.
E dentro tutto questo noi in questi giorni faremo una ricerca profonda e importante, individuale per ciascuno di voi ma anche collettiva e di gruppo dove essere in un cerchio significa essere attorno a un fuoco, significa essere tribù, significa essere con padri e madri sagge, padri e madri saggi di figli che sono i figli che stanno nascendo in questo cerchio.
E dentro questa cosa è come se noi dobbiamo andare a guardare le nostre radici e le dobbiamo tra virgolette ‘purificare’. E quello che toccherete in questi giorni sarà la curiosità, la paura, la rabbia, la tristezza, il dolore ahhh il sentimento di essere stati fra virgolette ‘sconfitti’ ma anche la forza di uscire da quella sconfitta per trovare la direzione.
Ora io voglio chiedervi di chiudere i vostri occhi e di andare al momento in cui avete scelto di essere in questo cerchio, qual è stata la spinta che mi ha portato ad essere qui, quali sono le cose per le quali ho scelto di esserci. E nel momento in cui ho scelto, come mi sono sentito. E guardo il momento in cui ho chiuso alle mie spalle la porta della mia casa, ho salutato le persone che fanno parte della mia vita. E vado a quel momento in cui ho varcato la soglia di questo spazio e ho messo piede in questa terra, quali sono le mie aspettative e quali sono le mie paure. E vado indietro nel tempo al tempo in cui per la prima volta sono entrato in un cerchio, nel mio primo seminario, vado al giorno in cui ho incontrato arkeon, quali erano le cose chi io mi aspettavo e quali cose ho incontrato.
Guardo anche chi era la persona che ho portato in quel primo seminario, quali erano i miei valori, quali erano le cose per cui io avevo combattuto, quali erano i miei desideri, le mie illusioni, qual’era il mio modo di rapportarmi alla mia vita, alla realtà e al mondo e guardo quello che è accaduto in questo tempo, guardo quello che in questo tempo è avvenuto, ma guardo anche come nel mio cuore ho incontrato una direzione che non conosco, ho incontrato una strada, e porto la mia attenzione su queste mani che sono nelle mie mani e guardo per quanto tempo ho desiderato di avere nelle mie mani le mani di qualcuno di cui io potessi fidarmi. Avrei voluto fossero le tue, padre, o le tue, madre. Ma guardo anche una ferita profondissima e una sorta di solitudine. E guardo anche una parte sacra nel mio cuore dove ho sentito muovere la spinta di una cosa che posso chiamare spirito, dove questa spinta mi porta a essere concreto, vero, a essere dentro la mia storia, ed è la stessa spinta che mi porta a lasciare alle mie spalle un cuore di pietra per incontrare un cuore di carne. (…)
Il video si interrompe e riprende inquadrando il Moccia che accende una fiaccola dal piccolo fuoco che arde al centro del cerchio. I partecipanti stanno lasciando uscire un suono che dovrebbe essere il canto della loro anima, che hanno trovato in fondo al loro essere guidati, sempre ad occhi chiusi, dalla voce del Moccia. Il tenore di questo canto cambia, può essere armonico, come in questo caso, o assolutamente cacofonico, pieno di urla di dolore e di rabbia, a seconda di quello che il Moccia suggerisce durante la visualizzazione guidata. Il Moccia comincia a girare nel cerchio con la fiaccola accesa in mano. (41:53)
Ora rimarremo con gli occhi chiusi. Il significato degli occhi chiusi, il significato degli occhi chiusi è misurare la mia capacità di affidarmi. La parte più difficile, ed è la parte che noi abbiamo dimenticato nella nostra storia, è la capacità di avere una guida, un maestro. Quello a cui siamo stati abituati è quando qualcuno ci dice qualcosa è chiederci perché, non è così, oppure io voglio fare di testa mia. Questo è anche giusto, però so che dovrò anche prendermi la responsabilità dei risultati.
Io guardo la mia ribellione a mio padre e oggi guardo la mia obbedienza a mio padre; guardo la mia ribellione a Dio, e guardo la mia obbedienza di oggi e dico grazie per questo mistero, posso permettermi che tu mi prenda per mano e che mi guidi.
Ora simbolicamente faremo una cerimonia nella quale ciascuno di voi dovrà tenere stretta la mano della persona che è davanti a voi, ma anche stretta quella della persona che vi segue e dovrete avere il coraggio di lasciarvi portare. Qualche volta incontrerete degli ostacoli, ci sbatterete la testa contro, è tutta esperienza. Rimanete con gli occhi chiusi e, come dicevano gli antichi, che Dio ve la mandi buona. Qualche volta anche nella merda.

In questo video si vede chiaramente come i partecipanti, cui è stato ordinato di tenere gli occhi chiusi, vengano tirati a camminare facendo lo slalom pericolosamente vicino alle grosse candele poste a terra, col rischio di bruciarsi o incendiare gli abiti. Una persona, infatti, ci cammina sopra (48:52). Dopo aver fatto girare un po’ la gente, il Moccia, che conduce la fila tenendo in mano una torcia, li fa fermare e li sistema in modo che ognuno abbia davanti qualcuno.

Moccia: Ora potete fermarvi dove siete. Andate più indietro, più indietro, più indietro, più indietro, più indietro, più indietro, più indietro, un poco più indietro. Oh! Ohhh! Potete fermarvi dove siete (51:29). E quello che voglio chiedervi è di guardare cosa avviene dentro, di guardare se vi siete fatti accompagnare o se c’è stata resistenza o paura. Guardate come il senso di minaccia ha il potere di guidare la vostra storia, la vostra vita.

Da notare che le persone non hanno gli occhi aperti; comincia una delle numerose visualizzazioni guidate che Moccia usa spesso, suggerendo ai partecipanti le emozioni che dovrebbero provare).

Moccia: Dove qualunque cosa sia, io non so se posso fidarmi. Però se non posso fidarmi io non avrò neanche risultati, per la mia storia. E quando guardo la mia storia guardo come questa storia qualche volta è scialba: poca gioia, poca bellezza, poco amore. Il desiderio è forte, la spinta è forte, però io non mi smuovo da ciò che penso di me e del mondo, non sono capace di andare oltre, non sono capace di dire sì.
E allora vivrò il mio piccolo mondo, con le mie piccole soddisfazioni, le mie piccole illusioni, le mie piccole paure, la mia piccola vita e continuerò a farmi male. La domanda che sale è “come posso fare per potermi fidare?” La risposta è che la fede non si compra al mercato, ma è qualcosa che uno sente dentro quando è pronto, quando l’anima risuona e la vita si apre. Fino a quel momento, quel che guida la nostra storia è la paura, che è la paura di essere feriti, è la paura di essere abbandonati, è la paura di essere traditi, come lo siamo già stati. Un giorno scopro che la mia vera paura è quella di essere amato, la mia vera paura è quella di scoprire la grandezza che c’è nel mio cuore, la mia vera paura è di scoprire chi sono.

Da notare al 55:47 che già questa ‘visualizzazione emotiva’ comincia ad avere i suoi effetti su alcuni partecipanti.

Moccia: Nel frattempo, quello che ho fatto è aspettare. Il mio invito per voi, ora, è mettere di fronte a voi la vostra vita. E guardatela, ma soprattutto guardate una cosa che si chiama solitudine.

Panoramica sui volti di alcune donne. Verso il min. 57:30 ne vedremo una piangere sommessamente.

Moccia: Lascio scivolare davanti ai miei occhi il volto delle persone che ho incontrato, le persone con cui ho avuto una relazione, e la domanda che ho nel mio cuore è se io veramente ti ho incontrato. E scopro che io non potevo incontrarti perché non avevo ancora incontrato me stesso, non potevo vederti perché non avevo ancora visto me stesso, non potevo amarti perché non riuscivo ancora ad amare me stesso, non potevo conoscerti perché non conoscevo ancora me stesso.
E guardo come un giorno, nella mia vita, forse è arrivata una luce, ed è la luce che mi ha aperto gli occhi, che mi ha permesso di vederti. Quando vedrete una luce davanti ai vostri occhi, allora li aprirete per incontrare l’altro.

Moccia prende in mano la torcia, che durante la visualizzazione guidata aveva lasciato ardere su un supporto, e comincia il giro fermandosi davanti ad ogni partecipante cui agita la torcia davanti al viso. A quel segnale, il partecipante apre gli occhi e si trova faccia a faccia col Moccia che lo guarda intensamente negli occhi e, a volte, gli mormora frasi ad effetto (tipo ‘bentornato a casa’, ‘ce la faremo’ ecc. – questo lo so perché sono state dette a me personalmente e immagino che anche altri ne abbiano sentite di simili).

(59:45) Qui si nota la posizione delle persone. Il cerchio non è chiuso. Si vedrà a breve che il Moccia prenderà una torcia e, iniziando da una delle estremità della fila (quella che comincia con sua moglie o, in mancanza, con uno dei suoi maestri più fidati) inizierà il giro posizionandosi davanti ad ognuno dei partecipanti. Chi apre gli occhi alla vista della maggiore luminosità causata dalla torcia davanti al viso, dopo essere stato ‘occhi negli occhi’ col Moccia, si troverà ‘occhi negli occhi’ con tutti quelli che lo seguono fino ad esaurimento delle persone.

Si può notare come, soprattutto all’inizio, il Moccia sussurri frasi di benvenuto e di buon lavoro ai partecipanti (ma anche più esplicitamente affettive tipo il ‘ti porto nel cuore’ che viene sussurrato ad un uomo al 1:12),che all’inizio della catena umana sono prevalentemente i maestri iniziati da lui.

Potrebbe sembrare un esercizio ‘leggero’, ma si nota come già molta gente cominci a piangere (1:14) o manifestare uno stato emotivo sovraeccitato.

Le persone all’inizio e alla fine della fila sono sempre maestri iniziati dal Moccia perché anche all’interno del cerchio c’era una precisa gerarchia per quanto riguarda i posti occupati alla destra e alla sinistra del Moccia che era, come comprensibile, il punto più importante della circonferenza.

La fila finisce proprio davanti alla porta del tempio, dimodoché chi arriva alla fine possa lasciare andare la mano di chi lo precede ed entrare a prendere posto nel tempio.
Come si può notare, l’ambiente è accuratamente allestito per creare una certa atmosfera: illuminazione a candele, altare entrando sulla sinistra, accessori che dovrebbero indurre una miscellanea di suggestioni con richiami etnico-tribali agli indiani d’America (tamburi in pelle con disegnini di bisonti alle pareti, il teschio di qualche animale in mezzo al triangolo al centro), alla tradizione nipponica (il triangolo è formato da catane in legno da addestramento, lenzuolino con il disegno di un ideogramma che dovrebbe significare ‘reiki’ appeso dietro alla sedia del maestro, riconoscibile anche dal fatto che è l’unica coperta da un drappo bianco), gong di non trascurabile dimensioni che servirà a scandire, fra gli altri, alcuni momenti clou degli esercizi più violenti che avranno luogo durante i giorni successivi e altri che si vedranno man mano.

Fra i ‘pezzi forti’ vi è la statuina che si nota alla base del triangolo formato da catane e ceri al centro della stanza: chiamata Penelope (forse troviamo in questo nome un qualche richiamo mitologico?), col suo ventre cavo e pieno di appuntiti cristalli violacei – è un geodo d’ametista – risveglia e catalizza facilmente i vari ‘processi’ delle donne e/o che coinvolgono le donne – madri, compagne, sorelle ecc ecc -.

Arkeon – Seminari intensivi (VHS 2)I partecipanti scelgono dove sedersi all’interno del tempio. Ad un certo punto viene acceso un faretto e la luce aumenta. Il Moccia ogni tanto si piega verso sinistra perché lo stereo si trova dietro alla sua sedia e lui lo regola secondo necessità.
Quando i partecipanti sono tutti sistemati, si può cominciare.

Moccia: Augh !

Si alza avendo cura di non far rompere il cerchio a chi rimane seduto. Questo gesto ha una sua importanza, in quanto significa non lasciarsi ‘buchi’ o ‘vuoti’ alle spalle, significa ‘chiudere una situazione prima di allontanarsene’ e così via. Tanti anni fa era un gesto che i frequentatori dei seminari imparavano al primo livello, quando il Moccia faceva l’esercizio del ‘trovare il proprio posto nel mondo’ (l’ho chiamato io così).

(0:02:52) Moccia: La prima cosa che faremo sarà una cerimonia semplicissima e brevissima ed è la riunificazione di queste due parti (raccoglie due oggetti dall’interno del triangolo centrale) dove nelle tradizioni sciamaniche questa è la pipa sacra; dove il fornello rappresenta la terra, l’energia femminile e questo rappresenta l’energia maschile, cioè del cielo.
Il nostro compito è portare insieme queste due parti, unire ciò che era separato (così dicendo unisce i due oggetti) e terra e cielo camminano insieme. Questo sarà il segno del lavoro che accompagnerà questi giorni. Sembra semplice ma … (Risatine di qualcuno. Moccia rimette l’oggetto nel triangolo).
Prima dicevo sembra semplice perche spesso mi è arrivata una domanda dalle persone: come faccio a odiare l’uomo che amo? O per gli uomini la stessa cosa nei confronti delle compagne. Il lavoro che faremo sarà duro, si dice doloroso? (rivolgendosi a un maestro che annuisce) issimo, ma anche sacro.
(04:36) Possiamo per un momento chiudere i nostri occhi, e ci sono due parole che ciascuno di voi può pronunciare e sono: SPIRITO VIENI.

Da notare che il Moccia sosteneva pubblicamente che il ‘lavoro’ da lui svolto nei seminari, intensivi ecc fosse GUIDATO DIRETTAMENTE DALLO SPIRITO. Spesso, dopo una delle numerose tirate d’indottrinamento che infarcivano le riunioni dei maestri e i vari seminari, si rivolgeva a qualcuno dei maestri o degli organizzatori o comunque dei fedelissimi dicendo: ‘Ma cosa ho detto? Non mi ricordo niente, ho canalizzato tutto.’ A voce abbastanza alta, in modo che sentissero anche quelli intorno.

Una piccola nota personale: tutti questi richiami allo spirito, se da una parte possono creare nelle persone una certa suggestione, dall’altra non sono certo la prova e ancor meno la garanzia che il ‘lavoro’ arkeoniano fosse spirituale ed è certo ridicolo sostenerlo su queste basi.

Moccia: chi ha il coraggio di farlo alzando la voce può farlo.

Dopo questo invito i partecipanti cominciano ad invocare a voce alta la venuta dello ‘spirito’ ripetendo le parole indicate dal Moccia.

Moccia: Grazie (lascia andare le mani dei vicini).
Per tradizione nel nostro lavoro degli intensivi faremo un giro di … dove vi presenterete e lo farete col vostro nome e per tradizione noi questa presentazione la facciamo col sentimento di varcare una soglia, che è quella del giudizio che ciascuno di noi ha su di sé, la paura di sbagliare, per cui il vostro nome lo canterete e cercate qual è la modalità giusta per farlo, l’intonazione giusta.

Su questo esercizio del far cantare il proprio nome e dei possibili effetti sulle persone ricordo che scrisse Carlo. Se qualcuno potesse postare il link al suo post gliene sarei grato.

Moccia: Esiste anche una parte della nostra storia dove noi abbiamo un’idea di noi stessi e questa idea si chiama auto percezione; ma la domanda che ho è ‘quello che penso di me corrisponde realmente a quello che sono? Qual è la parte di me che gli altri vedono e che io non vedo?’ e credo che questa è la parte proprio critica della nostra storia, infatti voi avrete un aiuto: quando canterete il vostro nome tutti gli altri del gruppo vi guarderanno. Guarderanno la gestualità, l’ispirazione (?? non riesco a capire bene la parola che dice) della voce, la postura, i tic che avrete e infatti poi tutti quanti ri-canteranno il vostro nome per mostrarvi quello che voi avete offerto, in realtà quello che siete (07:09).
E … cercate di superare quel momento iniziale di vergogna. Una volta che avete detto il vostro nome e che il gruppo vi ha rimandato indietro questa cosa, poche parole per dire chi siete, da dove venite, che ci fate qui, pochissime parole. (Il primo partecipante si schiarisce la voce).
Moccia: ricordatevi i colpi di tosse prima di cantare.

Il primo partecipante canta il suo nome e quando ha finito, il Moccia ricorda al gruppo di riprodurre anche il ‘colpo di tosse’ che ha preceduto il suo canto del nome.

Da qui in avanti, trascriverò solo ciò che dice il Moccia e non quello che dicono i partecipanti, a meno che non mi sia utile per descrivere qualcosa. La stessa cosa farò durante le condivisioni dei partecipanti negli altri video.

Da notare che i maestri, solitamente, non portano il cartellino con su scritto il nome attaccato al vestito. Anche qualche ‘vecchio’ si prende la libertà di non portarlo.

Notiamo anche che i maestri, nelle condivisioni iniziali, sottolineano tutti la ‘magia’, la ‘bellezza’, il ‘sentire sempre di più’, il ritrovare ‘volti conosciuti’ ecc.

[i]Moccia: Parla col cerchio (rivolto a una signora che, durante la breve condivisione, guardava verso di lui).

Ci sono diverse condivisioni tagliate.
Forse può essere di interesse ascoltare la condivisione della moglie del Moccia che, fra le altre cose, dice che guiderà il cerchio delle donne e che si offre come esempio[/i].

(37:25) Isa Moccia: Sono Isa, sono molto emozionata, è sempre un nuovo intensivo, per me.Ho il cuore che mi esplode perché forse è la prima volta che sento, e ho sentito anche negli ultimi giorni, nei giorni precedenti, di voler essere qua. Cioè prima lo vivevo come dovere: sono la moglie di Vito, devo fare l’intensivo, devo lavorare, devo conoscere la gente, devo portare avanti il cerchio delle donne, non devo essere chiusa e invece da un po’, proprio da quando mi sto aprendo a mio marito, sento questa apertura all’esterno ed è un miracolo per me; è l’inizio, nel mio cammino, della fede. E sono … per me questo intensivo è veramente un’apertura, sarà una settimana nuova e interessante e vi auguro buon lavoro e grazie già in anticipo per quello che io imparerò e mi offro, mi offro come esempio, come servizio … (a questo punto il Moccia la ferma facendole capire che si sta allargando troppo. Battutine a doppio senso sul ‘offrirsi’. Risate generali.) Sento questa apertura e posso offrirmi perché sono sua (del Moccia = completamente affidata) perché comincio a sentire l’appartenenza di cui negli anni precedenti abbiamo, ha tanto parlato lui, io ho ascoltato, tentato di ascoltare (… non capisco cosa dice qui) e comincio a sentire questa appartenenza, comincio a sentire, e dico da pochissimi giorni molto profondamente, il sentimento che una donna può essere autorizzata ad essere donna solo da un uomo, e a sentirsi donna, da un uomo. Io credo che la madre, il lavoro che stiamo facendo con le madri serva ad altro, ad altri aspetti del femminile e io in questo, proprio perché sento finalmente l’appartenenza, posso esprimere la mia gioia e posso mettermi al servizio, come presenza. Vi ringrazio.

Io non sono un addetto ai lavori, come del resto non lo è la moglie del Moccia né il Moccia stesso (che pare proprio essere sprovvisto dei titoli necessari ad addentrarsi in argomenti che dovrebbero spettare agli psicoanalisti), ma mi sembra un po’ strano che debba essere l’uomo a dare a una donna l’ “autorizzazione” ad essere donna, a sentirsi donna. Magari qualche persona che ha studiato seriamente l’argomento potrebbe chiarire l’inghippo, chissà.

ARKEON – SEMINARI INTENSIVI (VHS 3)Continua la seduta dopo l’esercizio del cantare il proprio nome.

Moccia: Oggi ancora di più penso che veramente il dono del dolore sia il senso di colpa, che non è il senso di colpa , che non è il senso di colpa per aver trasgredito a delle regole ma è il senso di colpa per essere felici, come se noi ci siamo portati dietro una modalità che è appartenuta alla nostra storia famigliare, personale, e questa diventa il modello per quello che viene dopo, per cui suo padre (indicando uno dei partecipanti) era triste e succubo di sua madre e anche lui è triste e succubo di sua moglie (ride).

Una delle cose più importanti nel lavoro che faremo sarà uno spazio di silenzio dentro perché noi mettiamo veramente tante cose, troppe parole fra noi e l’altro, fra noi e il mondo e credo che proprio uno degli strumenti che noi ci diamo per poter lavorare è l’ascolto e prima di passare a questa cosa che si chiama ‘reality check’ o, diciamo, le regole che il gruppo dovrà avere come realtà fisica, io volevo parlare di alcune regole, invece nella relazione tra noi e nella modalità proprio di comunicazione.

Prima abbiamo parlato di questa cosa che si chiama ‘autopercezione’, per cui io ho un’idea di me, ma l’idea che ho di me corrisponde a ciò che io realmente sono e corrisponde a ciò che l’altro vede (?? C’è sopra un colpo di tosse e non capisco bene il verbo. Qualcuno riesce a capire meglio?) di me, per cui è come se noi viviamo una schizofrenia fra ciò che noi siamo e ciò che pensiamo di essere, fra ciò che pensiamo che gli altri pensino di noi, tra ciò che gli altri pensano di noi ma che non ci dicono eccetera eccetera, per cui veramente abbiamo una polverizzazione della nostra identità.
Ecco perché quello che noi normalmente abbiamo fatto nella nostra vita è conservare le sicurezze, il che significa questo è quello che io di me penso, questo è quello che penso del mondo e nessuno può mettere in discussione questa cosa.

Se voi volete avere uno strumento di lavoro importante, è molto importante che voi abbiate una parola: questa parola è GRAZIE . Cioè, se uno vi dice ‘il mio giudizio è che sei un pezzo di merda’ piuttosto che dire ‘vaffanculo brutto stronzo’ eccetera uhm (mima il gesto di ingoiare qualcosa di grosso) grazie.
Tenetevela.
E stateci dentro perché innanzitutto esiste un patto e il patto è che noi siamo qui per amore e quindi se qualcuno mi offre delle parti significa che queste parti mi servono e mi servono per guardare una parte di me che io non vedo.

Se io guardo il mondo, è facile poterlo guardare, ma se io voglio guardare me stesso mi serve uno specchio e lo specchio, chi è lo specchio? E’ ciascuno di voi. Per cui, è come se noi abbiamo diverse modalità, a livello energetico, dove esiste un’energia di base che è la struttura dalla quale noi partiamo che si chiama ‘energia automatica’. L’energia automatica è un tipo di energia che è basata … immaginate un computer che ha un sistema operativo e un software. A costruire il sistema operativo e il software sono state le esperienze della nostra vita, quello che abbiamo imparato, i modelli che abbiamo ricevuto dai nostri genitori, le esperienze che abbiamo vissuto nella nostra infanzia e quello che abbiamo incontrato negli anni successivi.

E’ chiaro che una persona che è stata tradita, quando incontra una compagna (… non riesco a capire) … ancora. Per cui è come se noi andiamo a ripetere gli eventi. Per cui quando io vivo senza mettere in discussione ciò che io sono la mia vita diventa tra virgolette ‘automatica’ cioè basata su questo tipo di energia dove, ricevo uno stimolo questo va a interagire col programma e con le esperienze, col background che ho dentro e do una risposta.

Stimolo e risposta sono legati da un legame che è insolubile, ad esempio c’è G. (indica un componente del cerchio), no?, che è disposta a mettersi in discussione e allora io notavo una cosa, oggi, ma l’avevo notata anche …, allora io dico a G. ‘il mio giudizio è che ogni volta che io faccio una domanda a A. mi rispondi tu (ride). Poi dice S. ‘oh, non lo fa parlare perché ogni volta che uno gli rivolge la parola o gli fa una domanda risponde lei. Allora io dico ‘il mio giudizio è … Allora se ho un background mio personale, cioè ogni volta che io chiedevo una cosa a mio padre mi rispondeva mia madre, sapete in cosa si trasforma, il giudizio? In risentimento. Se, ancora di più, io ho una compagna e ogni volta che qualcuno si rivolge a me risponde lei, questo diventa proprio risentimento.

E allora non userete il giudizio ma userete una forma di risent ‘Io risento con te perché ogni volta che lui parla rispondi tu’ in realtà sto pensando a mia madre, e si scatena tutto un processo che riguarda le proiezioni , perché in fondo la nostra vita è fatta di proiezioni, e se lui (indica un altro componente del cerchio) ha avuto un abuso da suo fratello quando era bambino (da notare che il Moccia non faceva esempi a caso ma diceva sempre cose personali davvero successe alla persona che indicava) in realtà in che cosa ha trasformato questo abuso? In una sfida col maschile, cioè in un conflitto con gli uomini, in un sentimento di sentirsi minacciato dagli uomini e infatti l’attività principale di N. era trovare uomini potenti eh? ( Si rivolge a N. chiedendo conferma) è vero, quasi sempre, e scoparsi le compagne di questi.

Lui in quella maniera, qualcun altro in un’altra, è chiaro che noi abbiamo rispo … questa si chiama ‘energia automatica’. Ricevo uno stimolo, o addirittura lo creo io stesso, lo stimolo, per appagare il vuoto che c’ho dentro e do una risposta.
Ecco perché noi useremo una forma di comunicazione dove quello che io vi chiedo è di usare meno parole possibili . Quando voi dite a qualcuno ‘io ti amo veramente tanto’ è perché non siete capaci di dire ‘io ti amo ’. Dico ‘veramente tanto’ per dire ‘forse c’ho qualche dubbio’. Per cui noi aumentiamo quello che è piccolo e diminuiamo quello che è grande.

Per cui eliminiamo gli aggettivi, gli avverbi e nelle lingue sacre, ad esempio, non esiste una piccola cosa, che è il se. Se io fossi, farei … No, tu lo sei o non lo sei, se lo sei lo fai e è come se noi viviamo al condizionale congiuntivo: mi piacerebbe o se io potessi. Per cui è come se creiamo una realtà virtuale che è separata dalla realtà vera. Il nostro compito è andare nella realtà quella vera. Anche se qualche volta la realtà quella vera ci crea ferite, ci crea dolore, ci crea …
Un’altra cosa che volevo dirvi useremo meno aggettivi possibili. Quando comunicate con le persone guardatele negli occhi e se avete qualcosa da dire a qualcuno, ah siate diretti e siate chiari. Evitate di sedurre per punire: tu sai quanto bene ti voglio però ti voglio dire sei stata una stronza perché … Cioè non c’è bisogno di dire che ti voglio bene. Ditele soltanto che sei stata una stronza o robe del genere. Per cui siate concentrati: poco ma chiaro.

(09:21) Apprezzamenti, risentimenti giudizi e condivisioni. La condivisione è quando abbiamo un pezzo in comune con l’altro, per cui N. e M. possono condividere tra di loro com’è essere abusati dal fratello. Hanno un’esperienza in comune per cui possono parlare della stessa esperienza. Come ce l’aveva tuo fratello (ride e ridono altri del gruppo) a me me lo ha messo nell’orecchio, a te … per cui si chiama condivisione, questa, quando c’è un pezzo in comune che posso condividere con l’altro.

La condivisione diventa giudizio se io osservo un pezzo dell’altro e glielo mostro e ad esempio, M. entra in bagno e tutti quan… e ci sta tre quarti d’ora e gli altri non riescono ad andare in bagno. Lui si prende la rivincita rispetto ai fratelli e gli altri rimangono appesi. Allora questo può diventare giudizio: il mio giudizio è che tu non rispetti le persone. Lui dice ‘No, non è vero’. Grazie è la risposta.

Usate come risposta il tenervi dentro le cose anche quando non vi piacciono. Quando vi viene detta una verità attraverso la forma del giudizio, della condivisione, del risentimento eccetera o dell’apprezzamento, l’apprezzamento potete anche non farlo perché quelli non servono e la sensazione è che rasentano il filo della seduzione, il nostro compito non è sedurre l’altro.’ Ah che bella persona che sei, sei una persona meravigliosa’ non serve a un cazzo tanto a me personalmente non mi serve ah, una verifica sui miei talenti o su quanto ah può essere bella la mia parte bella, quella la conosco. Ah, piuttosto mi serve vedere qual è la mia parte vuota, la mia parte dove io devo lavorare.

Perché il grazie, perché quando io dico a una persona o quando qualcuno dice all’altro qualcosa che all’altro non piace, la voglia qual è? La voglia è quella di rispondere ‘non è così, non è vero, fatti i cazzi tuoi’ . Grazie –uhm- la tengo lì. E così questa energia che mi spinge a dare una risposta, che si chiama energia automatica, dopo un po’ si trasforma e genera un altro tipo di energia che è l’energia sensibile.

Se uno viene da me e mi dice ‘il mio giudizio è che tu sei presuntuoso e arrogante’gli dici ‘ma fatti i cazzi tuoi’ no ‘grazie’, la tengo, e allora posso guardare una parte di me che è generosa e un’altra parte invece che non lo è; una parte di me che è affidabile e un’altra parte che non lo è, una parte di me ahhh, che è buona, un’altra che è cattivissima. Per cui è come se noi abbiamo un angelo custode e un diavolo custode e tutti e due ci parlano, eh, non è che ci parla soltanto uno, per cui, impariamo ad ascoltare queste due voci per imparare su noi stessi e poi avremo il potere di scegliere con quale di queste due voci stiamo meglio e credo che questo permetta all’energia proprio di trasformarsi da energia automatica in energia sensibile, cioè quella che mi permette di svelare gli opposti.

Quando siamo in questa dinamica con l’energia sensibile, questo mi apre uno spazio per l’energia conscia, che è quella della coscienza, della consapevolezza, dove noi siamo in grado di scegliere tra le due parti di noi e l’energia conscia è la porta per l’energia creativa che è l’energia dello spirito, che è l’energia che ci permette di creare la nostra storia.

Il grazie vi serve proprio per starci dentro. E’ vero, prima vi ho detto non usate gli apprezzamenti, però per alcune persone, addirittura l’apprezzamento genera una ferita più che un risentimento. Se uno ahhhh un tempo avesse detto a W. ‘sei un pezzo di merda’ lui ahhh. Se invece gli avesse detto ‘tu sei una bella persone, mi fido di te’ era come una coltellata nella pancia. Ti ricordi? (rivolto a W. Che risponde ‘Sì’) Come se uno lo, cioè lui aveva il potere di essere ferito soltanto dal fatto di poter guardare la sua parte grande, la sua parte bella e dentro questa cosa c’è il segreto della vostra storia, per cui onoriamo apprezzamenti, risentimenti, giudizi, condivisioni ahh, che differenza c’è fra un risentimento e un giudizio?

Il risentimento è quando noi siamo coinvolti personalmente come esperienza personale in quello che stiamo dicendo e … per cui ci va a toccare. Se io sono stato tradito eeee boh eeee (si guarda intorno) arriva in un cerchio una che ha tradito il suo compagno, sento risentimento. Quando ho guarito questa ferita non sentirò risentimento, ma quello che sentirò è uno spazio di giudizio o addirittura di condivisione, per cui usiamoli in questa forma, la risposta è sempre grazie.

Evitate di rispondere subito, la voglia di rispondere nasce da una parte automatica che non serve al nostro lavoro. Questo come, diciamo, movimento di base per comprendere i pezzi che verranno. E … usate questa parte come base per ciò che diciamo sarà il lavoro dei prossimi giorni. Eh, potete entrare con le cartelline?

Per fortuna c’è il tempo libero. Non ci sarà. Lo avrete il tempo libero, dalle tre di notte alle cinque del mattino siete liberi. (16:33)
Da notare che la mancanza continua di un numero adeguato di ore di sonno –circa 4 0 5 per notte-, lo sconvolgimento completo dei ritmi biologici – si mangiava ad ore assurde, il pranzo fra le 4 e le 6 del pomeriggio, la cena dopo le 11 di notte ma mai ad orari fissi- è una delle tecniche usate dai gruppi settari per facilitare nelle persone l’indebolimento delle capacità critiche e l’instaurarsi di una condizione emotiva molto fragile che permette al condizionamento mentale di farsi strada senza difficoltà.

Da qui in avanti vengono date ai partecipanti una serie di istruzioni. Vi sono molti tagli nel video, ove possibile cercherò di integrare le informazioni.

E lavoreremo nel tempio, fuori, ma anche da quella parte, al dilà del diciamo di questa parete, qui c’è la porticina che porta si dice nel bosco dei giudizi, il bosco dei giudizi (l’uliveto che viene inquadrato all’inizio del VHS 2). E in quel bosco c’è il fuoco. Avete visto delle torce qui davanti con 3 katane e quelle torce adesso stanno sulla pedana a destra e simbolicamente quella rappresenta il fuoco che è qui alle spalle che è già in funzione da praticamente da tardo pomeriggio, da stasera e (… taglio nel video)
eh gli orari potranno cambiare, non quello di inizio ma eh, diciamo l’orario del pranzo alcune volte (… taglio nel video)
potrà accadere che bisogna spostare qualche stanza, gli spostamenti vanno fatti (… taglio nel video)

Da notare che il Moccia poteva spostare le persone da una stanza all’altra se riteneva che la vicinanza con altre fosse più consona a ‘farle entrare nel loro processo’.

Qualche volta abbiamo lavorato anche dopo cena, quando la cena non era alle due di notte per cui (… taglio nel video)

Eh qui c’è qualche coperta però sono molto poche per cui portatevi una coperta dalla vostra stanza o andatevi a prendere una coperta da qualche parte (rivolto a chi deve vegliare il fuoco o passare la notte nel tempio) (… taglio nel video).

… se vi cambiate la maglietta, staccatelo da una maglietta e mettetelo sull’altra (sta parlando dell’etichetta col nome che i partecipanti dovrebbero portare addosso, ben in vista), se non si attacca prendetene un altro, scrivete il vostro nome sul foglio poggiando il foglio su una cosa più dura perché altrimenti (risate) (… taglio nel video).

… o fate un sogno che vi svela delle parti, annotate qui pensieri, emozioni, cose che vengono fuori o altro (probabilmente parla del quaderno che viene dato in dotazione al momento dell’iscrizione, quello su cui i partecipanti dovranno scrivere durante l’esercizio delle sedie). Ripeto (taglio nel video)

… l’altra è una è così una guida per voi dove potete scriverci delle riflessioni, dei pensieri (taglio nel video)

Il nome scrivetelo anche su una parte della copertina, oppure prendete un’etichetta gliela mettete sopra e ci scrivete … (taglio nel video)

Per quanto riguarda il lavoro del ki training, il lavoro sarà sostenuto … (taglio nel video)

Il ki training consisteva in una miscellanea di esercizi in parte di ginnastica e stretching, in parte di centratura –si impara a stare nel ki-, in parte esercizi di respiro continuo forzato con annessa visualizzazione guidata dal Moccia i cui effetti sui partecipanti avremo modo di vedere nei prossimi video. Vi era poi l’allenamento a ‘tagliare’ e ‘dirigere l’energia’ fatto con le katane di legno.

… e diciamo, con cui ho lavorato un po’ proprio per adattare il tipo di lavoro alle nostre esigenze, per allinearlo con quello che noi abbiamo sempre fatto con il ki training e dove c’è un approfondimento anche della parte corporea, della parte fisica, dove arriveremo a lavorare con le spade e così via e … (taglio nel video)

… una è la capacità di vedere e questo permette l’unificazione della persona, dove mente e corpo funzionano insieme. Anche perché quando andremo in eventi emozionali molto profondi e molto forti, voi dovrete avere la centratura perché altrimenti sbroccate, per cui dovremo fare un lavoro serio.
Importante per la gestione di questi giorni sono alcune funzioni. Servono i custodi del fuoco, chi vuole occuparsi del fuoco … M. (taglio nel video)

… poi lì al fuoco ci sarà una cerimonia, il penultimo giorno, che … è molto importante, che sarà il lasciare andare delle parti … (taglio nel video)

Altra cosa che serve sono i custodi del tempio o le custodi del tempio e custodire il tempio che significa? Significa che dovrete, durante i tempi e durante il lavoro, negli spazi liberi, mantenere la pulizia, significa questo cheeee il vomito e tutte le cose che verranno fuori eh, noi scherziamo però è così, porterete via i fazzoletti, le carte, tutta quella robaccia che vien fuori dal lavoro eee chi si offre? (21:38)

G., L., V., F. e A. Ovviamente dovete tenere pulito anche fuori, il piazzale, per cui ci sarà da mantenere proprio … (taglio nel video).

Qua … si allaga la stanza per cui (taglio nel video)

Evitate di andare da T. o altro perché non si risolve niente. Abbiamo chiamato l’elettricista, alla fine P. è salito a cambiare le due lampadine da sopra … di sigarette, di aulin o altro, ci saranno delle persone, naturalmente un paio di persone dotate di macchina che andranno a Ostuni, andranno a comprare, hanno l’elenco della spesa da fare (taglio nel video)

Da notare che i partecipanti, durante l’intensivo, non uscivano dallo spazio ristretto dello Spagnulo. Se avevano bisogno di qualcosa, erano i due delegati ad andare a procurarla. I giorni dell’intensivo si passavano praticamente isolati dal mondo.

… per cui una volta ti accompagna R., una volta … Chi fa la sveglia? W. e S. rispettatevi reciprocamente, rispettate lo spazio. C’avete la sveglia, voi due? La sveglia ce l’avete? Ci vuole uno che svegli quelli della sveglia (risate). Perfetto. Adesso facciamo un piccolissimo break. (0:23:24)

Moccia toglie gli oggetti che formavano il triangolo al centro del tempio e lascia solo un cero acceso. Dopo il break, i partecipanti rientrano e rimangono in piedi formando un cerchio tenendosi per mano. Colonna sonora: musica rilassante ed evocativa new age.

Moccia: E’ bene che vi togliate gli occhiali, metteteli …
Il viaggio che ciascuno di noi compie in questa realtà che è il mondo, e parlo proprio della mia esperienza, esistono due parti di noi, una che vive lo spazio interno, ciò che noi siamo, e l’altra che vive il dialogo col mondo. Spesso queste due parti sono molto distanti. Ciò che vive dentro il mio cuore è diverso da quello che offro al mondo e noi viviamo sdoppiati.
Sdoppiati significa senza identità e senza autenticità, e dietro tutto questo c’è una sorta di solitudine. Chi di voi ha vissuto la solitudine? (i partecipanti alzano tutti la mano) E’ collettiva, dove in realtà io vorrei incontrarti ma non posso, non so fino a che punto quello che tu mi dici è vero, non so fino a che punto quello che io ti dico è vero.

Moccia fa fare ai partecipanti una regressione guidata.

La ricerca della autenticità e dell’identità credo che sia la ricerca più importante della nostra storia e noi stasera metteremo le basi per il lavoro che faremo perché io voglio chiedervi adesso di chiudere i vostri occhi e davanti a me metto la mia vita, la guardo e guardo da un lato le cose che io volevo. In queste cose c’è il mio sogno, che era il sogno di me bambino, che era in fondo il sogno dell’amore, la possibilità di essere semplicemente me stesso, perché fondamentalmente nel mio cuore io so, al dilà della mia rabbia, della mia paura, della mia tristezza, della mia solitudine, quello che io di me so è che in fondo sono buono, però ho imparato a combattere, a combattere contro, per difendermi e per proteggermi.

E quello che posso fare è scivolare indietro nel tempo, al tempo della mia infanzia, dove in quel tempo c’era la mia fede, c’era l’entusiasmo, c’era la curiosità, c’era il desiderio, c’era il piacere e c’era la bellezza.

E vado al tempo di una ferita profonda che ha segnato il mio cuore, la mia vita e questa ferita ha un nome, si chiama ‘tradimento’. Quello è il giorno in cui ho imparato che in fondo sono solo e che ce la devo fare da solo.

E vado al tempo in cui io mi sono separato da tutto e da tutti, anche se ho vissuto nel mondo. Separarmi significa lasciare che una parte di me vivesse soltanto dentro di me e non si manifestasse nel mondo, perchè se io (non ? 29:55) avessi mostrato questa parte di me al mondo, io sarei stato ancora ferito.
E la domanda che ho nel mio cuore è, nel guardar la mia vita, è molto semplice: Cosa c’è di me che è sbagliato? La risposta è : Nulla. Se Dio mi ha creato a sua immagine e somiglianza, non ci può essere nulla di sbagliato.

Ma vado anche a una parte di me che non aveva occhi per vedere e orecchie per sentire, cuore per ascoltare, dove quello che ho cercato è stato sopravvivere, sopravvivere per essere amato, per essere riconosciuto, perché qualcuno mi dicesse ‘sei una bella persona’.
Ora quello che voglio chiedervi è di lasciare queste mani, e con gli occhi chiusi posso compiere questo viaggio, che è il viaggio di tutto il mio tempo in cui i miei occhi non vedevano e il mio cuore non riusciva a sentire, e posso camminare in questo cerchio con i miei occhi chiusi riportando davanti ai miei occhi l’esperienza, le cose che ho incontrato, le persone che ho vissuto (?) .

I partecipanti girano per il tempio ad occhi chiusi.

Ora posso fermarmi dove sono e nel riaprire i miei occhi posso guardarmi attorno. Quello che vi chiedo è di riprendere questo cammino con gli occhi aperti e voglio chiedervi di guardarvi, di guardarvi, soltanto di guardarvi. E potete riprendere il vostro cammino guardandovi e guardando attorno a voi questo mondo straordinario e sconosciuto, dove in realtà io posso scoprire che in fondo non sono solo e che non ho nulla da nascondere, nulla da proteggere, nulla da difendere.
Sceglietevi una persona di questo cerchio e siate l’uno di fronte all’altro, ora per la prima volta, sceglietevi una persona di questo cerchio.
Posso prenderti per mano e quello che faccio è semplicemente essere nei tuoi occhi per la prima volta. Nei tuoi occhi metto gli occhi di tutte le persone della mia vita e guardo tutte le volte in cui io sono fuggito dai tuoi occhi, chiunque tu sia.

I partecipanti si guardano negli occhi per qualche tempo, in silenzio.

Ora per un momento posso chiudere i miei occhi (i partecipanti chiudono gli occhi) e davanti ai miei occhi porto te, padre, te, madre, te fratello, te sorella, te compagno, te compagna, te figlio o figlia, e la domanda che ho nel mio cuore è, è se io ti ho incontrato, se mi sono permesso ciò che è vero, o se l’incontro con te l’ho vissuto giustificandomi giudicandomi.

Ora nel riaprire i miei occhi sono nei tuoi occhi (i partecipanti aprono gli occhi) posso chiamarti per nome per dirti ‘ io ho fiducia in te, ti offro il mio sostegno e il mio amore’. La risposta è soltanto ‘grazie’ (i partecipanti eseguono).

Ora farete questa cosa anche con altre persone. Sceglietevi nel cerchio le persone con cui volete fare questo.

‘Io ho fiducia in te, ti offro il mio sostegno e il mio amore’ queste sono le parole mai dette, dove in queste parole c’era anche un pezzo della mia ferita. Se vi sentite minacciati da qualcuno, andate dalla persona da cui vi sentite minacciati, se sentite timore nei confronti di qualcuno andate da una persona che vi incute timore e ditegli queste parole chiamandolo per nome ‘io ho fiducia in te’. Fatelo guardandovi negli occhi. Se c’è qualcuno da cui vi sentite minacciati, sperimentatevi con questa persona.

Ora voglio chiedervi di fermarvi e di chiudere i vostri occhi. Pensate al momento in cui avete scelto di essere in questo cerchio, al momento in cui avete detto ‘io voglio essere in questa terra (0:40:32), per questo lavoro’ e la domanda che mi sale è: ‘io sono qui per o perché?’
Qual è il motivo per cui ho scelto di essere qui. Io sono qui per guardare le radici della mai solitudine, io sono qui per aprire la mia vita all’amore, io sono qui perché non ce la faccio più, io sono qui per capire chi sono, perché sono qui?

Da notare come queste parole non tardino a suggestionare alcuni, come dimostrano le lacrime che spuntano sotto le ciglia della ragazza inquadrata al 0:41:06.

Ora, nell’aprire i vostri occhi, sceglietevi una persona … (fine video)

L’esercizio continua scegliendo una persona alla quale dire il motivo per cui si è lì. Di solito, l’esercizio viene ripetuto con tre persone. La richiesta del Moccia, ad ogni successivo cambio di persona, era di ‘andare sempre più in profondità nei motivi che mi hanno portato ad essere qui’. Questo succedeva le volte che ho fatto io codesto esercizio.

fonte: forumcesap

SUICIDI DI MASSA: alla ricerca della verità assoluta

da LABYRIS, n.1/2000 ©
Notiziario di informazione del CeSAP

Non c’è nessuna conoscenza assoluta.
E quelli che pretendono di averla, siano essi scienziati o dogmatici,
aprono le porte alla tragedia.
Tutta l’informazione è imperfetta.
Dobbiamo fidarcene con umiltà.
Questa è la condizione umana.’
(The Ascent of Man – Fjacob Bronowski)

 

 

Nei mesi scorsi un’altra notizia dell’ennesimo tragico suicidio di massa ha colpito la nostra attenzione.
Circa 1000 morti, fra cui decine di bambini sono arsi vivi assieme a rosari, a crocefissi in pezzi, a Kampala, Uganda, il 18 Marzo scorso.
Un bilancio definitivo, però, delle vittime del rogo, seguaci della setta Movimento per la restaurazione dei dieci Comandamenti non sarà mai fornito del tutto.
La stampa riferisce che nessuno si è salvato dal rogo, in quanto prima del suicidio collettivo porte e finestre della chiesa in cui gli adepti si erano rifugiati, erano opportunamente inchiodate per impedire eventuali fughe. Molti però hanno tentato ugualmente di mettersi in salvo, provando a forzare l’ingresso principale, di fronte al quale sono stati ritrovati decine di cadaveri carbonizzati.
Alla vigilia del rogo, gli aderenti della setta avevano visitato i villaggi circostanti per salutare parenti ed amici e per comunicare loro che ‘la Vergine Maria aveva promesso che sarebbe apparsa e li avrebbe condotti in paradiso’. In seguito si erano riuniti ed avevano festeggiato l’imminente fine del mondo, che sarebbe avvenuta in anticipo rispetto a quanto stabilito, dando alle fiamme tutti i propri oggetti personali.
Gli investigatori in questi giorni sono alla ricerca dei leaders della setta, in quanto convinti che questi non si siano immolati con tutti gli altri nel rogo ed ipotizzando il reato di omicidio collettivo.

 

I PRECEDENTI SUICIDI DI MASSA NEL MONDO

Il fenomeno dei suicidi collettivi non è una novità, purtroppo negli ultimi anni con il diffondersi di nuove forme di culto, si è manifestato con un preoccupante intensificarsi.
Difatti, pur proponendosi ai propri adepti come unica fonte di salvezza, alcuni gruppi sempre più spesso sono stati coinvolti in episodi di morti tragiche e devastanti:

• Guyana (1978): circa 900 seguaci, tra adulti e bambini, della setta del Tempio del Popolo del rev. Jim Jones, si suicidarono, bevendo del cianuro. Tra i corpi furono trovati quelli dello stesso Jones, della moglie e del figlio.
• Filippine (1985): 60 seguaci della tribù dell’Ata furono trovati morti per avvelenamento. Con questo gesto il loro guru li aveva convinti che avrebbero potuto vedere Dio.
• Corea del Sud (1987): 32 discepoli della sacerdotessa Park Soon-Ja furono ritrovati con la gola squarciata a causa di un potente veleno che avevano ingerito
• USA (1993): dopo 51 giorni di assedio a Waco, 83 aderenti alla setta di David Koresh morirono nell’incendio di un deposito in cui si erano asserragliati, assediati dalla polizia, che indagava su di loro in seguito alla morte di quattro agenti
• Vietnam (1993): 53 aderenti alla setta di Ca Van Liem si suicidarono per raggiungere il paradiso promesso dal loro capo
• Svizzera e Canada (1994): 48 adepti della setta Tempio del Sole furono trovati morti carbonizzati. Essi erano sicuri di poter approdare, così facendo, alla Loggia Bianca della stella Sirio
• USA (1997): 39 corpi di uomini e donne furono ritrovati in una villa di San Diego in California. Erano appartenenti alla setta della Porta del Paradiso e sostenevano di essere ‘angeli’ provenienti da un altro paese, dove avevano deciso di far ritorno.
TEORIE SUL CONDIZIONAMENTO

I suddetti episodi rappresentano casi estremi di una paranoia collettiva, ma sono anche sintomatici di quanto forte possa essere, in determinate condizioni, l’influenza di particolari forme di organizzazione e di ideologie sull’individuo.
Molti studiosi di tali dinamiche di gruppo interpretano l’acquiescenza dell’individuo alle decisioni dei propri capi
carismatici, sostenendo l’ipotesi del lavaggio del cervello.
Tale espressione, di dubbio valore scientifico, fu coniata dal giornalista statunitense Edward Hunter nel 1951, durante la guerra di Corea. Egli accusava i Cinesi di utilizzare con i propri prigionieri questa tattica, consistente nell’isolamento dell’individuo, nel suo controllo totale, nell’indebolimento fisico e mentale (dovuto al poco sonno e alla scarsa alimentazione), nel suscitare sensi di colpa e attacchi ai suoi sistemi di valori.
Aderire ad un nuovo credo rappresentava, pertanto, una liberazione.
Nel 1979 lo psicologo Richardson definì quasi lavaggio del cervello le tecniche di risocializzazione utilizzate dalle sette, in quanto queste ultime pur prevedendo un totalitarismo ideologico, non comportavano la coercizione fisica.
Difatti, dimostrò che la maggior parte di questi movimenti utilizzava notevoli pressioni per convincere l’individuo all’affiliazione: queste potevano assumere l’aspetto positivo di bombardamento d’amore, quando una persona viene sommersa da affetto e attenzioni immediate; ma potevano anche essere negative e far leva sui sensi di colpa e di inadeguatezza dell’individuo coinvolto.
Autori più recenti, fra cui Steven Hassan (1990) hanno preferito parlare di controllo mentale, in quanto tale definizione spiega meglio le varie pressioni sociali cui quotidianamente si è sottoposti.
Alcuni condizionamenti sono positivi, mentre altri possono risultare negativi. Questi ultimi tendono a minare l’integrità dell’individuo, portandolo anche a rimetterci la vita.
Il controllo mentale si ottiene quando un soggetto viene immerso in un nuovo sistema di credenze, dove, per funzionare, deve rimuovere la sua vecchia identità a favore di una nuova, più confacente a quella del nuovo gruppo di appartenenza.
Il controllo mentale, per la sua riuscita, presuppone l’utilizzo di una serie di tecniche sottili e sofisticate, nonché processi ipnotici e particolari dinamiche di gruppo.

UNA IPOTESI INTERPRETATIVA

Il recente suicidio di massa può essere letto come una risposta tragica ed estrema ad un’esigenza fondamentale dell’essere umano: il suo costante desiderio di ricerca di significati e valori su cui reggere la vita stessa. Quanto più profondo è il vuoto dei valori tanto più affannosa e rischiosa si fa la ricerca.
Nell’ottica del pensiero di Viktor Frankl, soprattutto negli ultimi tempi, l’incidenza del processo di automatizzazione, che caratterizza la nostra cultura, ha trasformato l’uomo in un ingranaggio di meccanismo impersonale ed anonimo, costringendolo a modificare il suo modo di interagire ed impegnarsi col mondo circostante. Egli ha così tagliato i legami col passato, con le tradizioni, non più strumenti sufficienti per dominare la natura, sviluppando un atteggiamento provvisorio dinanzi alla vita stessa ed un crescente fatalismo, che impediscono di prendere in mano il proprio destino.
Di qui lo svilupparsi di un vuoto esistenziale caratterizzato da una forte necessità di colmarlo e da una serie di fallimenti dovuti a modalità errate di risoluzione del problema. Ricercando ed annaspando, difatti, nello sfrenato desiderio di colmare i propri vuoti, egli finisce vittima di insidiosi richiami e di false certezze, che personalità deviate o furbi imbroglioni promettono.
Il pericolo della manipolazione è dunque sempre in agguato!
Fino a che l’uomo è accecato da un bisogno narcisistico e resta concentrato su se stesso, rischia di aderire a sistemi di pensiero totalitario, che promettono verità assolute, strade facili da percorrere, ideologie di comodo cui aderire, …
In questo modo l’uomo continua a trascinare la propria esistenza, lanciandosi in sentieri che hanno come traguardo la distruzione psicologica e fisica.
Storie con epiloghi tragici, come quelle dei suicidi di massa, lanciano una autentica sfida all’intera società e al singolo individuo: superare il narcisismo (nel senso del ‘non esisto che io’) che porta da atteggiamenti di esaltazione a disprezzo di sé, fino al punto di cedere la propria vita ad altri.
E’ necessario dunque che l’uomo impari a concepire il compito della vita come qualcosa di concreto che necessita di impegno e responsabilità. ‘Non c’è niente al mondo che aiuta a sopravvivere, anche nelle peggiori condizioni, ed a colmare il vuoto esistenziale, come la conoscenza che c’è un senso nella vita da trovare e da realizzare attraverso un impegno consapevole e responsabile, che va dalla creatività all’esperienza, dall’arte alla professionalità, dall’ascolto e dalla solidarietà alla sofferenza (Fizzotti, 1998, pp. 27-28)
Lorita Tinelli

BIBLIOGRAFIA

• Linee antropologiche per una bioetica personalistica di Attilio Danese, in Trattato di bioetica, a cura i F. Bellino, LEVANTE EDITORE, Bari, 1992, 165-191
• Le provocazioni del vuoto esistenziale e la logoterapia di Frankl di Eugenio Fizzotti, in Giovani, vuoto esistenziale e ricerca di senso, a cura di E. Fizzotti e A. Gismondi, LAS, Roma, 1998, 13-28
• Combatting cult mind control, di Steven Hassan, PARK STREET PRESS, Rochester-Vermont, USA, 1990

Io perseguitata e minacciata da Arkeon

Parla la psicologa che ha denunciato la psicosetta di Carlo Moccia, sotto processo a Bari
Bari – Lorita Tinelli è una psicologa iscritta all’ordine sin dal 1998 e si interessa di culti distruttivi, organizzazioni devianti e leader carismatici da oltre quindici anni, oltre ad essere stata anche consigliere nazionale del GRIS (Gruppo di ricerca socio religiosa, riconosciuto dalla CEI) Nel 1999 fonda, assisieme ad altri studiosi del fenomeno, il CeSAP, Centro studi per gli Abusi Psicologici, dal 2005 convenzionato anche con due Università italiane (Bari e Chieti). Nel suo percorso di studio e ricerca dei fenomeni da lei studiati, la dottoressa Tinelli è entrata in contatto con diverse persone che le rchiedevano aiuto a causa dell’ingresso dei propri cari nel cosidetto ‘lavoro’ di Vito Carlo Moccia. Tutti, indistintamente, pur non conoscendosi tra di loro, riportavano le medesime esperienze di brusco allontanamento dei propri cari dopo aver frequentato alcuni seminari del Moccia. I genitori riferivano che tale allontanamento da parte dei figli era successivo alla loro disperata confessione di aver ricordato una esperienza di abuso durante l’infanzia, perpetrata da uno dei genitori o da altri parenti o amici col consenso di uno dei due genitori. Altri riferivano che il proprio compagno o compagna, o amico, dopo aver tentato un avvicinamento al gruppo del proprio partner, al chiaro rifiuto, interrompeva i rapporti, ritenuti inutili e un ostacolo nel percorrere “il Sentiero Sacro” proposto da Vito Carlo Moccia. Ed ora quest’ultimo è sotto processo col suo metodo ‘Arkeon’ a Bari e altre città proprio dopo le accuse e denunce di Lorita Tinelli.

Allora dottoressa quando inizia il caso “Arkeon”?
“Arkeon viene alla ribalta mediatica quando una delle vittime – che, oltre a riferire di aver subito una vera e propria violenza di gruppo, ci ha rimesso il progetto di vita familiare in Arkeon, in quanto il suo compagno fu indotto ad una ‘trasgressione creativa [i] ’ dal suo maestro di riferimento – raccontò la sua esperienza in TV nella nota trasmissione di Maurizio Costanzo, “Tutte le mattine”.

A gennaio di quattro anni or sono Maurizio Costanzo, interessato a questo fenomeno, dedicò tre puntate all’approfondimento, invitando anche la sottoscritta nell’ultima puntata, a riferire quanto conosceva in base alle storie raccolte e agli studi scientifici effettuati.

Ebbene un mese dopo la partecipazione televisiva, Moccia e i rappresentanti di alcune società e associazioni da lui stesso fondate e aventi prevalentemente sede legale in via Amendola, in Bari (Tribe Human Consulting, Tribe Human Communication, Terre d’Incontro, Kidokai), inviarono alla sottoscritta sia in qualità di professionista che in qualità di presidente del CeSAP e a soli due fuorusciti che avevano partecipato alla medesima trasmissione del Costanzo (malgrado anche altri presenti, incluso lo stesso Costanzo avessero espresso dei giudizi molto più forti dei nostri) un atto di citazione per diffamazione con richiesta di danni di oltre 4 milioni di euro.
Dopo circa un altro mese lo stesso Vito Carlo Moccia deposita una richiesta urgente per la chiusura del sito del CeSAP, dove diverse persone iniziavano ad avere il coraggio di raccontare la loro devastante esperienza nel percorso Arkeon. Nello stesso anno, nel mese di Aprile, un centinaio di membri di Arkeon a vario titolo, incluso Moccia, sottoscrivono un kit di denuncia, appositamente predisposto dagli avvocati del Moccia e ritrovato con gli allegati, durante le indagini. Insieme al kit è stata ritrovata anche una email dell’avvocato di Moccia che, incoraggiando a sottoscrivere tale denuncia in massa, si esprime in termini denigratori circa le affermazioni riportate dal CeSAP, palesando un atteggiamento probabilmente non in linea con la professionalità sancita dall’Ordine degli Avvocati. Tale denuncia è stata depositata da ogni adepto di Arkeon in ogni parte d’Italia, evidentemente per rendere ancora più dispendiosa e faticosa l’azione di difesa dei querelati”.

Cosa è accaduto dopo?
“Quest’evidente lite temeraria ha finito per suscitare un grande interesse presso la Procura di Bari, che ha effettuato le indagini che hanno portato ai risultati che oggi conosciamo, ovvero l’apertura di un procedimento penale nei confronti di 11 membri di Arkeon, incluso il fondatore e la sua stessa moglie. Tutti accusati a vario titolo di associazione a delinquere, abuso della professione medica e psicologica, incapacità derivata da violenza, maltrattamento di minori e calunnia. A Milano è stato stralciato il reato di violenza sessuale contestato ad uno degli 11 imputati presso il Tribunale di Bari, ma che avrebbe consumato il reato in Lombardia ”.

E a Bari, invece qual è stato l’esito dei contenzioni legali?
“A settembre 2006 il Giudice Michele Salvatore, del Tribunale Ordinario di Bari, ha deciso in merito al provvedimento urgente di chiusura del sito del CeSAP da parte di Moccia, sostenendoche in virtù della libertà di espressione ciò non potesse essere possibile. Lo stesso Giudice esprime un giudizio di merito riferendo che l’attività del CeSAP fosse meritoria nella tutela delle  vittime di false psicoterapie.
La causa civile promossa con la richiesta di oltre 4 milioni di euro è ancora in corso a Bari, con prossima udienza il 13 aprile, data in cui sarà interrogato lo stesso Vito Carlo Moccia.
Diverse procure d’Italia hanno archiviato le varie denunce penali depositate presso di loro dai vari membri di Arkeon e i primi 46 di loro sono indagati, presso la Procura di Bari, per concorso in calunnia, per aver cioè denunciato le solite tre persone (la sottoscritta e i due fuorusciti di Arkeon) sapendole innocenti”.

Scusi, dottoressa Tinelli, la in cosa consistono le minacce e molestie di Arkeon?
“Subito dopo le trasmissioni di Costanzo ci sono stati resi noti dei messaggi, firmati da membri di Arkeon, in cui si minacciavano azioni di militanza a difesa di Vito Carlo Moccia, contro i suoi critici.
Nell’Ottobre del 2007 la procura di Bari emette una ordinanza con richiesta di misure cautelari nei confronti dei primi 6 membri di Arkeon indagati, tra cui il Moccia. Oltre a questo sigilla i locali della sede legale di Arkeon e ne chiude tutti i siti, al fine di evitare che il gruppo continuasse le proprie attività nonché a promuoversi.
Nonostante le precise disposizioni della Procura, 80 membri di Arkeon organizzano a febbraio 2008 un incontro presso un hotel romano con una studiosa di religione, con richiesta di aiutarli a riabilitare la credibilità dello stesso Arkeon. In questo incontro, immortalato in alcuni filmati, la studiosa sembra offrire precise indicazioni al gruppo Arkeon su come raggirare le disposizioni della procura e su come riabilitare l’immagine di Arkeon al grande pubblico mediante siti creati ad hoc e migliori definizioni del percorso Arkeon. I poliziotti della Digos interrompono l’incontro, interrogano alcuni dei presenti, tra cui un sacerdote, una suora e un noto attore del piccolo schermo, e sequestra tutto il materiale presente. Nonostante questo, la studiosa interpellata da Arkeon apre un forum nel proprio sito e, come sostiene una relazione della stessa DIGOS presente negli atti del processo, permette ai membri di Arkeon di riorganizzarsi e di promuoversi, ma anche sembra indurre alcuni testimoni a ritrattare le dichiarazioni già rese durante le indagini alla DIGOS. Immediatamente il forum viene bloccato dalla Procura con una ordinanza di sequestro preventivo, visto l’ostacolo che tale situazione poteva provocare all’ indagine che intanto proseguiva. La studiosa di religioni viene indagata per abuso della professione e associazione a delinquere e la sua posizione è ancora pendente presso la Procura di Bari.
Beh da quel preciso istante, alcuni membri di Arkeon, insieme alla stessa studiosa e ad altre tre persone dello stesso entourage della studiosa hanno iniziato un sistematico progetto diffamatorio contro la sottoscritta e altri testimoni del processo, nonché vittime di Arkeon.
Insieme hanno creato una quindicina di blog a me dedicati in cui hanno tentato con ogni mezzo di minare la mia credibilità professionale. Mi hanno anche diffamata presso i miei contatti professionali e presso l’Ordine degli Psicologi, nonché presso associazioni italiane ed estere con cui ho collaborato per anni. E’ stato addirittura più volte contattato, per telefono e per lettera, il Ministero di Giustizia col quale il CeSAP ha collaborato in passato. E non è finita …”

Che altro è accaduto?
“Anche alcuni testimoni e vittime di Arkeon sono stati derisi e denigrati negli spazi virtuali appositamente creati e sono state condotte “indagini”, da parte del medesimo gruppo di militanti, anche nei confronti di alcuni collaboratori del CeSAP, nonché di prossimi testimoni al processo. Dai documenti processuali emerge che alcuni adepti di Arkeon avevano preparato persino un dossier sulla sottoscritta, poi sparito miracolosamente dal pc dell’autore.
Guardi io stessa vengo costantemente inseguita in ogni spazio della rete informatica cui ho accesso e le mie conversazioni ricopiate e inserite in altri contesti, al fine di offrire al pubblico una immagine deturpata della sottoscritta. E’ stata persino ritoccata e stravolta una mia fotografia al fine di deridermi personalmente e professionalmente. L’autrice di tale azione, di cui conosco nome e cognome, ha immesso tale foto nella rete, sbeffeggiandomi con testi offensivi e irriverenti, facendola rimbalzare di blog in blog, con l’appoggio dei membri di Arkeon.
L’estate dell’anno scorso un altro messaggio ‘anonimo’ avvertiva che si stava programmando una spedizione punitiva”.

Ma di cosa l’accusano gli adepti di questa psicosetta?
“La colpa principale che mi viene attribuita da questo gruppuscolo di militanti è l’aver manipolato la stampa e la magistratura. In realtà sono stata semplicemente una persona informata sui fatti e nel procedimento penale sarò una delle testimoni del PM, nonché parte lesa e parte civile per alcuni dei reati contestati agli imputati.
Le dirò: questa attività molesta protratta ormai da oltre due anni sta producendo dei seri effetti. Per quanto mi riguarda ho dovuto fare delle sostanziali modifiche nella mia vita per evitare, quanto possibile, gli effetti devastanti di qualche squilibrato esaltato. Anche i miei pazienti e gli utenti del CeSAP risentono di tale clima. Ma soprattutto le vittime di Arkeon che dovranno anche testimoniare nell’ambito del procedimento penale.

Già, il processo a Moccia riprende fra tre mesi a Bari …

“ Sì, ci sono stati un paio di rinvii, ma soprattutto già ci sono state defezioni nella prima fase del procedimento civile. Alcuni testimoni hanno parenti ancora vincolati a Moccia. Altri temono che prima o poi la macchina della ritorsione attraverso denunce e diffamazione possa travolgere anche loro e non possono permettersi di perdere lavori e di vivere ancora in uno stato di forte
stress, oltre a quello già vissuto. Altri ancora hanno ricevuto minacce.
Ricordo che alcune delle persone in prima linea nel progetto di diffamazione e di molestia sono indagate e agiscono noncuranti delle disposizioni della Magistratura”.

Il Caso
Se la giustizia abbandona chi denuncia
Da oltre due anni quindi la storia di molestie e stalking procede. Chi denuncia, chi ci mette la faccia alla fine ha la sensazione di essere lasciato solo dalla Giustizia e dalle Istituzioni. Solo a trovare strategie di difesa. E tale stato di lentezza è una cosa molto pericolosa perché alimenta la paura e l’omertà. C’è gente che dice ‘ho paura di essere presa di mira come Lorita Tinelli’. Ed è assurdo che in uno stato civile come il nostro a pagare duramente siano le persone che denunciano e le persone informate sui fatti e non chi commette i reati.

Il ritardo nell’intervento delle Forze dell’ordine e delle azioni della Magistratura ha purtroppo favorito l’azione indegna di persone senza scrupoli, che ha causato e continua a causare danni irreparabili alle vittime di Arkeon e a chi prova a sottrarsi e a denunciare, per il solo ‘crimine’ di aver collaborato con la Giustizia. E’ necessario invece che ci sia una maggiore tutela di chi collabora con la Giustizia, per evitare che quest’ultimo sia per questo ancora bersaglio di ritorsioni, molestie e minacce sia mediante l’uso strumentale della legge sia per mezzo dell’uso improprio della rete informatica, con il probabile scopo di intimorirlo e scoraggiarlo, in sede processuale, in vista della sua deposizione. Una deposizione testimoniale liberatoria che, invece, sembra non arrivare mai ….

Francesco De Martino
Il Quotidiano di Bari, 12 dicembre 2010, p.3
[i] La “trasgressione creativa” secondo un ex maestro di Arkeon.
Questa “meraviglia” l’ho vista applicare solo a donne che non avevano intenzione di “piegarsi”. Se la moglie oppone troppa resistenza al “passaggio”, salta fuori la mitica “trasgressione creativa ”, agita o solo minacciata, che è una delle più brutte e cattive violenze psicologiche che si possano fare ad una persona: bisogna assistere al tradimento del proprio partner che rivolge le sue attenzioni a una del gruppo che “ha fatto il passaggio” o comunque è “più affidata” stando zitte e accogliendo quella “punizione” perché non si è fatto il passaggio. Allora, o diventi come vuole il maestro e di conseguenza come vuole il gruppo pilotato dal maestro, o vieni lasciata da tuo marito per un’altra donna più docile e “allineata”. E con quale soddisfazione ho sentito il maestro raccontare come queste donne abbandonate passavano le loro giornate a piangere o urlare la loro impotente rabbia al telefono, con lui che non perdeva occasione di girare il coltello nella piaga. Credo che qui si possa ben parlare di sadismo allo stato puro, che viene mascherato da strumento di evoluzione. Questa situazione porta molto spesso una persona a dover sottostare ad umiliazioni e a prostituirsi, in senso psicologico, per non perdere la persona amata e che spesso è rimasta l’unico riferimento affettivo che ha nella vita. Ho anche sentito dire, da chi l’ha vissuto, che questo spesso porta anche a meditare il suicidio. Col nome di “ trasgression
creativa ” vengono definite anche altre “pratiche” che ho sentito il maestro consigliare alle persone di mettere in atto per trasformare o risolvere varie situazioni. Si andava dal consigliare a comunisti convinti di votare il buon Silvio, al mangiare cose che si avevano in odio, e chi più ne ha più ne metta. La teoria che sta alla base di queste “trasgressioni creative” è che facendo qualcosa che non si sarebbe mai fatto o voluto fare, si va a rompere uno “schema mentale” della persona che le impedisce di fare scelte diverse. Un po’ astrusa la scusa, mi sembra, ma questa è una mia opinione.
Tiresia

Nota: Ad oggi, 11 Aprile 2012 leggo su alcuni blog di membri di Arkeon e di sostenitori di Arkeon che io avrei denunciato la Dr.ssa Di Marzio all’autorità giudiziaria, per non ben precisati motivi, relativamente alla questione che nel 2008 la vide indagata per associazione a delinquere per fatti inerenti ad Arkeon e per abuso della professione. Tale affermazione è assolutamente calunniosa in quanto sulla questione specifica non solo non c’è alcuna denuncia a mio nome nel fascicolo riguardante il caso Raffaella Di Marzio e neppure esiste alcun  verbale di sommarie informazioni che mi riguardi in relazione al caso medesimo. Pertanto chiunque continua a generare e divulgare tale ricostruzione faziosa di quella circostanza non fa altro che contribuire a perpetrare  l’attività diffamatoria e persecutoria posta in essere sin dal 2006 a mio danno e a danno del CeSAP, come  riferito nella mia intervista al Quotidiano di Bari e negli atti depositati presso la Procura di Bari e di Lecce, e perdurante a tutt’oggi.

Dr.ssa Lorita Tinelli